Eleaml


LU TROVATORE

Giornale Spassatiempo

(1 - Editoriali 1866)


(se vuoi, scarica il testo in formato ODT o PDF)

Mettiamo a disposizione di amici a naviganti gli editoriali del primo anno de LU TROVATORE. Un giornale che merita di essere conosciuto per la opposizione decisa che fece al nuovo regime sabaudo-italiano. Riportiamo uno stralcio dal primo editoriale:

“Аnne fa tenevemo a cape nuoste la scumma de li birbante, che credevemo galantuommene. Оgge li meglie galantuommene, cagnanno de fede, se so arredutte peggio assaie de li birbante.

Е lu popolo aspetta e capozzéа. — Е stu popolo ca pe sej anne s'é lassato portà pe lu naso ha creduto ed ha aspettato. Ма mo è n’articolo de fede e non credimmo a niente cchiù.

Мо quanno nce parlano d’unita, de Roma capitale, e de tutta la mmala pasca che se li balle nce facimmo na risata a schiattariello.

Se' anne fa éramo schiave, mo simmo libere! e s’é capito! — Аvimmo liberate li muorte de famma da li ergastole, da le galere, e l’avimmo sagliute mperichicchio; e che nn'avimmo avuto nn’avimmo avuto ca sti tale signure so state li primme a tirarce li piede.”

Il giornale nasce quando si sono consumate tutte le illusioni legate alla guerriglia e alle speranze di riportare sul trono delle Due Sicilie i Borbone. Il brigantaggio politico si è esaurito per insipienza politica di chi avrebbe dovuto e potuto sfruttarlo militarmente e, soprattutto, per i timori delle classi abbienti meridionali che vedevano in esso un pericoloso sovvertimento dell’ordine sociale.

LU TROVATORE subì vari sequestri e già nel primo anno non potè uscire per diversi mesi.

Leggiamo in “Notizie biografiche e bibliografiche degli scrittori del dialetto napolitano compilati da Pietro Martorana”:

“15 Gennajo — Lu Trovatore. Quarantasette numeri in folio picco lo. Tutto in dialetto. Sofferse quattro sequestri. Direttore D. Saverio. Gerente Giuseppe Sferra. Tipografia dell' Ateneo, eccetto i numeri dal 15 al 18 che sono editi dalla Tipografia dì Pasquale Androsio: dopo tre mesi e 24 giorni propriamente il dì 28 Agosto ricomparve di nuovo, seguendo l'antica numerazione, con lo stesso D. Saverio Direttore, Gerente Giuseppe de Angelis, Tipografia Vico Gcrolomini, e dal N.° 81 fino al N. 100 nella Tipografia dell'Ateneo, e con questo numero termina il 1.° anno. Questo giornale è in corso ed ha avuto altri tre sequestri, e fin oggi è giunto al N.° 24 del 2.° Anno.”

Nella stesura degli editoriali ci siamo serviti di uno fra i due più noti software OCR in circolazione e nella revisione del testo di LibreOffice con un dizionario napolitano ‘casalingo’ - napulitano.dic (usa tasto destro per scaricare) - di circa 30 mila vocaboli, che mettiamo online. Nel leggere questi testi siamo rimasti sorpresi nel ritrovare in essi al 99 % la nostra lingua materna – appresa fra Vallo di Diano e Cilento tra fine anni cinquanta ed inizio anni sessanta. Il che ci ha fatto pensare che nelle Provincie Napolitane esistesse una unità linguistica, ne abbiamo solo perso la memoria. Come della nostra storia del resto.

Buona lettura e tornate a trovarci.

Zenone di Elea – 3 Gennaio 2018

Anno I.—Num. 1 Lunnedi' 15 Jennaro 1866



JENNARO

FREVARO

MARZO

JENNARO

Anno I. - Num. 1 Lunnedi' 15 Jennaro 1866

A CHI NCE ACCATTA

Asciuto da miezo a la crassa de lu popolo, pe di meglio da miezo a le sporte de li saponare, nuje nce facimmo nnante co la lenterna che ne e' compagna, e dicimmo a voce auta a chi nce vo senti: eccoce ссa' a nuje.

La matina rociolianno Napole sotto e ncoppa, mpizzannoce pe dint'a le tabbaccarie, Ca'fe, tratture, luoche prubbeche, ex ministere; scarpesanno le chiazze tutte; e la sera pe sotto S. Carlo, nnante a li triate siconnarie, pe ncoppa a lle locanne, farrammo de moda e manera comm’appura' tutte li fatte de lu prossimo, metterle ncarricatura, e presentarle a lu prubbeco appassionato de ridere.

Suddeto fedelissemo de chi nce da a magna', portarrammo no rispetto gruosso a chi nce coverna meglio, seguenno lo mutto antico guarda' lu lauriello: a' chi me da' a magna' io chiammo tata.

Avarrammo sempe na parola de mmaledizione pe tutte chille che banno contro a la povera gente, e non bonno campa' co le fatiche.

Secutarrammo senza rimessione de peccato a tutte chille zucasango che se chiammano patrune de casa, e non l'accordarrammo nisciuno parmo de turreno mente campanmo.

Lu stesso va ditto pe ll'ausurare che a usanza de li MinistrE nuoste sacrifecano co tasse e soprattasse la povera gente, e la menano ogne ghiuorno a precepizio.

A chi fosse curiuso de sape' pe qua santo ascìmmo, risponnimmo co doje parole: pe nisciuno santo. Nuje amammo tutte li Rri de ll’univerzo, qua'nno se fanno vole bene; ma avimmo na preferenzia particolare pe lu Rre de miezocannone che se sta sempE cujeto ncoppa a la fontana soja, e non e' stato maje capace d’aggrava' de mposta li vicine soggette a isso. Quanno nu rre se vo fa stima' da li popole ll’a' da alleggeri' non aggrava' de pise. Ma ogge, dirrite vujE, li rri non contano niente; ogge conta la camorra, la consertaria, na vranca de mariuncielle che sagliute ncanneliero se stanno spartenno la cammisa de Cristo...... Ed e' pErzo' ca nuje non volennoce ncarrica' de li gruosse pe non nce compromettere, dicimmo a li piccerille: fratie, attiento a lu juoco ca s'accommenza, a' ghiuca' pe buie l’urdema partita.

La bannera de le naziune sta p’averese na certa riforma, diceno cierte. Nuje non ammettimmo autra bannera ca chella de S. Gennaro de li povere, ca non cagna maie.

Tiempo e pacienzia, teccove na raccomannazione che bale no perù, si nce avite fede.

V’avimmo ditto chi simmo e che bulimmo; nce aspettammo da vuje costanza e federtä pe quanto potimmo.

Ma ‘nmateria de federta', chi volite ca sia fedele a li tiempe che correno? ogge tutte se mmutano comme se cagna ll'aria.

Anne fa tenevemo a cape nuoste la scumma de li birbante, che credevemo galantuommene. Ogge li meglie galantuommene, cagnanno de fede, se so arredutte peggio assaie de li birbante.

E lu popolo aspetta e capozzea. - E stu popolo ca pe sej anne s'e lassato porta' pe lu naso ha creduto ed ha aspettato. Ma mo e' n’articolo de fede e non credimmo a niente cchiù.

Mo quanno nce parlano d’unita, de Roma capitale, e de tutta la mmala pasca che se li balle nce facimmo na risata a schiattariello.

Se' anne fa eramo schiave, mo simmo libere! e s’e capito! - Avimmo liberate li muorte de famma da li ergastole, da le galere, e l’avimmo sagliute mperichicchio; e che nn'avimmo avuto nn’avimmo avuto ca sti tale signure so state li primme a tirarce li piede.

Lo ministro Sella ha avuto na sollennissema mazziata da no voluto deputato mmiezo a la via; se dice ca non sta bene, e' no fatto, ma cierte tale che stanno ncanneliero non avriano da stanca a biva forza la pacienzia de la gente!

POpOlo fratiello, nce simmo presentate e basta - TOcca a te a ncoraggiarce e farce na bona accoglienza; penza ca tenimmo no gerente e n’ammenistratore ca s'hanno da nzora' co lu prodotto de stu giurnale!! - Avimmo ditto.

LU TROVATORE

Anno I.—Num. 2 Giovedi' 18 Jennaro 1866

LE SPERANZE DE NO POPOLO

NApOle s’era addormuto ncoppa a lu penziero de la libertA. Doppo lo 15 maggio 48 la Costetuzione s'nn'era juta doce doce a fa frijere, e lu popolo tirava nnante la vita comme voleva Dio, e si non era felice, contento e toculiato, era a lo mmanco no popolo che magnava chello ppoco che poteva co le fatiche soie, e guardava la politeca de lu paese comm’a merce de contrabanno. AllOrA si nquarche ghiuorno se scetava e cercava de vole sape lo comme e lo quAnno ascevano Campagna e Ajossa 'ntridece, e bonanotte a Cola, chi se faceva lo fatto sujo tornava a la casa soja la sera, e chi no lo portavano groliuso e trionfante dint’a le quarantaquatto. MA no juorno, pe disgrazia nosta, se dicette ch’era asciuto lo sole. Era la matina de lu 25 Giugno, Napole aveva pe la seconna vota la felicita' de chella carta, che pe quanto sole darese chiena de do ce prumesse, a lo ccontra la soleno astipA pe ll’uso conveniente! E de fatto, trovateme da che munno e' munno no solo articolo de no Statuto che fosse juto nnante, e boglio perdere n'uocchio.... de Don Quintino Sella, si dico la buscia.

La parola Costituzione a li tiempe che correno s’a da tradurre: Coglionazione, senza ne spina, ne uosso.

Lo governo de la negazione de Dio, s’era scetato costituzionale, aveva capito, no poco troppo tardo, la volonta' de lu paese, e s era miso ncoppa a la bona via. MA la setta de li cammurriste s’aveva chiavato ncapo de non vole sape' niente de le promesse soje e p’arrobbA a larga mano se jette trovanno nautro masto de cappella, non mporta po si la museca fosse o non fosse stata la stessa!!

Cheste so cose vecchie che tutte quante nce avimmo da ricordA, si non autro pe rinfriscA la memoria.

Quanno uno e' canosciuto dint’a lu paese sujo pe bammeniello de primm’aletto, va trovanno sempe de fa l’affare suoje fore paese, addo non e' canosciuto. E accussi succedette; la Camorra, la Conzortaria, che simme sparpagliata tanno ErA sempe la stessa ricorrette a le ggrazie de lu Piamonte, e lle cercaje ngrazia de farle lu piacere venirece a governa isso. E lu mmitato corrette, e non se lo facette di la seconna vota, anze lu poveriello nce ajutaje co arme e denaro, e facette a nuje povere gnorante chella sorta de careta' che solimmo chiamma careta' pelosa! E che ve pare? Si vuje fussevo no povero disperato senza ne scarpe e ne soprabbeto 2 co lo grasso ncoppa a lu bAvero de lu vestito ca ve zompa nfaccia, co la panza che s’ave da contenta de chello poco che lle se po da, e avissevo lo mmito de na tavola sfarzosa, addo lo magna se jetta pe la fe nesta, e le piatanze song una meglio dell’autre, e li figlie de famiglia che la danno, sguazzune all’urdemo eccesso, so canosciute da tutto lo munno pe lo core d'acqua che teneno; diciteme non nce corrarrissevo a chi sto mmito purzi maneca e ncammisa? Nuje trionfajemo, zzoe' li birbante co la patente pigliajeno le rretene de lo Stato, e la varca nova costruita lo cielo sape a qua paese scommunecato accommenzaje a cammenA ripa ripA, promettenno quanto primmo de pigliare lu llario.

Napole ch’e' nato ciuccio, campa da bestia, e morarrA animale se mmoccaje lu gnuoccolo, e gliette a sbattere le mmane, e facette comm’a lu cane de la favola che co lo piezzo de carne mmocca passava pe bicino a lu sciammo.

Quanta promesse, quanta lacreme de tennerezze, quanta vivo' non se so fatte e ghiettate all'aria, quant’uoglio non avimmo strutto a lu semplice annunzio d'allummate, stutate, cacciate le bannere, s’e' pigliato Präceta, e' asciuto prieno lu sinneco d'Isca! E comm’a tanta portelappascere simmo corrute co la vocca aperta, nce avimmo fatto porta pe lo naso, e simme cadute mbriache de la pazzia, comm'a chi se retira stracqu’e strutto da no festino a la votata de la mezanotta.

Mme sapissevo a di le speranze noste addo' so ghiute a cade' co lu ciuccio?

Sti frate consuprine che nce proponevano la santa libberta' pe levarece da la schiavitù, sapesseno a direce qual e' stato lu bene ch anno portato a la popolazione ch'aspetta?

Si ajere stevamo paccariate, ogge nce morimmo de la santissema famma!

Si aiere eramo governate malamente, ogge lo simmo peggio assaie, anze barbaramente, e si nce fosse no vocabolo cchiù brutto de lu barbarisemo sarria pure poco a paragone de chello che se soffre! 22 miliune d'anime so state tradute e bennute da 22, cchiù o meno, cammorriste proprietarie; e le sostanze de tanta povere figlie de mamma traseno mpossesso de na vranca de fetiente ci, e so i; banno a niuziA accattannosenne case e massarie a Llondra e a la Sguizzera!

E le speranze de lo popolo nuosto restaieno sempe speranze de no povero pACCAriato.

Avimmo avuto la lebbertA, che a llengua latina se chiamma libertas, e siconno la traduzione de no chianchiero liber... tas, zzoe' lu libbero de le ttasse. E nce pare poco? Mo se n’e benuto lo matremmonio civile, la tassa ncoppa a le pporte e feneste, e a li muline; ma de chesto ne parlarrammo a li nummere venture.

LU TROVATORE

Anno I.—Num. 3 Sabato 20 Jennaro 1866

LI VANTAGGE DE LA LIBBERTA’

Primmo che se fossimo dispenzate quatto carrine a lu juorno a li popolane pe fa la rivoluzione, e no doje de strangulaprievete: la sera! (stòreco) se jeva dicenno a le rrecchie de sti tale ca la rivoluzione ca se jeva; organizzanno serverA pe la felicita' de lu paese. Ca si li popole se levavano ‘nmassa e se movevano comme a n’ommo sulo abbattenno il dispotismo, Napole nuosto ‘nvece de no piccolo regno avria fatto parte de no rignone, sto rignone se sarria chiammato Italia una. Nzi' a cca lu progetto era bello, bellisseme, e chi ve l’anneja? Trattannose de no sta sotto lu dispotisemo, ognuno se sarria contentato de la libertA, quanno sia benedetta pozz’esse se se nce sarria appresentata bella e zitella comme la criava Dio, e nce avesse rialate li vantagge suoje. Ma… ma… ma.. tre hanno rutto sempe ll’ova dint’a lu panare, e a nuje nce Anno struppiato autro che lu panaro!

Lu governo dispotico fuje abbattuto, facette bagaglio e se ne jette - la rivoluzione trionfaje. Trasette Zi Peppe.

Ah! chillo Zi Peppe!

La venuta de st’ommo fuje tenuta comm’a chella de la Messia, e che Messia! anze no poco cchiù assaje de chella do lu Messia. Napole se rebellaje tutto quanto; gruosse e piccerille correttene mmiezo A la via, nobele e scauzune se confonnetteno mmiezo a le chiazze; le prostitute di tutte li quartiere fujeno poste a parte de la festa e se scapulajeno pe ttoleto dint’a le carrozze co li cordelle mmano: li borderò nchella jornata facetteno festa, pecche' le figliole avevano da fatecA, pe la patria, mmiezo a le bie.

S’A da di co lu fatto ca na jornata comm’a chella non se vedarrA cchiù a lu paese nuosto!!…

Proclame, manifeste, pigne spignate, luminaziune, feste tuorno tuorno, tutto annunziavano e prommettevano li primme vantagge de la libertA.

Ma lu Messia non era sulo: Zi Peppe aveva portato, appriesso na caterbia d’appetetuse che venetteno a fa 28 ncoppa a lu palazzo d’Angre, e llA, annascuso se po' di' de lu grann’omme, s’accommenzaie a ordenA la conzurtaria. Na conzurtaria che schiuppata a ttavola facenno arrecchi' lo cuoco, che s’araprette na speziaria, jarrA a feni' Dio sa addò!

Trasette lu Piemonte, e cca autre spese; se facetteno l’apparicchie pe la gran trasuta; pe tutta la via princepale fujeno poste le cita' d’Italia fatte de gesso, co li tortanielle e le bannere mmano ncoppa a li marcìappiede, e co lu dito appuntato mmostrato pare che nce avesseno ditto: appriesso l'avarrate int’a le recchie, spassateve mo…

Fuje tanno che se spremmette la primma vota lu tesoro de lu stato, e se jetteno a fa frijere Dio sa quanta miliune pe sta bavattella, e pe duje gallenare che se chiazzaieno nnante palazzo.

Accussi' accommenzaieno li vantagge de lu paese, e li denare che stevano mise a pizzo se ne jetteno comm’a uoglio petruoneco.

Caduta Capoa e Gaeta, venuto ad assettarese a Napole lo governo riparatore, accommenzata pe nuje ll’era novella vedettemo pe primma figura che tutte chille povere acciome de li garibaldine che ghievano stracq’ e strutte cammenanno Napole, doppo tanto sudore e sango sparzo fuieno li primme ad esserne cacciate da li paise conquistate, e se n'avetteno da i' li poverielle co na mano arreto e n’autra nnante, tornannesenno cchiù affritte e scamazzate de primmo.

Lo stesso Zi Peppe, propugnatore, direttore, e conduttore de la rivoluzione taliana s’avette la bella rìcompenza d’essere relegato ncoppa a n’isola! Restaieme nuie, a guardarece nfaccia ll'une co ll'autre!

La camorra accommenzava a pigliA paese; li piecore perduto lu manzo erano state scurnate; li primme cammurriste nuoste che, speranzate da la camorra, governativa, avevano appoiata la rivoluzione fuieno li primme a provarne li vantagge, e a quatto a la vota se vedetteno mannaie a le fenestelle.

E lu governo avette ragione; addo nce restano li cammorriste proprietarie, li picciuotte soggette a lloro non servono tanto.

Chiste so fatte che so passale sotto all’uocchie de tutte; e si la libberta' co la quale nce s’accommenzaie a governa se po di ca nce avesse dato lo benche minemo vantaggio, lu lasso considera a buie letture mieie.

LU TROVATORE

(Continua)


vai su


Anno I.—Num. 4 Martedi' 23 Jennaro 1866

Li vantagge de la liberta'

(Cont. Vide. lo numm. 3).

Le condiziune de lu paese nuosto s’avevano da cagnA; so state le parole de promesse co le quale s’animaie stu popolo. Si isso avesse saputo ca nvece de migliora avria peggiorato lo stato sujo, non se sarria certamente muoppeto da lo pizzo addo steva; ed e' stato tanto buono lu poverielle ca a cammenato appriesso a la camorra pe tanto tiempo senza manco spiareve: ne addo me portate?

Lu pigliasteve pe la mano e lu portasteve tuorno tuorno Napole dicennole c’Avesse strillato, e isso strillaie; c’avesse dato lo voto sujo a Tizio, e chiammaje a Tizio; senza sape' si Tizio fosse stato meglio de Cajo, o Cajo meglio de Tizio. E si a ha fatto tutto chesto pe tanto tiempo non l’A fatto pecche' aveva visto belle cose da vujE, ma pecche' aveva misa na fiducia granne a n’ommo sulo ca sell’era presentato, CApopopolo si, ma nient’affatto nteressato a Giuseppe, Garibalde…

L’ommo ca pe na guardata s’aveva accattivato l’affezzione de tutte li rivoluzionarie. PEcChe' s’era canosciuto liale, xxxx Ca venuto a Napole, e trovato lu tesoro de lo Stato abbastanza faudiante, non è stato capace d’approfittarese de no tornese, e se n’e' tornato fora senza manco ll’Ombra de lu trecalle. Che cosa a fatto lo governo italiano, sto governo riparatore, sto gran ristoratore dE li guaje de ll’autre ppe chi ll’ave appresentato, regne, denare, felicitA, avvenire, e tanta meliune de popole addenocchiate che n’aspettavano le sentenze? Che ricompenza a' dato a' ll’öneco che a pericolo de la vita propria, senza ll’ombra de la fauzitA, senza ‘nteresse, senza niente, ‘nfine ll’avE fatto vede' da no stato a n’autro?.. Niente, manco na veppeta d’acqua, manCo no tornese mmano a titolo de lemmosena; l’A arrialato na palla dinto a no pede, ed a' fatto ASPROMONTE!

Si li servirie tanto signalate de Garibalde hanno avuto tale ricompenza, che t’aspiette tu, popolo ammeseruto, da lu gran core de stu governo? niente, niente e niente. Tasse, tasse, e tasse;

Liberia senza liberta', 'nganne e trademiente a ogne momento che te muove arrieste e carceraziune arbitrarie, fucilaziune senza misericordia: e si aje la disgrazia de ire carcerato te se levarrA porzi' ll’aria che respire, pecche' le, commigliarranno co lu lignammo le cancelle addo t’affacce, comm’Anno fatto a tutte le prigiune de Napole e fora Napole.

Tu haje avute na liberta' ca a fronte de la quale lu dispotismo de li Borbune e' no sciurillo de passione. Mmano a li Borbune la; parola, non era libbera, ma lu penziero' sì. Chiste nce hanno sequestrato purzi' lu pensiero! Minano a li Borbune la poverta' se vedeva, s’e' vista, ma se poteva soccorrere, ma a li lacreme de la miseria ognuno poteva jetta' no muorzo de pane! ma mò? Mo' t’arrestano la miseria e la portano a fa mori de famma a lu scopierto senza darle manco na goccia d’acqua. Ajere tu avive na nnustria e nun ne dice cunto; mo si pe disgrazia la tiene ancora e non te ll’aje vennuta pe la libbertA, nn’aje dA da cunto a lu governo, facennolo assape quanto tiene, quanto te se pava e quanto t'abbusche... E’ quanno t’Aje cacciato co isso sta fede de vattisemo, vole lu riesto appriesso, ll’aje da dA la camorra, capisce, comm’a patrone de la casa, si no' te lo sequesta, e bonanotta, se pigliarrA tutte cose isso.

Io passo pe ncoppa a tanta cose minute che tu, popolo fratiello, saje meglio de me, e te ricordo lo cchiù gruosso. Te s' a' voluto mbastardì, t'hanno voluto mbriacA, pe non te fa addenA de lu servizio ca te se faceva, e quanno t’aje voluto accommenzA a sceta' pe fa vale' le ragiune toje, tanno t’Anno chiavato no caucio mpietto da farete mancA lu respiro, e t’Anno trattato da popolo conquistato!!

No juorno quanno li guaje erano gruosse lu disperato chiammava la morta p’arrepuoso; ma mo che buo' chiamma cchiù? mo si la chiamme e la sente, vide sicuro de mannA la famiglia toja pezzente, pecche' se nn’esce lo governo, quanno tu ti si atterrato, se piglia tutte cos’isso, e felicenotte!!

LU TROVATORE

(Continua)

Anno I.—Num. 5 Giovedi 25 Jennaro 1866

Li vantagge de la liberta'

(Cont. e fine vide lo numm. 4).

Vuje avite avuto lu coraggio de fa mettere la tassa purzi' ’ncoppa a la morte; senza penzA ca ogge o dimane potrite essere vuje li primme a chiavA de faccia ’nterra.

Chi v’assicura che la condizione attuale vosta dura n’autre 24 ore?

Chi v’accerta ca tutte li muorte che stanno dormenno, na matina de chesta, stancate da li scenoflegie vuoste, non se scetano, ve pigliano pe no pede, e ve fanno fa lo vuoto de ll'angelo, a botta de scarpe a chillo servizio?

Ma capite o no ca la pacienzia, grossa che fosse, tene sempe li confine suoje? - Arrivato lo poverommo co le spalle a lu muro, potrA dire a isso: muro fatt’arreto?

Chesta e' na storia che non po ghi' cchiù nnante, ha da fenì, o pe di meglio e' quase fenuta... pe buje.

Pe nuje e' nautro paro de maneche; nuje avimmo certa la speranza de vederve i' cercanno la lemmosena, e non trova nisciuno ca ve la vorrA fa.

Pe quanto grossa po' esse la misericordia do Dio, avrA da nzerrA ll’uocchie quanno permettarrA ll’estremo de la miseria vosta, zzoe' la mano aperta e no moccaturo attaccato all’uocchie; pecche' avarrate a scuorno de mmosta' sta faccia vosta fetente, a tutte chille affritte che fujeno ammiserute pe causa vosta.

Io tengo tanta fede de vede' no juorno l’ex-ministro Sella addenocchiato ncoppa a le grade de na cchiesia, e ghirle a mettere no granillo viecchio mmano, co le mane meje.

Aggio d'ave pure la conzolazione de i' a fa na viseta a lu spitale a chi mettette la legge Pica, sia pure patremo carnale, sia pure lo patre de patremo, lu vavone mio che magna panecuotto: Ll’aggio da porta' doje limona vecchie, e ll’aggio da fa co le mane meje na limonata!

Io non voglio ca morite, signure mieje. Li nemmice de lu popolo Napolitano hanno da campA cient’anne comme commanna la legge; ma, capite, assettate a na seggia, nfunno de lietto, co na meza vita tirata, accussì, stroppiate tanto da la lu priatorio vuosto nterra, comme l’avite fatto fa a lu popolo, a la povera gente che ve credette, e clic se menaje dint’a le braccia vosta.

Si morisseve nnante de lu tiempo, chi vedarria co nuje le belle cose ch’a'nno da veni? a' lu meglio de la festa si mancano li buffune comme a buje, la gente non se deverte.

Mmiezo a na societa' de vere galantuomene nce vonno sempe quatto pulezzastivale pare vuoste, che co li sciasse a lengue de passero portasseno le guantiere co le cacciate.

Ed proprio curiuso lo di' no juorno a sto popolo risuscitato nautra vota: vedite vuje chillo stroppiato poveriello che cerca la caritA? chillo na vota era lo ministro de lo ’Nterno de lo regno d’Italia! Ed è arredutto accussi? justo accussì!

E chill’autro povero scasato co n’uocchio cecato che se face accompagnA da chillo guaglione? chillo? e no ve n’addonate? chillo è ll’uneco ha fatto chiagnere a migliara le famiglie; e' chillo ch’a' levato li marìte da vicino a le mogliere, li figlie da sotto a le mamme, li frate da vicino a li sore. Ch’a' fatto fucelA senza misericordia, assassenA senza compassione, accidere la gente pe semplice sospetto, e farla scoppettiA senza manco li Sacramente, Chillo e' lu sulo c’A superato a Nerone pe la crudeltA, a Caino pe la 'nfamitA, a Giuda pe lu trademiento. E chi a' miso lu suggillo a tutte ll’iniquita' de lo munno, ch si se volesse mpennere comm'a ll’Iscariota non trovarrìa nisciuno sammuco che se vorrìa sporca co lo cuorpo sujo. È chillo che votaje la legge Pica!!!..

Ma me potranno di, ca chi se arreccuto, e s’e' arreccuto buono, difficilmente potrA ghi' pezzenno. Si lu denaro fosse buono acquistato? allora sì. Ma si chisto denaro e' figlio de ll’arruobbo, e che spremutolo caccia a bacile lo sango de la povera gente, credite vuje ca se no ponno vede' bene?

Ogge, chiagne mamma mia, dimane chiagne mamma toja, dice lu proverbio.

Ogge ride tu, dimane redimmo nuje, e ride sempe meglio chi ride ll’urdemo.

No popolo tanto smocco comm’a lu nuosto, ch’a've avuto chiste sorte de vantagge da la liberta' bosta, ogge ca re canosce a biso scopierto, non ve s’ave d’arricordA, e direve ’nfaccia no juorno: ah!.. tu fuste?!!…

LU TROVATORE

Anno I.—Num. 6 Sabato 27 Jennaro 1866

DISCURZO DE TOTONNO PETITO!!!

’MPERATORE DE LI FRANZISE

Signore Secature, Signure D. puntate.

Comm’a tutte ll’autre bote all’apertura de lu magazzeno de le chiacchiare ‘mperiale, mme piglio lu permesso d’esponerve lu penziere mio, che siconno lu soleto non sarrA caputo da nisciuno.

La pace che all’estero pare che sia rassicurata mme fa fa gruosso lu COre quant’a no ceceniello, pecchè, si non la fenimmo bonariamente, avranno da correre lu patre de li barrate.

Riguardo a la Germania io mme dichiaro neutro, ed e tanto la certezza de sta neutralita' mia, quanto che la magnanema mogliera nosta mme na fatto addonA, e se nn’e' persuasa da no piezzo,

Le flotte angrese e franzese stanno de buonaccordo dint’a tutte ll’acque de lu marE, e si non se pigliano a cannonate ntra de lloro e proprio no miraculo de Dio.

L'Italia, e cca lassateme sciosciA lu naso ca me scorre, e' stata riconosciuta da tutte l’impotente d’Europa, e ave avuto la fortuna de se scegliere la capitale soja, na vota pe sempe, a' chillo pizzo addò ll’avimmo ordinato nuje.

Lu trattato de lu 15 settembre tenitelo pe ffermo, pecche' siconno la politeca nosta e' lu vero trattato de pulicenella.

Si volimmo cammenA n’autro pOco comme stammo jenno non toccammo lu Papa; lassammelo libbero e ‘ndipendente co li fatte suoje, E non nce ne ‘ncarricammo cchiù, pecche' chill’eterno non possumus sujo mme fa veni' lu friddo e la frevA.

La storia che e' la maesta dell’uommene, e non de li donnicòla pare nuoste, nce fa a sape' ca quanta vote s’e' toccato lu tasto de roma-papale s'e' scurdato tutto lu cembaliello!

Ziemo da l'autro munno mme ne potrA fa fede, numostannome lu casino de S. Lena addó jette a pigliA aria pe causa de Pio 7.

Li ttaccaglie che nce stregneno a la Spagna e a la Portuvallo se so strette de cchiù, pe cierte nnodeche de li discurze nuoste che se so fatte attaccannoce le cazette.

Vuie avite reduto co me, zzoe' chiagunto co me, e magnato sovera pelosa a senti' la morte de lu presidente Lincolinco, e de lu Rre de la MEuza. Che s’A da fa? a' Stoc nati fummo!

A lu Messico lu governo funnato da la volonta' de in popolo,(leggite nosta) ha fatto cose grosse, e li malandrine se so sperze senza capo, e senza coda, restanno chillo paese felice contento e tocoliato… quanno nce ne jarrammo nuje!

Io so pigliano accordo co lo Mperatore Massimiliano pe fa lu richiammo de le truppE, e a cchist’oggetto aggio mannato, ACcatta' cierte gajole co li caravattole dint’a la corzea de Napole.

Ll’America de lu Nord a' avuto vittoria, a' proclamato la libberta' de li schiave suoje, che so passate dint’all’Italia tutta comm’a schiave nuoste.

Cchiù dinto… pare che la calma non a' cessato d’essere, e pErzo' nce’ avimmo fatta na passiata all’Algeria pe piglA no muorzo d'aria, p’assicurA cierte ‘nteresse, e pe fa abbecenA le rrazze… de li baje-scurE.

L'eleziune municipale se fanno co la massema tranquillita' e si non foss’autro e la cavallaria e la fantaria che nce’ a' da ‘nterveni' co l’accompagnamento de li cannune; assenno lu MuEr...de li comune lu solo rappresentante de lu fieto de la costutuzione nosta… che non tenimmo.

La finanza nosta e quacche cosa de buono, e si non rassomeglia intutto a chella de ll’Italia, se po ddi ch'e' la soccia de faccia a lu muro.

Siccomme l’armata sta pe ghire a la pace, stanno le ttante correre che ll’avimmo fatto fa, accussi e necessario che nne facessemo no scarto, astrignenno li quatre, ammancanno le compagnie, li squatrune, e le battarie, riserbannoce pe nuje una battaria e bona.

Li padule de la Francia so prospere e li padulane nuoste nne vanno ‘ncacazzo, tanto che nchist’anno non avranno addo' metterse le rapeste e li rafanielle. co na raccoveta de chesta fatta so sicuro Ca la popolazione non avrA che desidera!

Mmiezo a tutta sta prosperita' pare ca lu governo nuosto e lu meglio governo dell’Europa, e nuje lu primmo Mperatore de lo munno! E tu vero ca ogne governo tene lu difetto sujo, ma si lu nuosto nne tene quaccheduno e' chillo de non farese a capi tanto spisso.

Credo d’averve parlato de tutto e de tutte, ma se pe casualita' mme fosse scordato de ll'Austria! e' stato pe no fine de li mieje. - Finalmente quanno tutte le naziune avranno ricevuto da piccerille no buono latte e mparatese l’atte cristiane, zzoe' l’atte de fede, ponno vivere sicure de fa na bona vicchiaia - Governateve.

PE copia conforme

LU TROVATORE


vai su


Anno I.—Num. 7 Sabato 27 Jennaro 1866

SIGNO’ NON PEGGIO!

Na rota no pecuozzo franciscano tenera scritto na sfilacciata de P. majuscole 'ncoppa a la porta de la cella soja; Ogne ttanto che passava lu tiempo isso pigliava la gravonella e nce ne schiaffava nautra appresso. Tutte chille che lu jevano a fa viseta guardavano e redevano, senza pote' capi che cosa conchiudevano chelle P. llA ncoppa. Finalmente nu juorno no servente de lu commento, muoppeto da lA curiositA, se facette a spiarlo: neh fratiè, famme no piacere, che bonno di tutte chelle lettera che tiene una appriesso all’autra ncopp’a chella porta?—.Eh! frate mio risponnette lu pecuozzo, aje da sape' che da tant’anne che faccio lu monaco, quanta superiore aggio avuto dint’a stu commento li aggio travate tutte uno cchiù peggio de ll’autre, ed e' pe chesto che quanno se ne cagna uno e bene lu nuovo io non faccio autro ch'agghiognerce na P, pecche' so sicuro che nne venarrA uno peggio e perzo' sto a scrivere le P, che bonno dicere peggio, peggio, peggio, peggio! — Apprica e fa sapone!!

Nuje da che munno e' munno avimmo tenuto no Ministero a Napole, composto d’uommene, e non de schiappine. Quanta vote li bolevamo trovA non avèvamo da fa autro che fA na cinquantina de passe, e' ghirle a fa na i viseta ’ncoppa S. Giacomo. LlA, Co no fuoglio de carta semplice! che steva treccalle e no meza lira comme nce vo' mo' go lo ’mbullo de lu governo «vi' ch’autro arruobbo» nce presentAvamo 'nfaccia a la porta e si ll’usciere noti nce voleva fa trasì, allora mettennole no prevetariello mmano, l’amico s’abboccava, e nuje facevamo l’affare nuoste. Tanno sinorto 0 deritto, si volevAmo fa vale' le raggiune noste, non nce costavano fatica, pecche' lu puorco s’accedeva ’nfamiglia, pecche' li ministre stevano sempe co nuje, pecche' erano de lu paese nuosto, e si lle volevamo dA ha sputazza ’nfaccia, quanno mancavano a l’ufficio lloro, non avevamo da i' tanto lontano. - Ma mo? mo che sta nova lebberta' de lu cancaro che si li rroseca nce a' fatto nobelezzA co farece ave' no ministero ncoppa a nautro composto de cierte stracciune ohe non sapimmo addo' diavolo so nate, e chi ll’A fatte lu primm’uocchio; mo e' proprio no crepa ncuorpo a lloro, a vederne succedere uno cchiù peggio de ll’autro, a xxxxxxxx probbrecA la nomena de li nuore, che te fanno a sape' comme la camorra governativa mette sempe ’ncanneliero li suoje, e non fa autro che accrescere chiaje ncoppa a chiaje, ncuollo a tutte li paise d’Italia.

Peggio, peggio, peggio, e Signó non peggio, dicette la capo de morte.

Chillo sbrevugnatore de Sella, che pozz’i a li profunne de casa de lu diavolo, nce scarrecaie ’ncuollo na caterbia de tasse; e quanno all’urdemo, pe defrisco e sollievo nuosto, se rompette la noce de lu cuollo da lu Ministero, e nuje credettemo de migliorA, fuje tanno che chella mappina de camorra, chella fetente de conzortaria, pe nce fa no comprimente chiù gruosso, nce arrialaje no nuovo Ministro de li Ffinanze, e nce dette D. Antonio Scialoja!!

Non e' pane, e' guastieddu, diceno li siciliane, non e' zuppa, e' pane nfuso, dicimmo nuje! Sella era peggio de Scialoja, Scialoja e' cchiù peggio de Sella; chillo era sbriugnato co la pólesa, chisto e' sbriugnato e miezo. Chillo proponette la nova tassa ncoppa a lu mmacenato de 100 miliune, che pe farece na careta' voleva arreducere a 80. Chisto s’e' contentato de no 75, pe nce fa a vede' che tene lu core cchiù umano, e caritatevole. Chillo la tassa la voleva mettere sulo ncoppa a la macena; chisto che tene la coscienzia cchiù pelosa de chillo la vole ncoppa a la farina, a lu vino e a ll’uoglio!!

Alleramente, popolo napolitano mio, alleramente. Si ajere te magnave lu pane a 7 rane, dimane te lu magnarraje a 8 e a 9 lu ruotolo. Si primmo lu vino era adacquato a 6 rane lu litro, ogge o dimane te lu bevarraje adacquatissemo a 8 rana; e si non ne tiene li mezze, comm’è facele, stanno tanto spremmuto, jarraje a bevere felicemente a la fontana. Si no juorno conciavo la nzalata co no mesuriello d’uoglio de 3 solde, dimane lu pavarraje 4 e 5, e si non haje comme te l’accatta' pe la cannela, fa cunto de te sta a lu scuro la sera. Cheste so' lle felicita' de lu nuovo Regno d’Italia! Tu ll’aje voluto, tu si stato chillo che t’aje fatto lu male co te mmane toje. Si da lu primmo momento arappive ll’uocchie, e non te facive fa le ccorna nnante a lu musso proprio, a chest’ora non te starisse diuno, e muorto de famma. Tu ll’aje cercato; mo non nc’e' remmedio che tenga; Agrus est… e te ll’aje da vevere - Risponnarraie: ‘nsagrestia nce vedimmo. Aje da vedè se nce li truove! MA sperammo de nce li trovA, chi sa! a' bello vede' non nce vo' tanto!!!

LU TROVATORE

FREVARO

Anno I.—Num. 8 Giovedi' 1 Frevaro 1866

LE NUOVE PARROCCHIANE D’ITALIA

Âreve, succinto e compendiuso, era na cosa che nce voleva, e, scusate si e' poco, sta legge nova ca mo mo te vaco a spieca, popolo mio moscammocca,e' stata fatta proprio a ciammiello. ÂEnedette chelle mmane.... che non se ne cadono! lle darria proprio no vaso 'nfronte.... co no zuoccolo camandolese. Che bella cosa! Tu mo sarraie veramente curiuso de la vole sape' sta novita' ca nC’e' benuta da lu settentrione? Eh! frate mio te l’aggio da fa stenta' no poco nnante de te la di, pecche' dice lo mutto: rrobba stentata vene apprezzata.

Che te credive ca chille tale signure de li conzorte nuoste non nce penzavano pure, e se ne stevano accossi? chille penzano la notte pe lu juorno comme hanno da fa.... pe fa denaro, e mo se ne scordano de nuje!

Seh! quanto pigliano e se ne scordano! hanno trovata chesta sorta de cuccagna aperta! Ma siente popolo mio; mariuole che fosseno sti governante nuoste, comme li chiamme tu, pecche' io li tengo pe galantuommene, hanno sempe pero ll’arte de sape arrobbA, e arrobba felicissimamente.

E non potev'essere diversamente. La galera si non atterra co essa la bona gente, la caccia perfetta; e chiste sanno li arte ch’e' proprio no piacere. E accussi li ghievemo trovanno nuje, e l’avimmo avuto. QuAnno no malato s’A da dA no taglio, o sa da focA a quacche parte (dimmello tu gioventù studiosa) a chi va chiammanno, a' no boja male pratteco, o a no miedeco de vaglia? se cerca sempE no professore annommenato, e cca te voleva. Mme puo' anniA che chiste che nce stanno cevillizzanno non songo la cimma de tutte li professore de lo munno?

Dimme na cosa tu viecchio napolitano, che facilmente non vedennoce, a causa de la vista stracqua che tiene, te faje leggere le cchiacchiere de sto povero Truvatore, dimme na cosa e dimmella ‘ngrazia, t’arricuorde ancora a munno tujo, pe quanto e' certo che ttiene li capille janche, d'ave' visto sfurcate de sta sorta de fatta? A te venarrA a mente certamente lu 99, lu 15, lu 20, lu 48,.. ma di, nce po essere no paragone, abbenche' piccerillo, 'nfaccia a chello che s'e bisto e se sta vedenno da lu 60 a sta parte? Tu capozzie, e te faje le ccruce?... Eh! frate mio, pare che mme vorrisse risponnere: cca le rrivoluzione nce so state, se so fatte, e se so biste, ma comm’a chesta pozzo dicere ca non se so ‘ntese, ne se sentarranno cchiù; chesta è chella ch’a' chiuso ll’epoca de casa de lu diavolo, e fenuta che sarrA, a revederce a l'autro munno.

Ma de chiste che nce governano, de sti tale cevelizzature, sti modierne patre de la patria, sti frate carnale nuoste, sti martere de la santa pagnotta, nn’aje viste almeno lo ritratto a quacche parte pe li tiempe passate?— Maje e po maje, sarranno sempe le risposte toje: all’epoche passate nc’e' stato quacche vero martere ch’a' fatecato pe la voluta lebbertA, ma sa comm’e ghiuto a feni? e ghiuto a feni a la forca, e s a fatto acciderE pe lu principio! MA chiste martere moderne nuoste se fanno strascenA ‘ncarrozza, teneno na trippa abbastantemente chiena de putrido fetente, e 'nvece de pavA lu tributo a la natura co tre parme de lengua da fora, se fanno fa ministre, e se fanno da le decorazziune de S. Maurizio e Lazzaro!!! - Chiudimmo sti piccole osservazziune, e passammo appriesso.

La nova legge ch’e' asciuta ‘ncampo, e misa ‘ntruocolo pe tutto lu regno, e chella de li nuove parrucchiane!.. Tu le mettarraie a ridere popolo mio a leggere sta redicolaggene, ma non aggio che te fa; chesta e' la zita, e se chiAmma Sabatella! MO tutto e' riforma; s’e riformato lu paese, s’e' riformato lu commercio, s'e riformata la sacca, e s’avevano da riforma pure li prievete. Li parrocchiane non servono cchiù. MO, si li tiempe, e le circostanze nce lu permettono, e nce venesse lu prodito de nce nzorA non avimmo abbesuogno cchiù de li parrocchiane.

Sti tale, ‘nforza de la legge tot, prubbecata a la MECCA lu juorno tot, firmata e approvata da lu schifuso Tizio, restano sciuovete da ll'attribbute lloro de benedi' a li spuse si se vonno aunì, e 'nvece lloro, sentite e ‘nchioccate, so autorizzate de farlo: l’affiziale de lu stato cevile, li sinneche, eccenza, ECCEuza, ECCEuza. De modo che, quanno no povero 'ntroglione de cafone che non sape comme a dA fa co Gnolella soja, e addimmannasse addo' a da i a spusA, lu mannarranno a lu Municipio, 'nvece de farlo i a la cchiesia, e lu 'ntroglione nce cadarrâ. E tutto chesto pecchè? pecche' nc’erano restate le ssole 75 rane de li deritte de la cchiesia, e sti 75 rane se li bonno magna lloro!

Chesta e' la storia. E fosseno sole lle 75 rane! Non e' gran tiempo e se progettaje la tassa ncoppa a lu matremmonio, co la quale se gravano li spuse de 15 lire, e sta tassa quanto primmo sarrA misa ncalannario.

CApisce, popolo mio ca mme liegge? non se vonno fa pavA 75 rane a la cchiesia, che servono pe le vvere spese de lume, cere, e ba scorrenno, e se pretennone, ogge o dimane, lu cielo sape quanta cancare de 'mposiziune progettate e da progettarse ‘ncoppa a lu matremmonio cevile! S0 MARIUNCELLE! Spogliarriano a no Cruggefisso, si sto Cruggefisso tenesse na cammisa 'ncuollo pence la dA.

Ma tu popolo Napolitano non te scordarraje d'essere nato Cattoleco, Apostoleco, Romano. Tu t’arricordarraje ca lu Vattisemo ll’aje ricevuto da li vere amice de lu cristianesemo, da li prievete-parrucchiane, e ghiarraje primmo a la cchiesia a ricevere la benedizione de Dio, e po... addó cancaro vonno llorO. Ched’e' no matremmonio senza lo rito de la cchiesia? e' no matremmonio de chiacchiere, no matremmonio de fummo, addo' non nce concorre Dio; e a chelle ccose che non nce 'ntervene Dio, nce trase lu diavolo ch’annabissa lu munno, e bonanotte!

LU TROVATORE


vai su


Anno I.—Num. 9 Sapato 3 Frevaro 1866

LE TTASSE

Io voglio che ragionassemo no poco. Mo che la libbertA, governante nuoste stimabelissème, mette tutte quante a uno scancello, non fa niente che vicino a li ministre che site vuje s’assettasse pe no poco no straccione de Trovatore! Io credo ca li signorie roste non s’adombrarranno pe chesto: simmo tutt’eguale ’nfaccia a la legge, e st’eguaglianza fa si' ca pozzo parlA, e parlarraggio comme mme vene 'ncapo. Ma che rifiutarrissevo fuorze de darme tant’annore, o la muffa de la miseria toccasse lu stommaco distinto vuosto?... Non tanta superbia signore mieje. Arricórdateve ca primmo d'essere chello che site, le signorie voste erano cchiù miserabele de nuje! Non lenite a mente quanno non tenivevo ne' cielo da vedè, ne ferra da cammenA? Quanno non potiveve asci la casa pe paura de lu sòle, quanno le scarpe e la sacca facevano acqua, e li patrune de casa vosta “ogge discepole ’nfaccia a buje» avanzavano doje terze e chella correva?… Votateve arreto pe caritA, nce guadagnate sempe quacche cosa. Mo nce simmo scanosciute, e' ‘nce sta quaccheduno de vuje nato sotto a lu stesso cielo nuosto, che s’avrA magnato cchiù pesce fritto da Rafaele a la Galitta ca non tengo capille 'ncapo, mo s'e scordato de sto povero paese annecrecato e affritto, e aunitose a lu riesto de la camorra, fa a bede' ca non nce canosce cchiù? Ma capite o no ca nuje non bolimmo nisciuno favore da vuje, ma solamente justizia? ca si' nce presentammo a la cAmmara vosta accussi' spetacciate e affritte e' sulamente pe ve dicere quatte mmale parole sotto a lo musso, e mmostareve lo stato nuosto? - Ecco ll'opera vosta signure de la conzortaria; lA canoscite vuje?!!...

CcA na caterbia de popolo jettato 'nterra, privo de fatica qualunque, muorto de famma e de desperazione, guardanno lu cielo e mozzecannose le ddeta, forma no quatro tanto compassionevole ca solamente a guardarese fa veni lu friddo e la frèva!

So' state cheste le promesse veste? Io faccio la causa de lu popolo napolitano, de lo paese addo' so' nato, de sto ciardino tanto decantato de ll’Italia, che na vota era tanto sciuruto e carreco de bene, e mo, pe ccausa vosta, s’e' arredutto tutto sfruttato e perduto.

Vuje nce 'avite arrubbate e assassinate.

Vuje nce 'avite levato chelle poco de bene de Dio che tenevamo.

Vuje nce 'avite arreddutte a cercA la lemmosena la sera, e nce avite fatto perdere annori, benessere e civeltA.

Ajere eramo li primm’uommene de la terra; ogge simmo arreddutte li cchiù ghiettate de lo munno.

No juorno eramo stimate, adorate e desiderate; ogge simmo ll’urdeme de la societa' de li popole; avimmo avuto la taccia de cattive e ncorriggebele, e nce’ anno miso a l’indece de tutta la gente perduta.

Avevamo no mpiego? e nce l’avite levato.

Tenevamo na nnustria? e nce l’avite fatta perdere; ferimmo avuto da leva.

Éramo possidente de no poco de bene proprio, e' nce l’avite fatto vennere!

Pe la misericordia di Chi nce’ a' fatto, vuje che rrazza de cristiane site?

Quale so state li benefiggie strummettiate pe tanto tiempo da vuje?

Ah.... capesco! stupete ca simmo state, non avimmo saputo canoscere addavero tu bene!!

Nce’ avite comprementato le Ttasse!!!

LE TTASSE... Ma credite ca potranno durare ste ttasse? ncapo a buje nce sta c’avrA sempe da correre sto munno? accussi, pe ditto vuosto, pe bolonta' de la camorrA, pecche' forma la nnustria vosta e de li camurriste tutte?

A Napole e fora Napole le povere gente non se danno ncampagna, a spogliA li primme che passano pecche' non so nnate birbante comm’a buje, e songo vere galantuommene.

Addo' so ghiute a dA funno tutte li denare e li produtte de tanta paise conquistate… co li mbroglie voste?

Addo' 36 MILIUNE DE DUCATE sulamente che trovasteve disponibbele a lu tesoro nuosto, e che v'abbrancasteve de botto?

Nce avite date le ttasse, pecche' a spartereve la cammisa de lu 'mbiso non site arrevate co li cunte.

Da 126 anne a sta parte lu paese nuosto sotto a la negazione e non negazione de Dio, co na forza abbastanza numerosa, co tanta spese esorbitante ncuollo, non s’e' trovato maje a lu caso de ricorrere a sti mezze.

Erano pampuglie chelle 'nchiastarìe ca se pavavano da sto popolo!..

Volite sape' la differenza che passa da li viecchie e li nuove pise? AspEttatemE a lu nummero che bene, ca ve starraggio servenno.

LU TROVATORE

Anno I.—Num. 10 Martedi' 6 Frevaro 1866

LE TTASSE (2)

(Contin. vide lo nuò. 9)

E nce po essere paragone tra li viecchie, E li nuove pise? Si volessemo analizzA una pe una tutte le ttasse ch’avite scarrecate ncuollo a' tutta sta sfrantummata Italia, non nce abba siarria la prubbecazione de n'anno de stu giurnale.

Che buo' analizza!

A li viecchie sisteme, levane no poco de funniaria, e moderata! no stabilito introite che se faceva a la duana nCOppA a li commestibele tutte, ceriale e ba scorrenno; na nchiastaria ncoppa a li vine; la carta bullata che ordinariamente non appassava li 6 rane lu fuoglio; e de lu riesto, tirateve la porta.

S’alteravano ogne ghiuorno sti sisteme de 'mposiziune? Se pensava a la notte pe lu juorno de ncasa lu masco a la popolazione comme state facenno ogge vuje colennisseme? Seste va tanto ‘nseduta permanente pe bede' de spremmere lo cchiù forte possibbele lo gravugnolo a la povera gente?... Addo' steva tutto chesto?...

Allora quanno èramo male governate, E giustamente! Non avevamo la nnaspettata felicita' de trová no piantone ogne ghiuòrno mmocca a la porta che t’appresenta na nova carta pe na nova tassa. Gnernò; tanno li pise erano canosciute pure da li guagliune; nC'eramo assuefatte a cierte sisteme che duravano da anne e anne, da patre n'figlie, da governante a governante. E allora s’aveva che magna!

Ma mo, comme si fosse no chioppeta continuata, na cosa non aspetta a n’autra; no piso se fa appassA da nautro piso, na felicita' non aspetta la vicchiaja, e bene la nova; le ttasse ce li bedimmo schioppa comm a li funge, a nceppe, a mmorra, all'ausanza de li puorce «non pregiudicanno».

Ma chello che fa perdere la capo certamente si e' tu pecche, e la necessita de sti tasse.

A vuje pareno strane st’osservaziune, ma che ste hanno la logica lloro, non dubitate. a' lu ppassato nc’erano li pise, ma non de chesta forza, ed e' assodato. Li nuove non se vedetteno maje, e ba meglio. Ogge vuje ll avite mise ncalannario, ed e' ghiusto! Nce n’era fuorzo necessita' p’arreparA la rovina de lu, Stato? cierto che si, risponnite vuje. E, allora chi l’ave arruinato chisto Stato?.....

Mmano a li viecchie, pe non arruinarese sto paese, la cosa prubbeca aveva da essere bona amministrata; e si non parennoce tanto bona la volettemo cagnA; diciteme mo Vuje 'nche anno consistute le migliorie voste?

Allora s’arrubbava e' indubitato! lu governo era cattivo, cattivissimo! Li Ministre pesseme, pessimisseme; nne volite cchiù? Stevamo dinto a lu Vallo de Bovino nfatto d’amministraziune? Ve lu boglio concedere tutto chesto; va buono accussi? Ma la varca de lu stato jeva accussi a orza comme sia jenno ll’attuale? tenevamo tanta diebbete quanto ne tenimmo mo? nce sceppavamo la faccia ogne ghiuorno pe non ave' comme fa, comme facimmo ogge? Allora s'arrubbava? s’arrubbavA! MA li popole non erano aggravate accussi barbaramente; ma chillo tornese che se 'ntroitava juorne juorne avastava pe li fatte nuoste, anze anze nce superchiava, e buje lu ssapite, pecche' la cascia de lu stato non era maje arrivata a vederese co lu sidece da fora!

E allora s’arrubbava! S’arrubbava e se jeva nnante! Chille mariuole lla, sempe pe ditto vuosto, se ne jevano pella pella, ed era tanto la leggerezza de stu voluto arruobbo quanto che la popolazione non se n'addonava affatto, e basava chelle mane che lle volistevo fa tagliA.

PE li viecchie pise non nce fuje necessario de fa tanta miliune e miliune de diebbete, de ricorrere a chisto e a chill’autro 'mpriesteto, de nce i sbrevugnanno co lu tale e lo tal'autro paese: gnernò. TAnno chille bonora de mariuncielle sapevano arrubbA de muodo ca lu furto se teneva pe na felicita' de lu paese, e non s’avette lu besuogne pe fa lu fatto de ricorrere a l’agguAntature forastiere!

Allora s’arrubbava? e mo che se sta faCEnnO?

Tanno li cattive nce facevano i nnante, e ogge li buone pecche' non nce fann'i ne nnante e ne arreto, anze sempe arreto?

Allora co chille mariuole non bedettemo la miseria a biso scopierto, a faccia a faccia, a' musso a musso; ne nce vedettemo levA le ssole da sotto a le scarpe, comme se sta faCEnno mo, ne avettemo la felicita' de le ttasse, pecche' non nce fuje, ne nce potev'essere abbesuogno.

E mo ca le circostanze nce hanno portato a' chesto, mme sapissevo a di chi fojeno cchiù mariuole?, (continua)

LU TROVATORE

Anno I.—Num. 10 Giovedi' 8 Frevaro 1866

LE TTASSE (3)

(COntinuazione e fine)

Mo Si no povero diavolo se vo cacciA solamente na fede de vattisemo, che pe lu passato non stev'autro che 5 rana ha da spennerE na lira e cinco cienteseme, sino' nne po fa passaggio. Capite, quatto vote tanto de cchiù de chello che se pavava! E la carta bullata portata a li ciele? e le ttasse de registro, E la firma de li notare che da la soleta cinco rAnA e' sagliuta pure a na lira? e tanta buffonate ch’avite poste ‘ncalannario pese fa no contratto qualunque, no semplice affitto de casa, no Cagnamiento de pòlesa, addo nce vonno no sacco de testemmonnie ch’apprimmo non s’ausavano? Li stesse affitte de casa 'ncarta cerùlea ch’anno abbesuogno de lu francobullo de 55 cienteseme p’ave' luoco, mentre apprimmo ncarta corrente se vistavano solamente a lu banco senza pava niente? Tutta sta caterbia de cose, che nn’apparenza pare no niente, quanto bonora de discapito non portano a la gente, e de ‘ntroito a lu governo?

E nuje tenimmo sempe diebbete!

Ma chello po ch’e' forte assaie, e supera tutte le bricconate ch’avite commesse nfi a mo mettenno sti ttasse, si e' la manera comme se vanno asigenno, e s’apprica la legge.

Li mpiegate ministeriale e conzortiste schifuse fanno sta legge comme vonno llOrO. a' no povero sfrantummato che non tene proprio che magnA lle tassano, a modo d'esempio, no ducato, e a quacche perzona distinta che tene stabele e potria ed avria da pava siconne la renneta che tiene, lle s’assegna no carrino! E tutto chesto pecchè? pecche' lu signOre X e' de la camorra governativa, e lo poveriello pecchè poveriello ha da i sempe da sotto. Ne' cheste so chiacchiare de lu Trovatore, ma verita' de fede che anno strummettiato li giurnale de tutte li colurE. E quanno no ‘nfelice qualunque non ha potato pavA na tassa, pecche' veramente non ne teneva li mezze, stanno la forte miseria soja, avite avuto la sfacciataggine, avite commesso lu barbarisemo de mannarle ll'usciere e farlo sequestra chelle doje stracce che tteneva dinta la casa.

Fetiente, strafetiente, fetentisseme!!! ACcussi' se tratta la povera gente e s’ave pieta' de lu prossemo, appenzentuto da vuje?...

Juorne fa ncoppa a li viche de Tuleto s’e' arrivato a sequesta lu bancariello de no povero scarparo co tutte li fierre, a come nce vene ditto; pecche lu miserabile non potette caccia doje lire pe la tassa assignatele! MA lu biseculo che diavolo nn’aveva fatto sto 'nfelice; pecche' non nce lu sonaje 'nfronte a sti brigante governative?

Se manna ll’usciere a sequesta' la miseria, pretennennose pe forza chello che non se ponne saziA lu gruosso appetito de la camorra! Miserabbele!

Vuje nzurdate la sbentura, mettite a la disperazzione le povere gente, e volite, entennite accussi de fa i nnante la varca? Ma non nce arrivate.

«Quanno la formicola vo mori mette le scelle!»

Vuje nvece de considerA li besuogne de lu paese e cercA de sanA chelle cchiaje de che site stato causa, pigliate no fierro 'nfocato e nce lu schiaffate ‘ncoppa, nvece de metterce l’agniento de lu defrisco p’addorgi' li dolure.

De chesta manera, credite a me, lu malato se ne more; e doppo la morte sapite che bene? vene la risurrezione. E guaje si lu popolo arriva no juorno a risorgere da la morte che ll'avite apprestata, addo jarrate a pigliA pede?

Io vorria parlarve a lluongo de tutta la sbrevugnatezza de sti ttasse, ma che nne caccio? Vuje mo nce avite ‘ntostata la faccia, ve site puoste ncoppa a la via de la carneficina, e Dio sa quanno fenarrate de sacrificA stu popolo. MA venarrA ll’ora soja, non dubitate! - Aggio ascì, diceno li guagliune pe Napole!

Spremmiteve, progettate, mettite ncampo pise novielle, penzate all’uoglio, comme s’e' penzato; a la macena, a lu 'mbuttamiento de li vine, non ve scurdate de niente: cca stammo nuje, sarranno esaudite li vute vuoste.

Avite sempe a mente ca nce simmo fatto pEcore cchiù pevo de chello che èramo; nce potite tosa' a piacere vuosto. Mo ve nce trOvate, ncasate la mano. Finarmente na forbiciata cchiù, na forbiciata meno che fa? Lu cuorio e' chillo che s’a' da presta', e stu cuorio sulo e' ll'uneCo Ca nce avanza: lu mettimmo a disposizione vosta.

Nce avite restate sulo ll’uocchie pe chiagnere, e la pelle pe commiglia' sti marmotte che simmo; pigliateve pure chesto, e bona notte a li sonature: non nce resta autrO.

Nuje nce simmo persuase ca si non ogge, dimane nce toccarra' de fa la morte de lu COnte Ugolino, che non avenno che magna' se devoraje li figlie!

Chi sa si 'nquacche momento de disperazzione non avarrammo la stessa sorte, e nce toccarra' de magnarce a morza la Conzortaria! Chi sa!…

Chi sa si no juorno li lagreme de la povera gente non movarranno a piata' Chi sta 'ncopp' a tutto, e se mutarra' la sorte de li popole 'ngannate e tradute, e se sentarra' na voce potente che dall'Alpe all’Adriateco strillarra': Abbasta chello ch’avite fatto. LASSATE PASSA’ LA GIUSTIZIA DE DIO!

LU TROVATORE


vai su


Anno I.—Num. 12 Sapato 10 Frevaro 1866

NECESSITA’ DE LE CCOSE

Tutto e' necessario a lo munno.

So ciucce chille tale che quanno passano na disgrazia accommenzano a spacenziarese, e hanno tanto 'nfantasia, ascenno da fora a la volonta' de Dio.

Dio non fa niente pe senza niente, ma sempe pe quacche fine!

Cierte bote senza rifretterse nce pareno brutte i designe de la pruvedenzia, ma si li ghiammo a cernere, oh quanta necessita' nce sta annascosa sotta, e quanto e' ghiusto chello che se vede nascere.

Non nce scuraggiammo signure mieje: aveva da essere accussi.

Si uno se anne fa avesse ditto a lu popolo napolitano: fratiè statt’attiento, vide addo miette lu pede, penza a chello che faje, vi Ca' chiste lE COffèano, se nce‘avria creduto a ste parole cca? ManCo pE penziere!

Ta'nno la popolazione steva tuta ‘mbriacata; la povera gente era stata lusingata co promesse e denare; e li rigattiere taliane s’eranO ajutate co li piede e co le mmane pe semmena' la zizzania. Pe poche carrine jettate nnante a la preba corrotta se stette a bennere sto povero paese nuosto! E aveva da essere accussì.

Che non s’ e' fatto a In principio de la rivoluzione pe corrompere lu popolo? che cosa non lle s’e ditto, quanta promesse non E songo state fatte? Ma cchiù de tu denaro Ca'Cciato da la Conzortaria, nce hanno potuto li suggerimiente de li birbante che non hanno lassato mezzo intentato pe ‘ngrossa' li core e prepararele pe l'abbenì. L'abbeni ch'aveva da essere tutto sparzo de rose, ch’aveva da fa rennova' ll’aita' dell’oro, e fa truva' lu denaro pe mmiezo a la via!…

Si tanno 'nvece de diece carri diveve ciente ducate a no popolano 'ncarognuto, volennolo distogliere da li progette de la camorra, vevite sicuro ca n’avria mannato ad abbusca' denaro, e v’avria fatta na risata nfaccia. Ca'gnare lu ffuturo tanto doce e speranzato pe cchillo presente accussi brutto e micidiale? Comme se poteva pretennere chesto? Lu stesso fatto de la bonaffiggiata nnante che se tira. Promettite quanto volite a chillo che s’a' jucato la viglietto non ve lo vorra' cederE ne mo, e ne maje. - lo a n’autr'ora so rricco, ve sentite riponnere, Vatte, si ricco? Ricco pe quant'e certo patreme: chisti numunerE stanno nfaccia a la stampiglia!

Quanno po e' asciuta la strazzione.…. ah... oh… uh. Ch’e' stato? e' falluto ogne ccosa, e s'e perduto Felippo e lu panaro!

ACcussi' succedeno le ccose! e' lu cielo ca lu commanna, Nuje nce avevamo da mpara'; senza de chella lezzione ch’avimmo avuto potevamo essere capace de la ragione? certo che no. Era necessario de passa' stu guajo, e, intennite a me, ll’avimmo passato buono una vola pe sempe.

Nuje eramo tanta gnurante mancante de tutto. Non avevamo civilta', non sapevamo leggere, non tenevamo libberta'; stevamo dinto a la desierto 'nfatto de legge, eramo attorniato da traditure. Chi nce governava non serveva; non poteva servi pecche' non aveva sperienza; avevamo abbesuogno d’uommene struite, de perzone co quatto para de cerevella pe lleva' lu fraceto da dinto a li paise; E lu fraceto e' stato levato: nc’e restato sulo la toneca nfaccia a lu muro ch’a quatt’autre juorne se la pigliarranno pure pe nce ferni' de pulezza'! E che nne volivevo cchiù? Avettemo finalmente la felicita' desiderata; pecche' non nce ne contentammo mo? È segno ca simmo 'ncontentabele, ‘ngovernabele, spacienziuse! Quanno uno áve chiammata na cosa, e a biva forza ll’ave attenuta se ll’a' da tenere, sino' e' no birbante.

Ma nuje che sapevamo? Comme che sapivevo? No lo bolistevo sape; ve potivevo vota' arreto e guarda' lu passato. a' che hanno mena'to tutte le rrivoluziune de lu munno? a' niente; a pierdemiento de sacca e de salute; e quanno s'e ghiuta a cernere, la cosa e' fenuto tutto a brenna. Li pisce gruosse s’anno magnato li piccerille; e li piccerille hannO abbuscato sempe!

ACcussi' aveva da succedere, e sta succedenno. La necessita' de le ccose e' boluta da lu cielo pe lu bene nuosto. Dint a lle disgrazie se mette talento e se vede lu core de ll’amice. Povere chille scieme che doppo avuto na lezzione non metteno capo, e resta no cchiù ciucce de primmo.

Approfittammoce de la lezzione che nce hanno dato, fratielle mieje. Mo li ccanoscimno a uno pe uno tutte li lebberature nuoste, e non nce ponno sfui' da nante. Mo non ponno di: tu si stato, chillo è stato, chille lla' ll’anno fatto... Gnernò; mo lu calannario de la rivoluzione taliana porta li sante pe la jornata; co la data, lu nomme, la domicilio e la professione pure. Quanno nne volimmo celebra' la festa sapimmo addo li trová pe ll’a'ppiccia' lle cannele nnante. E non e' tanto lontano lu tiempo. Attenzione, e uocchie apierte, e bedarrammo le ffonziune.

LU TROVATORE

Anno I.—Num. 13 Martedi' 13 Frevaro 1866

LL’URDEM’ORA DE NO

Sentite vuje ste buce flebbele e lamentevole ca te perciano lu core, e fanno affaccia quacche lacrema all’uocchie?... No!.. Comme no? Che bonora site surde, site cecate, ca non sentite e non bedite ca se sta' accostanno no momento grave, solenne, urdemo, decisivo, straziante? Araprite qualche fenesta, affacciateve a quacche parte, mettiteve ad ausolia'.... Li sentite mo, ah..?..— Accompagnammo a st’anema co na santa messa!... Avite ’ntiso! ’Nzerrate, ’nzerrate mo; so li fratielle de la Misericordia che hanno attuorno pe lu benefattore lloro ca se ne sta jenno cuoncio cuoncio.

Gia' ll'aria s’era accommenzata a ’ntruvulia' da quacche ttiempo, e lu cielo nuosto pareva sìmelo a' chillo de Londra, brutto, niro, schefenzuso, e chino de neglia - Ah Cielo de Napole comme nasciste bello! e comme t’hanno arredutto!! Li pariente, li cadette, ll’aspirante, li magnafranche, li scorcogliature, e tutte chille ch'a'nno avuto che fa co lu paziente, se vedevano da parecchie juorne cacciarese no muccaturiello da dinto a la sacca, e astiujarese... ll’uocchie. Strana condizione: ll’ommo all’urdem’ora soja e' quacche cosa spaventevole; e' ‘ndescrivibbele la dolore de chille che lle stanno attuorno, non se po' esprimere inpiacere de chi nn’ave ll’eredita'!

No male sìntomateco appelativo, c’a'veva ’nterrotte le ffunziune de lu malato, a dditto de no miedeco peruccone, ll’a' fatto perdere le fforze e arreducere all’urdemo estremo. Pe fa abbede' che s’è fatta na cosa; e pe non sèntere mmurmuria' lo munno s’e' tenuto cchiù de no conzurdo, ma che buo' conzurda'? - Conzumatum est, ha sentenziato no figlio d’Esculapio; chist’essere e ghiuto, se ne sta morenno crepanno crepanno; non lle restano che poc’autr’ore de vita. Penzate pe l’attierro! - More?... se ne more... bene mio! e comm’è stato, pecche' se ne more? comm’a' da muri, accussi' nzicco nzacco?.. Ha da muri, gnorsì, comme morette l’antecessore sujo. Almeno chillo facette na bona fine, ma chisto non ssaccio comme potra' nzerra' la rocca: lu pùtreto che ttene ncuorpo e' fforte assaje.... Vedite a lu mmanco de farlo riconcilia' co lu Cielo, mannaie a quacche parrocchia, io ve l’avverto pe scrupolo de coscienzia.—Ah... che ve facite scappa' da la vocca! a' chiste momente parlatele de lu prevete? chillo non nn’a' voluto maje sentore; quanno ll’a' scontrato pe la via s’a' fatto sempe le ccruce...— Embe' morarra' comm'a' campato; chi non stima na cosa nvita non l’avra' manco mpunto de morte! E li miedece se se ne vanno, doppo spedutele lu passapuorto, e la famiglia resta tutta mortificata, co la faccia de lu piccio; e lu malato arape e nzerra ll’uocchie, e… nu gallo facenno miò… miò… stona li sante dinto a no spicolo de muro.

—Cacciatene a stingano, io non me fido de lu sentere…

—Frusta lla', frusta lla'... niènte e' tuosto; e' no sacco de tiempo ca non s’a' voluto mòvere da chillo pizzo e' a' dillo sempe miò... miò…

—Ave raggione... mio' vo’ dicere e' rrobba mia, zzoe' ca sta cammera ll’appartene... povero muscillo, tene bona memoria, se ricorda ca dint’a' sta cammera e' nato, e la benattarma de la mamma apparteneva a la famiglia mia.... Sentite, amice mieje, io gia' m’addono d’essere arrivato a la fine; st’aria non mme fa cchiù bene, aggio da lassa' tutto; li miedece non se songo ngannate, io morarraggio e morarraggio quanto manco ve lu credite.... dint’a no ba'tteto d’uocchie, a la votata de la mezanotte... arricordateve de lu povero…

Ma n’urto forte de tosse le spezza la parola mmocca, ll’ammancano le fforze e cade a la supina co la capo a la parte de dereto, e accommenza a storzella' ll’uocchie...

Ad ime pietose ca mme leggite, io non bogli0 autro da vuje ca na lacrema, na lacrema sola de compassione: pe tramente io mme scioscio lu naso, e buje a'nnettateve ll’uocchie; facimmo a bede' almeno ca ll’ausammo ll’urdeme riguarde. So chiste momente: ’mpunto de morte a'nno da spari' tutte li puntiglie suciale... Vedite ca lu malato s’arricetta, aggiatene compassione!

Ma gia' le buce so passate nnante; li compagne de la cóngrazzione addo' isso e' fratiello sentennoce lo punto estremo vanno attuorno co la vorza; da chesto chelle buce lamentevole, e chillo appelamiento de stommaco! —...Vuje mme, credite? io sto scrivenno e tremmo, tremmo… pecche' tengo no ciammuorio ca mme fa sternuta' ogne momento! Povero malato! Era trasuto prommettenno mare e munte s’era assettato co ll’aria patriarcale dicenno ca voleva fa e voleva dì: accordanno che faccio che, e che ssaccio comme, ma po a' penzato sulo pe isso e pe li caicche suoje, e teccote lu regno sujo spari' dint’a no sciuscio. Non ll’anno voluto cchiù, e' caduto dall’auto a bascio, s’e' dexxxelata la fine soja; li miedece forastiere ll’a'nno ditto: statutum est.

Si chella bestia de Sinneco non avesse proiebbuto li campanielle pe Napole a chest’ora avissevo ‘ntiso pure lu Viateco… ma sta morenno; chello ch’e' certo, si e' ca sta morenno…

Arricordateve de li buce, guardate lo cielo annuvolato, la faccia spirante de ' tutte li conzorte, lu liepeto de lu gatto, la babilonia che regna ‘nfamiglia, li bavaglie ca se stanno facenno; li schiattamuorte gia' apparecchiate, e la mezanotte ca sta pe ssona'... Ndò... ndò… ndò, e nce trovarrammo a no munno nuovo, e lu malato se ne jarra' a fa frijere.

— Ma ohi e' stu malato, chi?

— Che bonora non ll’avivevo caputo?… E Carnevale, ogge non e' ll'urdemo martedì, non e' ll'urdema jornata soja? Isso more, e… salut’a nuje.

LU TROVATORE


vai su


Anno I.—Num. 14 Giovedi' 15 Frevaro 1866

LU JUORNO DE LE CCENNERE

Signure mieje Lu Truvatore ogne mmatina primmo se fa la croce, e po legge lu calannario pe non manca a tutte ll'obbreche suoje. - Martedì era ll’urdemo juorno pe Carnevale, e le cantaje l'assequia; ajere fuje lu juorno de le ccennere, e tteccove lu discurzo pe le ccennere. Gnorsi nuje scrivimmo purzi predeche quanno attocca, co tutte ca non simme prievete. PE Napole corre na voce, che nc’a fatto ridere, che dice ca Don Saverio e' nu prevete; e corre purzi n’autra voce, ca nu prevete vo passa pe Don Saverio! Chiste so duje equinozzie nno meglio de l'autro; pecche' chisto tale prevete non scrive Lu Trovatore, e pecche' Don Saverio non e' affatto prevete; e pe ttale 'nzignale mo s’ave crisciuto lu puparuolo mponta a la squessa, pe non fa rummani' la ponta de lu naso (ch’e' abbastantamente lungarella) troppo da fora!

Ma passammo appriesso, e battimmo addo tene.

Lu juorno de le ccennere arricorda a tutte ll'uommene ca cennere songo, e cennere n’autra vota hanno da addeventa'. E chisto non e' mutto de li prievete, comme vanno scacatianno li sapute d’aguanno, gnernò; chesta e' na verita' cchiù becchia de lu lauriello; na verita' antica pe quanto e' antico lo munno.

Simme cennere, signure collennisseme, simmo nate cennere, e addeventarrammo cchiù pevo de la cennere. Ll'ommo non e' niente, pecchè e' nato niente, e sarra' sempe niente; a'nze

Si ma'je lu nniente fosse cosa,

Ll’ommo sarria cchiù ppoco de lu nniente!

Arricordammoce de chesta massema.

Quanno gnopatre Adamo fece lu peccato de la dissobedienza (beneditto pozz'essere) chi llu criaje lle dicette chello ch’aveva da essere: Si nnate cennere, t’assuggettarraje a la morte, e ritornarraje ad esse cennere. E cheste pparole nisciuno cchiù s’ave scordate, ne se potarra scorda; pecche' da che munno e' munno tutte chille che so nate, chi primmo e chi doppo so muorte tutte, e mo non songo autro che cennere.

TECcove lo cchiù gruosso 'mperatore de la Franza, Napolione primmo: chillo c'abbampaje lo munno co le guerre, e revotaje miezo univerzo. A cinquantun anne fenette de fa la guerra a la cchiesia e a li potentate de la terra': addimannatele che se n’e' fatto?... E’ Cennere, non nce sta cchiù, e' ritornate cennera!

Camillo Cavour primmo Menistro de lo regno d’Italia, amico intemo de li rivoluzzionarie, che dint’a se mise voleva i ad assettarese a la seggia de S. Pietro; ll’ommo ca se facette li denare a ccofane co lu pretesto de fa ll’unita'; che 'mpapocchiaje co tanta e tanta bonofeche de chiacchiere a la gente; no bello juorno, quanno manco se lu penzava anitto fatto, accussi' comm'a no viento facette la fine de la cicala, se ne crepaje, e addeventaje cennera. Addo so ghiuto a da funno tutte li prerogative de stu primmo ministro? So cennere!

Lordo Pallamestorne ca a miso sotto e 'ncoppa meza Europa co la fieto de lu ba'Ccala' ssicco, pe storna li juoche de tutte chille che se facevano li fatte loro; sapisseve a dir me che bonora se n’e' fatto? E addeventato cennere!

Manfredo Fanti chillo che facette le gua'pparie de Peppe Nasella a Castielfidardo, mettenno trenta contro a uno, nOn s’e' fuorze arredutto cennere?

D. Luigino, lu patrone nuosto, addo se vota vede cennere, pecche' so chiavate de facce 'nterra MOrnv, Âillauld, Pietri, e tutte chill’autre cazette suoje che ghiucajeno lu scupone de lo duje Dicembre!

Sterbini e Saliceti voletteno fa la reprubbeca a Roma (sciù pe la faccia lloro mo pe ttanno). a' Roma mo nce sta chi nce a da sta, E lloro so cennere! E songo cennere ciente gennerale d'armata che 'nvece de juca' spata se jucajeno pe denaro la patria e l’annore. Songo cennere cierte pagliette, cierte prievete schierecate, e tanta guastamestiere che co la maschera de la lebberta' so mmuorte de 'ndegestione, pecche s’anno voluto magna' dinto a cinc’anne chello che non avevane visto pe ttutta la vita llOrO. E Cennere anno da addeventa quanno manco se lu penzano D. Ridolfo co tutte l’afflizziune, ca nce a' date, D. Peppe colonna d’oro, D. Rodrigo Scassacampanielle, e tutta chella caterbia de chiecchiarune, de 'mballature e de campature che stanno campanno a sciore, zucanno lu sango da le bene de stu povero popolo ‘ngannato, assassinato, pigliato co la vainetta, e arredutto a la mazza,jate 'ncarrozza, fravecateve palazze, accattateve renneta angrese, franzese, tudesca', ma a' vite da fa lu papariello, ll'avite da lassa'; de vuje s’a' da dicere purzì: Ei fu; e buje pure avite da essere cennere.

E Lu Trovatore sape ca isso pure chesta via a' da passa', e isso pure a' da da n’abbraccio a la Commara senza naso, se nce 'ntenne. Ma Lu Trovatore assauno lu lampiunciello e lu pantulino fora a la porta, e' trasuto dint’a la cchiesia, s'ave fatta mettere la cennera 'nfronte, azzettanno de core, a scunto de li peccate suoje chella sentenzia de morte.

Lu Trovatore sape ca l'arrobbapaise, e li ‘ngannapuopole addeventano cennere pe addeventa' no juorno gravune de casacauda, mentre la cennere de tant'autre buone cristiane muorte de paura, de trapazze, e de stiente, pe la fede de Cristo, e pe ffa ll’obbreco llorO, a da addeventa' na rusella de lu ciardine de Dio, addo' stanno li vere tesore che non bedono maje fine..

Fora le zzerepelle, signure mieje, arricordamnoce de le cennere, e ca nce sta lu castice pe li birbante e lu premmio pe li buone. E ca accussi fernesce ogne gloriosa storia.

LU TROVATORE

Anno I.—Num. 15 Sapato 17 Frevaro 1866

LO PRIMMO ARTICOLO DE LO STATUTO

Ntiempo de la quaraesema e' nicessario de fa no pOCo de mmeditazione; mmeditammo signure mieie, E p'accommenza' buono dammo de mano a lo Statuto stutato de lo Regno d’Italia, e facimmoce no poco d'esame de coscienzia.

Signure Ministre, signure deputate, signure tutte de la conzortaria, lo tiempo ch’accommenza a correre e tiempo de penitenza, addenocchiateve o preparateve a cerca' perduono a Dio, pecche' ll'ore ca ve restano ve so' state contate, e songo, poche!

Lu Rre d’Italia v’avea affidata ha carta chiammata Statuto, chisto Statuto mmerita d’essere analizzato pe persuade sempe cchiù lo popolo vascio da quale birbante e stato portato a precipizio, e chi songo li governante suoje.

Vuje ìreve, e site ancora pe disgrazia nosta, ll’esecuture de la volonta' sovrana, zzoe' chille ch’avivevo da fa rispetta' le llegge. Che cosa dice lo primmo articolo de sto statuto ca La Religione, la Romana e' la sola Religione dello Stato; tutte ll’autre culte saranno tollerate. Che rinsavite fatto de la Religione nosta Cattolica, Apostolica, Romana, comme nn’avite rispettata, e ffatta rispetta' la dignita'?

Vuje ll’avite sbagliata da lu principio briccune mieje matricolate, vuje non bolenno v’avite chiavata la za'ppa ’ncoppa a li piede co le mmane voste. Ve site fatto scommigliare a rramma co ffare sga'mmetta' lu primm’articolo de lu Statuto. Ciucce che site state. Li mariuole nnante de se mettere all’opera a'nno da concerta' buono lu piano primmo.

Chi volite ca ve stesse a sentere, e prestasse fede cchiù a li papocchie voste, si avite avuto la sfacciataggine de disgurateve li popole ch’erano tanto attaccate a la Religione de li patre loro?

È no sacco de tiempo ca se va cercanno da sto popolo la Religione Cattolica pe dinto a li State d’Italia, e la Religione Cattolica se nn’e' fojuta da lli governante suoje, e da quase, tutte li paise conquistate.

Vuje avite dato prove convingente ca non nce create pe nniente a le ttavolozze, e, tacite de tutto co tutte li mezze vuoste de non nce fa credere manco all’autre.

La Religione de lu Stato aveva da essere la Cattolica a dditto de Carlo Alberto a lo 4 marzo 1848, e pe conferma de Rre Vittorio a lo 1860; e buje avite fatto si' ca sta Religione sacrosanta fosse stata abbattuta e misa sotto a li piede da li sforcate pare vuoste, e se fosse posta ntruocolo chella de li chiù, fetiente protestante.

Quanta cientomilia lire de camorra v’avìte magnato sottaviento, signure de la camorra governativa da chella schifosa propaganda a'ngresa, pe fa strummettia' le Bbibbie protestante, e leva' tutte li sante da faccia a li pentune? É che nn’avite cacciato?

Vuje avite fatto sbattere lle mmane mannannoce chille sedognute da vuje, a chille predecature schifuse che mprubbeca chiazza a'nno avuto la temerita' de jastemma' a Ddio e a li Sante suoje, e mettere ‘ndubbiezza la verginita' de la Mamma, e ll’unicita' de lu Figlio! Schifuse, miserabbele, stracciune. Avivevo da veni' vuje a lu 1860 a li paise nuoste pe fa caccia' la fede de vattisemo a Chi ogge o craje v’ha da rompere le ccorna!

Quanno lo governo era governo, e lo primmo articolo de lo statuto era stato prubbecato co vero fine, no pe da' no papasale a li popole, avivevo da fa' rispetta' la Religione de lo Stato, non gia' farla sgametta' prubbecamente mmiezo a li bie da li fetiente pare vuoste. Ch’avissevo fatto si avessero sparlato de la mamma vosta, de lo patre vuosto, o de no frate de li vuoste?

E avite permesso ca se fosse spergiurato Dio, calunniata la Mamma Soja, mesa sotto a li piede la fede santissema de la Religione Cattolica?

Addo' sta cchiù de chesa manera la Religione de lo Stato?

La Cattolica aveva da essere rispettata perche ll’unica e tutte ll’autre tollerate. Vuje avite fatto tutto a lo contrario e persiquitato co tutte le fforze voste la vera Religione Cattolica, tollerannola appena appena, e avite dato braccio forte a la protestante pe ffarla mettere ‘ncavaliere!

Signure de lu governo, chiste so peccate ca se chiagneno, e vuje l’avite da pava'! Vuje avite fatto de tutto p’abbattere a Ddio, e Ddio co na semprece guardata storta a' decretato senza fallo l’abbattimento vuosto.

Vuje site cadute, site muorte e fetite che non v’addonate ca state dinto a lo camposanto, addo' li cadavere se stanno seppellenno juorno pe ghiuorno? Ma non avite uocchie pe bede' tuorno tuorno la fine ‘nfelice che state facenno pe tutte le pparte d’Europa?

Li popole’ so scontente tutte non ve credono cchiù e aspettano ca cadite. È Ddio ca lu permette.

Li nèmmici ve stanno a li spalle, cchiù armate e disciplinate de vuje, senza la miseria vosta, e li traditure ca ve tirano piede. È Ddio, ca li farra' ghi' nnante p’abbattere a buje.

Cca' diebbete, miseria, afflizziune, lamiente, malumure all’autre pparte cchiù tranquillita', cchiù regola, cchiù rispetto, L’Austria ca pava meglio de vuje, che mantene cchiù le promesse soje, che vo' cchiù bene a li popole, e che ha all’Ungarìa ed e' pigliata ’mbraccia da la popolazziune tutta.

Ll’Austria !!!... Chi e' che permette chesto? È Ddio!!

Giude!! ca ll’avite traduto vennennelo addenocchiateve, e' ll’ora de lu riennecunto, ricanuscite a Ddio, nnante che non bene lu juorno de lu judicio pe li popole.

Lo primmo articolo de lo Statuto vo' che la Religione de lu Stato sia la Cattolica, Apostolica, Ròmana. Rispettate addonga sta Religione, miserabbele de la Conzortaria, a facite ca tutte quante la rispettassero si' volite ave bene!

(Continua)

LU TROVATORE


vai su


Anno I.—Nummaro 16. —Martedi' 20 Frevaro 1866

LO PRIMMO ARTICOLO DE LO STATUTO (2)

Sapato e' stato sequestato lo nummaro 15 de lu giorna'le nuosto,

______________________________________________

LO PRIMMO ARTICOLO DE LO STATUTO

(Cont, e fine, vide lo num. 15).

Arricordammoce de Napolione primmo che bolette pigliaresella co la cchiesia, e la fine che facette!

De tanta pazze pare suoje che ’mbriacate da fauze masseme, non manco mettettero vocca e cercajeno d’abbattere la Religione, sciuliajeno nnante a le pporte de la Cchiesia Cattolica, e chiavajeno de musso ’nterra. Che se ne dice cchiù de loro? So' muorte; e appena appena so arricordate da quaccheduno, mentre la Religione Cattolica ha trionfato e trionfarra' sempe.

Cheste non so' buscie, so vereta' spappate, non so' bavattelle comme a chelle boste ch’accacciate juorno juorno.

Co Cristo non se pazzea, signure mieje; ve ll’avissevo pigliato co tutte, e no co Isso; a chest’ora fuorze avissevo ’mpattata la facenna; ma non nc’e che fa'. S’e' canusciuto apertamente ca la guerra non c’è sola contro a li Sovrane d’Europa, ma e' principalmente contro a Chillo c’a' criate li popole; e li Sovrane d’Europa!

E bolite ave' vita, e credite de i' nnante?

Ma vuje avite perzo lu bene de lu ’ntelletto, comme dice pure chillo rivoluzzionario de Dante.

Discredetanno e commattenno la Religione de Ddio? credite e ’ntennite d’ave bene da Dio? Ma po' cammenare sto discurso? nc’e' logge ca a chesto che ddicite vuje?

Lu palazzo de casa e' stato male fravecato da lu pprincipio, se nn’a' da cade' pe forza.

Avite miso all’opera brutte materiale, cattive fravecature, e pesseme architette e chello ch’e' peggio ca le ppedamente so' nnizze, e stanno fravecato dint’all’arene. Se ponno sostene' ste ffatiche voste? No poco de tramontana bene da la parte de lu Nord, e bedite i' a mmare ogne cosa, e se farranno na risata li criature!

Lo Statuto de lu Regno d’Italia e' na bella cosa, ma manca d’applicazione. Li governante nuoste, signure schifusisseme de la Camorra, s’a'nno fatto male li cunte, abbattenno lu primmo articolo de lo Statuto. Non hanno saputo manco coffia' a la gente, e saperla porta' pe lu naso, gnernò. Co chella smania che teneno de distruggere ogne ccosa hanno menato mazzate de cecato a tutte chille ca lle so' benute pe ddanante, e se l’a'nno pigliato co lu meglio mobbele de la casa, nientemeno co la Cchiesia, ch’e' ll’ornamento, lu pierno principale de ogne bene sociale.

No governo che non rispetta e non fa rispetta' la Religione de lu stato e' no governo muorto, no governo senza vita.

Addo' non nc’e' Religione non ce sta niente, ogne cosa va ’nfascio, e li popole e li Sovrane vanno sotto e ’ncoppa comme ponn’i' le ppagliuche quanno vene na ventata.

Ne' nce fidammo ncoppa a li cinco, e a li seje anne de vita ca ttenimmo, coddicenno ca lu cielo e' ca lu bbò, e ca si no lo boleva non sarriamo arrivate a tutto chesto! La sbagliammo signure mieje ragionanno accussì, e' lu parla' de lu ’mbriaco che dinto a lu vino vò perzuade' a la gente. Nuje avimmo avuto funa longa pe nce ravvedè, e sti cinco seje anne de priatorio de li popole so state permesse da Ddio pe bede nzi' a do' arrevava la sbriugnatezza vosta, e la pacienzia de la gente.

Lo primmo articolo de lo Statuto e' chillo ca v’ha rotte le gamme, e ve farra' cammena' zuoppe vita duranno. Ogge o dimane sarrate judecate da Ddio e da lo munno, e scatarrate la sentenzia vosta. La terra d’Italia tutta sarra' la Valle de Giosafatte moderna, e l’accusature vuoste non mancarranno de ’nterveni' a rinfacciarve li tuorte vuoste. Prievete, muonece e monache, viscove, canuonece, parrucchiane, cristiane tutte, gente da bene calunniate da vuje, galantuommene ridotte a cerca' la lemmosena, figliole costrette a ghi' a bennerse pe danaro, tutte, tutte, tutte, non ve farranno trova' no parmo de turreno ca ve potra' rèjere.

Mmaleditte da Ddio e da lu munno venarra' lu momento ca non avarrate addo' annasconnerve pe la vriogna.

Tanno ve sentarrate accussi' d’ave' permesso lu strazio de la Religione, facennola mettere ’nridicolo ’ncoppa a tutti li triate d’Italia, addo' se so' fiscate Cardinale, Viscove, Pape, e.... Dommenneddie!

D’a've' fatte esporre pe tutte li paise e gira' pe tutte le bie de ll’Italia fìgure oscene, quatre schifusisseme, carricature diaboleche ch’a'nno avuto pe soggette li Principale Auture de la Religione Sacrosanta de lu Stato!

D’averve anniato de porta 'mprocessione lu Cuorpo SS. de Nostro Signore, mentre site jute appriesso, sbattenno le mmane, a la peggio zozzimma de la gente.

D’ave' projebbute prubbecamente tutte le pprateche de religione, non permettenno funziune pe Napole, e perzequitannone li contravventure.

D’ave' portato carcerato a S. Antuono, ca no juorno o nautro v’a' da da' a fuoco anema e cuorpo! pecche' avistevo mmidia de chello poco de questua' ca se faceva pe lo Santo Abbate.

D'ave' fatto leva, co la scusa de lu colèra, li campanielle, da nante a lu Viateco, facenno annasconnere accussi a la vista de li fedele lu Reggitore de lu munno, mentre vuje quanno jate a sacrifica' ll'popole ‘ncoppa a le ttribbune ve facite precedere da banne, e fanfarre!!

Nemmice de Ddio e de li Sante suoje, ve sarra' menata a faccia la jastemma speciale, uneca dint’a la Storia de li popole, sola, eccezionale da che munno e' munno, zzoe' chella d’averve cazzuttiate ‘mparlamiento, quanno s’aveva da da' lu titolo a lu Rre d’Italia, si era stato eletto accussi pe volonta' de Ddio, o pe chella de li Nazziune; e buje anniasteve a Dio volennove ncoccia' ch’era eletto pe volonta' de le nnaziune e non de Ddio!

E quanno doppo tanta accuse e vituperie contro de vuje se cercasse na prova appe connannarve co li stesse decrete vuoste, non s’avra' a ffa autro che mostrarve Lo primmo articolo de lo Statuto de lo Regno d'Italia!!!

LU TROVATORE

Anno I.—Nummaro 17. —Giovedi 22 Frevaro 1866

LA SITUAZIONE

Martedi e' stato sequestato pure lo nummaro 16 de lu giornale nuosto!

______________________________________________

LA SITUAZIONE

— Letture mieje, comme ve sentite?

— Eh... non nc’e' male, accussi accussi.

— Mamma' sta bene, le ssorelle, chelle Ccriature?...

— a' servirve, a servirve.

— Anze a farme grazie.

— Ma pecche' tutte st’addimmanne, contro a lu ssoleto, quanno maje avite accommenzato accussi?...

— ECCO cca, avite da sape ca... Ma e' meglio ca non ne parlammo pe lu dderitto, pecche' facenno accussi sparagnammo indisposizziune, e nisciuno se piglia collera. E siccomme io na cosa l’aggio da scrivere, e buje, pacienziosamente, l'avite da leggere, tiro nnante, e ve presento la Situazione nosta, zzoe' chella de li guaje nuoste, o pe di meglio li guaje de lu povero Trovatore!

Articolo primmo - L’affare e' serio; se tratta nientemeno d’ave' attentato, d'ave' attentato.... fuss’acciso si quaccuno de li mieje ave attentato ancora a quaccheduno! Si ll’anno fatto annascuso mio no lo ssaccio; ma chello ch'e' certo si e' ca se parla d’attentamiento!

Articolo siconno Se voleva solleva'! Sissignore cca' simmo d'accordo; ma la colpa non fuje nosta, simbe de la femmena de servizio che lu facette. Era na bella martola de pane co na quatra de sciore dinto che te zompava ‘nfaccia, n’ascetteno paricchie palate, e cierte tortanielle, La povera Lucrezia (ca accussi' si chiamma la vajassa nosta) se mettette a panizza' da nante juorno; zzuffete zzaffete, ogne punio jeva no cinco-franco, ma che buò, niente, lu sciore fuje tuosto, zucava zucava no sacco d’acqua a la vota, e non cresceva maje. Finalmente la povera diavola che se senteva schiatta 'ncuorpo jetta no strillo coddicenno: Ah… e quanno crisce, quanno te sollieve, mo faje scura' nOtte!... Non fuje parola ditta! Sto quanno te sollieve passaje nnante; ascette da dinto a la cucina, se menaje pe le ggrade, passaje pe nnante a lu guardaporta, lu quale sentenno sta parola dicette: 'Ncoppa a de lu Trovatore se parla de sullevazione; bEne mio che sarra'?! Mbruoglio nc’e' sotto, avranno da veni' li Tito' a Napole; oh anema de chella primma mogliera mia preja pe li signure de lu palazzo, non nce fa passa' no guajo! E se mettette a correre pe mmiezo a la via, co le mmane dinto a li capille, comme si avesse passato veramente no guajo; nzi' a che n'avra' ghiencuto miezo Napole, e nce a' fatto fa' no malanemo a nuje, che simmo la meglio gente de lo munno.

Vuje vedite che nce succede, nce ne venesse una bona; non nce vonno lassa' cujete!…

ACcussi' l’autro juorno nce n’hanno fatta nautra, cchiù aggrazziata. Vuje certamente avite da conoscere chillo ruciulione de lu commesso nuosto ca se chiamma Don Peppe, ma che io cchiù meglio chiammo lo Facelone? Si non lu sapite teccovenne lo ritratto. Statura justa, panza dinto, pietto sporgente, gamme stortarelle, vraccia longhe, uocchie de veròle, gruosse abbastantemente, bbaffe a la Pilone, mustaccio..... sotto a lu naso, cammenatura a ancanicòla, famma nummer’uno... Donga stu tale commesso fuje mannato da nuje ’ncoppa a de no fotografo a piglia' cierte ritratte. Arrivato la' ‘ncoppa lle levano da capo lu Cappiello, che, 'mparentese, e' na specie de sorbettera grossa e futa, e se lu portano dinto. Vota gira e martella, lu spicciano, lle tornano a schiaffa' lu Cappiello ncapo, e ne lu mannano. Arrivato abbascio D. Facelone teccote avèrese la primma guardata e na risata 'nfaccia da lu guardaporta; ma non ne facette caso e passaje nnante. Esce fora e fuje peggio: cierte D. Limune se fermajeno 'ncoppa a lu marciappiede e se mettetteno arridere; cierte signurine dinto a na carrozza nautro ppoco crepavano; li guagliune accommenzajeno a sisca', li cocchiere a scassia' co li scurriate. Lu povero diavolo se vedette miezo abbeluto, se votaje cchiù bote tuorno tuorno, s’attentaje da nante e da dereto, se sceriaje nfaccia doje vote co lo moccaturo pe chi sa nce steva tinto;; ma niente, la baraonna de la gente cchiù Còisceva, e li guagliune alluccavano peggio.

Finalmente se mpizza dinto a no palazzo, s’accommenza a spoglia' pe se vede' ncuollo, e quanno arriva a levarse lu Cappiello nce trovaje nfaccia… annevinate che?… Na striscia de carta lustra nera, larga tre dete, che faceva vece de fettuccia! Nzomma lu ca'ppiello de lu commesso nuosto; fuje xxxdificato comm’a chillo de li cocchiere.

Nc’a'nno pigliato proprio a ttamxxlia' comme vedite, non nce vonno lassa' no momento quieto, e nce facimmo li fatte nuoste, e si non nce ne facessemo?

Addonga comme vedite la situazione nO:sta e' abbastantemente 'ntruppecosella. Da cca' nnemmice, da lla 'ncojetature. Chi nce tira li piede da cca', chi nce rompe la devozzione da Ila; e' na cosa proprio da schiatta' ncuorpo, a li cane dicenno, ma nuje nce accommenzammo a fa' lu callo e non dammo retta a nisciuno; nuje nce simmo persuase ca chi va pe stu mare chiste pisce piglia, e cercarrammo sempe de fa i' nnante sto povero giornale spassatiempo, co tutte le fforze noste. PECche a la fine che nn'avimmo a li tiempe che corrono? ‘nnemmicizzie, bricconate, ngratetutene, sbriugnatezze, faccetustaggene... e niente cchiù.

Spassammoce lu tiempo quanne accussi. Si la situazione mosta ogge è pessema, aspettammo che ghiesce lu sole de dimane, e non nce dammo pena de li malanne; pecche'

Chi cchiù s'arraggia resta cchiù corrivo,

Ca dalle e dalle porta all'ablativo

LU TROVATORE


vai su


Anno I.—Nummaro 18. —Sapato 24 Frevaro 1866

SVENTURE DE NA FEMMENA!

Era bella! Ddio ll'aveva jettato ’nfaccia tutte li bellizze de lu paraviso. Ll’aveva criata dint’a no sciuscio quanno ll'anemo sujo sfrennesiava d’ammore, e se compiaceva d’ave' accommenzata la grann’opera de lu criato, e li gioje supreme lle se liggevano dint’all’uocchie!

La mettette a lo munno, anze a lo meglio pizzo de lo munno, e quanno nce la chiazzaje dicette: Va', tu sarraje la Regna de ll'Univerzo! Quant’era bella!!

Vergene; nnammurava li vicine che la guardavano ’ncantate; era la gioia de li geniture che la stimavano qua figlia, era la mmidia de li lontane, pecche' non se trova nisciun’autra goccia a essa.

Era onesta, pecche' non ancora lle s’era ‘nfrucecato ’ncore lu serpe de la corruzzione; e li designe de li sedutture non avevano fatto a breccia co li sentemiente nobbele e cevile che tteneva.

Quanta felicita' non provava chella femmena, nnante che lu demmonio de lu mmale ll’avesse tirata a precipizio?

Che gioja, che, ffesta pe chella famiglia che nne vedeva li bellizze aonnare a la jornata, che la guardava risbrennere tutta sfarzosa nnante a ll’uocchie de la gente, che la senteva desedera' da li brutte cuorve appetetuse?

Oh figlia bbenedetta! Tu jere ll’uocchio deritto de li geneture tuoje, e pecche' te faciste trasporta' da li birbante?

Che te mancava p’essere veramente fortunata, si la fortuna nascette co tte da le ffasce, e le schiocche de russo te spontajeno ’nfaccia da ll’aurora de la vita?

Volive migliora' li bellizze tuoje? Ma tu veniste bella assaje a lo munno, e lo colorito de ll’autre ssore toje era no belletto a posticcio, comm’a chillo che se metteno ’nfaccia le pprimme donne de li triate!

Amave li sfarze? e chi cchiù sfarzosa de te, bella mia? Tu ire stata esse la masta de le granne cose; tu vincive pe liggiadria le meglie figliole de ll’autre pparte; chi voleva vede' li ciance aggrazziate de na femmena vertulosa, s’aveva da veni' a mettere sotto a la scola toja!

Desederave recchezze?… recchezze... E che bbesuogno nn’avive? tu stive ricca a ffunno; lo denaro tujo poteva sfama' tutte li poverielle de lu munno; tu nne tenive abbonnacchiùne; jere la mastressa a ‘mpresta denaro, lu mmenave spisse vote da la fenesta; tu valive no banco, a'nze jere qua bota lu meglio banco ch’esisteva.

Gloria, annore, benessere, civilta', adorazione?... Va... va, briccona che si stata !… Aggio visto addenocchia' nnante a li piede tuoje li meglie uommene de la terra, e cercarete na guardata sola, no sulo uoCchio a zennariello!

Profume, vanita', crapicce, cielo stellato, luna ‘nquintadecema?.... Scemona!te chiammavano lu ciardino de ll’Europa!

Che te mancava bella mia, ca te si ddata a la mala vita da no buono piezzo a chesta parte?

Addo' cchiù li bellizze, l’annore, la grazia, lu vrucculiamento, la civilta', li sfarze E li ddute toje? addo lu rispetto, la riservatezza, la vita ritirata, la sempricita' de na vota? Ah... t’a'nno sconquassata da cimma a bascio, chille stracciune de birbante!

Ma che, non aje no specchio pe te nce guarda' da dinto; non tiene uocchie pete vede' comme bonora brutta te si arredutta?

Mo t’annascunne, mo faje l'uocchie de lu piccio.… ah…. mo chiagne! E che nne caccie costi lacreme toje? chi te potra' torna' tutto chello che t’a'nno levato?

Susete non te jetta' 'nterra, picciosa che ssi; levate da sta posizione ‘nfelice, muovete, da' quatto passe, lo bide comme te si ammaluta? Ringòrate va', e arricordate ca non e' briogna lu ccade dinta no fuosso, ma e' briogna solamente quanno non nce ne volimmo aiza'.

Arravogliete sti stracce, commogliate no pocorillo... ah! li sbriugnate t’a'nno lassata sulo co le ccarne da fora. ‘Nfamune!

Fa' a bede' ca tiene ancora vita dinto a lu cuorpo tujo, ca e' sango patriotteco chello ca te corre int'a li bbène, non gia' acqua annevata!

Da' na guardata disperata attuorno, com me fa lu lione mozzecato che se trova dinto a la foresta, e di: Io so bivo!

Jesce da sto covo de malantrenaria, armate da capo a pede, de virtù e coraggio civile; e scrive ’nfaccia a de la casa toja: vennetta contro a ll'assassine.

Raccuoglie le fforze toje perdute bide ca vonno da' ll’urdema mano a ll’arroina toja, e se vonno vennere lo riesto de chello ppoco ca te ruminane?

S’e fatta assaje carneficina dinto a la famiglia toja, e lu sango de li juste grida vennetta nnante a li piede de Ddio. Non bide comme lu fummo de li sacrefizie a've annigliato tutto lu cielo tujo?

E tu te ne staje accussi' co le braccia chija'te; e tu si chella femmena ca tenive tanto bello lu core e mmostave d’ave' sempe compassione de li poverielle! E mo non a'je manco compassione de te stessa, de li gente toje?...

Fuoco a la miccia bella mia. Tirannia barbarita', prugresso, so' parole de cannarutizzia, so ’ngienzo a li muorte, so' mutte asciute de moda, se sa' lu bene ch’app ortano. Povere chille tale che nce’a'nne prestato fede.

Ajùtate da te stessa, schièja lu vraccio, muovete una vota pe sempe, fatte justizzia co le mmane toje, ammola la sciabola de la difesa che te spetta: chiamma ala riscossa tutte li figlie de famiglia, fa' ca l’annóre nazziònale fusse difeso da do sponta lu sole, addo' more la sera, e strilla co quanta forza tiene dint’a li premmune tuoje! Rispettate lo deritto de li nazziune, morte a li Conzorte, abbascio la Camorra, Viva l’Italia: IO!!!

LU TROVATORE

MARZO

Anno I. - Nummaro 19. - Sapato 3 Marzo 1866

A CHI NCE LEGGE

Sapato passato nce fuje sequestato pure lu nummaro 18.

Appriesso a chesto avimmo passato no sacco de guaje che non commene de ve conta', pe l’annore de la figliola!

Simmo asciute, finarmente, lo cielo sape comme, e co no sacco de buone cristiane a li spalle che nce vorriano vede' fenute!

Arricordateve de tutto chesto, e compiatitece; si sto nummaro ve pare na specie de na'na'ssa non nce accusate de mala volonta', ma pecche' accossi nc’e' commenuto d'asci!

La COmpilazione.

STORIA DE No PAGLIETTA.

D. Alesio Ârodoluongo era n’avvocato strascinafacenne, che non teneva ne cielo da venè, ne terra da cammena'.

Tutta la fortuna soja consesteva a chello ppoco de questua che faceva attuorno, ‘mpEcanno e ‘mbruglianno lu paese, e cercanno 'ntutte li mode ogne mmezzo comm’aveva da mettere mmocca.

Aveva da campa lu poveriello, pecche' (mparentese) l'ommo, briccone che fosse, ave sempe deritto a vivere, e nisciuno pote arrogarese lu previlegio de non permettere ca ll’ommo campasse. Levate lu ppane da mano a na criatura la sentarrate lesto strilla', e strillarra' tanto nzì a che non nce lu ttornate.

Fatto sta ca D. Alesio era nato co la disgrazia cosuta 'ncuollo; pe quanto poteva fa onne arranfecarese a le ffelinie, non trovava maje la strata de se sosere no poco. Aveva voglia de se spremmere lu poveriello ca niente, lu destino lu perzequitava, e isso jeva sempe da sotto. TEneva no sacco de diebbete dint'a lu quartiere addo' abbitava, lu patrone de casa soja avanzava unnece mise de pesone; lu cosetore aveva da esse pavato cinco manifatture de panne, che ascennevano a na quinnecina de ducale; lu scarparo piezzo e pevo. No miezo trattore, addo' si jeva a supponta' lu stommaco a lu miezejuorno, voleva afforza da' 30 carrine de magna', che ll’aveva accredenzato; 'nzomma li guaie de lu povero avvocato erano n’affare serio e serio assaie; comme diavolo darece riparo?

Agghiugnitece ca lu patrone de casa ll'aveva 'ntimato lu sfratto e minacciatolo de se questo! Ma D. Alesio non se perdette de curaggio, e a ogne vutata de lengua lu sentiveve risponnere: e bota'mmola a ttarantella; qua'nno lo munno a'CCussi' ha da correre....

Tutte a'nno da magna' e io sulo aggio da sta diuno!

Se retira na matina a la casa cchiù pa'Ccariato de chello ca non steva, posa dint’a no spicolo de muro na specie de zampogna, che isso chiammava 'mbrello, se leva da cuollo na sciamisone all’uso confrate, che tanto ch’era nizza s’avette da sficca' chiano chiano; se mette no barettino 'ncapo tutto spertusato che lle poteva servi benissemo pe scola maccarone, e accommenza a refrettere. La primma cosa che penzaie de fa si fuie passa' a revista la mobbilia, e la guardarrobba. Ma che mobbilia, e che guardarrobha! cielo ne scanza ogne fedele cristiano.

Tre segge, na cascia, no quatro antico, n’appiennapanne attaccato co li ffunicelle, no lietto co no matarazzo e no paglione, 'ncoppa a scanne de lignammo. Duje pialle, de li quale uno smussato; n’arciula, na gratiglia mancante lu frutto de miezo, no penniello pe la varva e na vota-pesce Senza maneco.

Chesto era pe la mubbilia; lu guardarrobba pO.... Doje lenzole belle, longhe, antiche, de chelle ttele de na vota che s’ausavano mmano a ll’aragunise; pero' siccome erano nate assaje primmo de lu paglietta accussi' erano addeventate vicchiarelle, s’erano abbastantemente lesionate; quanno se mette vano 'ncoppa a lu lietto s’avevano da schija' co na certa grazia, si no ve s’araprevano mmano, e D. Alesio nne sapeva la debolezza e ll'adattava a la meglio. Tre cammise, una senza maneche; n’autra mancante de lu cuollo e lu pietto, na terza arreddotta proprio comm’a nu scuppettino, zzoe' sfiuccata tuorno tuorno.

Duje cazune, uno co le ppatelle a le ddenocchia, n'autro co no manticello da dereto, che lle faceva da sfucatora. No gile e miezo, zzoe' uno senza li quarte de dereto, e lo compagno mancante de lu fianco sinistro.

MOccatore non ve ne dico niente; erano seje, ma no poco difettoselle, pecche' la lavannara ll'aveva troppo sceriato ncoppa a la preta, e ne aveva fatto cade la lenta, co li quatto pizze attuorno. Quanno lu paglietta s’aveva da scioscia lu naso nce aveva da sta attiento, aveva da vede addó lu chiazzava, sino passava pericolo de se lu scioscia co lle ddeta.

Chesta era tutta la fortuna de stu povero disgrazziato. Mettitece lu sciassione, no stracciacarte pe cappiello, chillo 'mbrello-zampOgna, e avrite avuto tutto.

Chesto era addonga chello che possedeva? chesto sulo, perfettamente chesto. Povero paglietta, puveriello assaje, dico io!

Rifrettuto, penzato, e scorgitato; se nn'aveva da i da lla', e aveva da sfratta' subeto, sino ll’usciere co li compagne le potevano fa no brutto piattino, Lu patrone de casa nce ll’aveva assicurato.

E isso co na santa pacienzia piglia le ddoje lenzole, le mmette una 'ncoppa a n’autra, ne forma na tela raddoppiata, e nce schiaffa tutte li panne dinto, facennone una mappata. Attacca li matarazze a libretto, assoccia a' no pizzo segge, appiennapanne e bascorrenno, e se prepara a lu sfratto. Aspettaje che passasse quacche bastaso, e vedutone uno lu chiamma co no pizzo a rriso, lu fa sagli ncoppa, nce fa lu patto, schiaffa ogne cosa ncoppa a na carrettella, e se nn’esce da lu palazzo, dicenno ‘nfaccia a la guardaporta pe coffiatura: si vene quaccuno e me va truvanno di ca io so passato a la Lucanna de lu Sole. Addo' jette D. Alessio, me spiarrate voje? Si nce avite pacienzia, ve lu contar raggio quanno l'avarraggio appurato!

LU TROVATORE


vai su


Anno 1. - Nummaro 20. - Martedi' 6 Marzo 1866

NA PREDECA DE P. ROCCO

Avite ’ntiso maje a parla' de P. Rocco ’letture mieje? de lu predecatore de lu popolo vascio che ghieva correnno pe tutta Napole, e cercava de tira' a penitenza tutte li mmale-fercole de chille tiempe? Si non n’avite ntiso a parla', teccovenne ’ndoje botte abbozzato lu quatro de li fatte suoje.

P. Rocco era no monaco dommenecano, che campava a la mmita' de lu sèculo passato, e ghieva pe tutte li pontone de lu paese nuosto menanno la rezza, e acchiapanno chille che non ne volevano sape' ne de Dio, ne de lu munno. N'ammoina, n'appicCeco, no letiggio che succedeva a qualunque parte era semp’isso ca nce aveva da mettere riparo, sinò bonanotte, correvano lu patre de li barrate, e feneva brutta la jucata.

Ogge predecanno cca, dimane funzionanno lla', doppodimane presentannose de botto a la tal'autra parte, fuje tale e tanta la pratteca tenuta da chist’ommo, ca dinto a poco tiempo s'accattivaje l'anemo de tutta la popolazione, e se facette na popolarita' ca non nce era ne fine e ne cunto.

Tutte li signure ll’avevano a annore de riceverlo ’ncasa; li cape d’arte de levarese lu cappiello nzi' a ’nterra quanno lu scontravano pe la via, e li guagliune de correrle appriesso pe basarele la mano, e cercarele la marenna. E isso faceva bene a tutte; de modo che era addeventato lu patre de li puverielle, ll’amico de la gente vescia, lu terrore de li mmicidiante. Guaje a chille pero' che non ne volevano senti' la voce, e non s’arrennevano a le pparole soje; la pavavano a caro prezzo. Portava na bastoncella sotto a lu cappotto che baleva pecciento, e quanno non nce arrivava co la voce l'abbiava contro a chi credeva isso, e coglieva, coglieva sempe, quante nne vuo' ca so cepolle!

ACcussi' de sta manera juoòne pe ghiuoruE l’annommenata soja passava nnante, nzi' a che na matina lu nomme sujo facette prugresso, E P. Rocco fuje mmitato a palazzo riale, addo' lu desederava lu Sovrano de chille tiempe.

Lu povero predecatore tutto mortificato cercava de se scusa', ma non nce fujeno mezze, nce avette da i, e s’avette d’appresenta' co anemo risoluto, pe bede' qua erano li commanne che le s’avevano da da'

Lu Rre e la Reggina de tanno, aunite co la riale fravagliaria, se facetteno trova' mmiezo a lu salone, e lu ricevetteno co chella bonta' e macchiavellaria che solono tene' paricchie sovrane de lo munno!

— P. Rò, dicette lu Rre, nuje v'avimmo mandato a chiamma' onne apprezza' li talente vuoste soprannaturale; volimmo nzomma senti na predeca de le boste.

—Vosta Maista' che ddice, io non so degno manco de starle da nnante!

— Nonsignore, nuje avimmo saputo lu bene che facite dinto a lu paese, e lu nomme che v’avite acquistato, e perzo' nc’e' benuto lu desiderio de ve sentì, e ve starrammo a ssentere. Accomenzate...

E lu povero P. Rocco avette da fa de necessita' virtù; sagliette ’ncoppa a nu tavolino, e co tutto lu rispetto possibbele accomenzaje de chesta manera:

No juorno a lu patre de li range lle venette lu prudito de vole' fa' na paternale a li figlie, e pretendette volerele fa fa lu defile ddananze a isso. Fatto sta ca li povere rangetielle non manco accommenciajeno a cammena' jetteno tutte quante de squincio, mmertecajeuo tutte quante, e se cbiavajeno ll’une co ll’autre no sacco de smestute. - Che rrobb’è, dicette lu patre, vuje de chesta manera cammenate; che muodo e' chisto de i' pe' lo munno? E li rangetielle risponnetteno: - E comme avimmo da ì, papa', quanno accusai nce’ hanno mparate? Si sapite vuje quacche autra manera migliore, facitece a bedè comme cammenate vuje, e nce mpararammo cchiù meglio. Patto sta ca non manco lu patre volette fa la squarcionaria de se movere a modo sujo, facette pevo de li figlie, e...

— Abbasta, abbasta, P. Ró, v’avimmo capilo, scennitevenne, dicette lu Rre; e P. Rocco vattette ritirata!

Conzortaria taliana... tu si chella tale che siconno lu patre de li rangetielle, pretienne ca li popole soggette a tte, e cadute dinto a li granfe toje, facesseno a mmodo tujo e cammenasseno a bolonta' de la camorra; senza penza' ca la primma a da' lu buon’asempio a visse da essere tu onne accattiverete l’ammore de li popolo. Mme sapisse a ddicere qua so state nzi' a mo li mierete tuoje da che si nnata a li juorne d’ogge, e de che manera cammine tu?

LU TROVATORE

Anno 1. - Nummaro 21. - Giovedi 8 Marzo 1866

NU POCO DE STORIA E LU PLEBISCITO CATTOLICO

Napole, pe disgrazzia soja ave avuto cchiù de na scoppola da che munno e munno, ma pe bontá de lu cielo a la fine se nn’e' sempe asciuta da sotto a le mmazziate. No juorno lu colera che facette stragge a lu 53 e 54, e all’urdemo ll’anno passato. N'autra vota de lu terramoto che nce facette fui de notte mmiezo a le bie chiammanno sante e madonne; chille stesse sante e madonne ch’avimmo visto co ‘ndefferenzia leva da faccia a' le mmura! Fora Maria de li cristiane, dice la torca quanno ave figliata felicemente!

La guerra che de tanto ntanto s'e' affacciata a' le pporte de sto povero paese e nce’ a' fatto na visita confidenziale, anze anze a lu 48, pe ccausa sempe de quatto cape sciacque, se ‘ntroducette adderettura mmiezo a la via princepale, e dichiarannose parta cevile facette scassia' lu cannone sotto a li barcune e a le ffeneste de li meglie palazze, Lu 15 maggio 48 occupa sempe na pagena de la storia, e nce arricorda na jornata desastrosa. E pure passaie lu 48, E nCE a'CCOietajemo pe no pOCO! Venette lu 60, e autre guaje, autre votta-votta; se facette n'autra vota a sentere lu fieto de la povera, Li figlie de famiglia che se sentevano frijere lu sango dinto a le bene, e tenevano quacche peccato viecchio ncuollo da sconta, corretteno sotto Capua a commattere pe ll’Italia! e lla' comme si la carne de li cristiane fosse stata carne de zimmare se facette na carneficina pevo assaje de lu 48! se taccariaje meza gioventù taliana, succedette n'appicCeco tra frate e frate, a lu semplice mutto de liberta' e unita', e quanno se moreva lontano da la famiglia chiagneva a selluzzo e perdeva, fuorze, ll’uneco figlio che lle restava; li rigenerature, li cevilizature nuoste se n'ascevano co no: e' muorto martere, e' stato acciso pe la patria, a' ghiuto ‘mparavise a pria' pe ll’Italia! E ntratanto na povera mamma e no povero patre perdevano no figlio che ll’era costato tanto sudore e tanta stiente!

E la guerra s’accujetaje ‘mparte, pecche' 'nforza de no prebiscito politeco, nuje nce dettemo mmano a chi nce avevamo da da', e s’accommenzaje ll’unita'… E simmo e state de sta manera, comme ha voluto Ddio e sotto a le ggranfe de la camorra governativa che nce vo tanto e tanto bene, ca non se se pó di co la vocca!

Credite vuie ca rummanessemo sempe accussì? Ah... comme site gnurante e senza fede Nuje nce n'avimmo d'asci da sotto a chest’autra mazziata. Pecche' quanto primma venarra' a chiovere, e ghiarrammo a Roma e a' Venezia co ti mbrielle apierte!

Pero' nnante che li paise fosseno civilizzate all’intutto, la conzortaria avette ll’amabilita' de nce arriala' la societa' dell Evangelizzature, zoe' de li prievete de lu progresso che co le ttianelle ncapo nvece de cappiello vedetteno a fa luce a Napole. Nchesta accasione vedettemo ll’anemo paterno e cristiano de li governante nuoste, e capettemo ca li prievete protette da chi non bo bene a li prievete, 'nvece de la stola de li saciardote de Cristo avevano da porta' la fascia a tre COlare, e la pistola dinto a la sacca!!! Fuje tanno ca vedettemo attacco' de fronte la fede de li napolitane, e accommenzajemo a capi chello ca non bolettemo capi!

L’accoglienza fatta a sti vere nemmice de lu vangelo non fuje tanto dispiacevole, pecche' li bedettemo ‘ncarrozza, celebra', a biva forza, pe dinto a le cchiesie, predeca' da coppa a li purpete co la sciabola trenante allato, e nvece de sentirne lle parole de carita', d'ammore a Dio, e vera fratellanza co lo prossemo, nce avettemo d'agliottere no: Viva ll’Italia, abbascio li Tiranne, morte a lu Papa-rre, abbascio lu Papato... e tutto chesto dinto a le mmeglie cchiesie, e co Cristo ‘nSacramento dinto a la custodia!! Vero muodo de converti' li popole!

E sti tale cadetteno; e st’evangelizzature sfocajeno, sfocajeno e sfocajeno e ghietteno co lo musso addo sapite vuje; e Napole ve dette la differenza che passa' da li buone a li fauze profete.

S’e avuto voglia de fa e de di, commattenno e predecanno tuorno tuorno, prommettenno e profetizzanno a la gente onne abbattere la fede de stu popolo, ca niente, niente e niente. La fede de li napulitane è restata sempe la stessa, e non morra' mai, anze se raddoppiarra' a la jornata, e farra' trionfa' chiù meglio la religione de Cristo.

Date na guardata attuorno, signure prievete aprevetate, e bedite nche conziste lu vero spireto prubbeco, e comme penzano li napolitane. a' Napole la religione s'e' rispettata e rispettarra' sempe, a dispietto de tutte li rigenerature de lo munno. Trasite dinto a le CChiesie noste addo' se fanno li quaresimale, e spicchiateve. Aóite visto maje no popolo accussi affollato, devoto, rispettuso sentere la voce de lu menistro de Dio, e apprezza' le legge de lu Vangelo? Portateve a lo Spiritussanto addo' lo maje abbastanza lodato Saciardote Scotta-Pagliara mantene co la vocca aperta a senti' la parola de Ddio cchiù de tre mila cristiane a lu juorno. Trasite a la Madonna de le ggrazie, e vedrete lo prubbeco comme se fa a pponia p’ammira' la dottrina de lu franciscano, P. Bennardiao da Ferentino.

Stenniteve all’urdemo a la parrocchia de Monte santo: lla' lu voluto riazzionario D. Giuseppe Cocozza, ogge missionario apostoleco, ve farra' a capi cape sentere la predeca soja, ca e' predeca de vero saciardote de Cristo, se spopolano tutte li quartiere con vicine, e non se trova no pizzo dinto a chella cchiesia onne potesse con tene quacch’autro cristiano.

Signure collennisseme che vorrisseve vede' morta la religione de li cattolece, avite lo stesso affetto vuje dinto a le cchiesie voste? e parlate de progresso e de civilta', d’odio a lu papato, mentre site tanta cadavere vivente che ve ne scennite ‘nzogna ‘nzogna a la jornata?

PErsuaditeve ca pe quanto potite fa, e po lite di non ne cacciate maje niente. Li Napulitane morarranno comme so nate, e vuje chiavarrate de faccia nterra senza Ddio, E senza assistente.

La popolo de Napole a capito qua songo li mierete vuoste e de che panne vestile vuje; e perzo' ‘nfatto de religione, e de vero progresso cattoleco, v’a' dato una risposta e bona, e a' fatto lo plebiscito sujo, non politeco, all’accasione de li quaresimale!

LU TROVATORE


vai su


Anno I. —Nummaro 22. - Viernadi 9 Marzo 1866

LAMIENTE DE NA POVERA ORFANA!

TrA no sospiro e no parpeto venette a ppuorto la nasceta mia; ah che non nce fosse maje nata, a che st’ora non starria chiagnenno a lacreme amare la sorta mia.

Avette buone geniture, ch’amavano a Ddio, volevano bene a lu prossemo, stimavano a tutte, avevano cura de li 'nfelice, ma, disgrazziatamente, Ddio li bolette fa alluntanA da le braccia meje, pe mme fa chiagnere nnante de li juorne mieje! So nnata sbenturata, morarraggio accussi, mme lu ddice lu core. Avite visto maje l'onna de lu mare che chiena de scumma janca comm’a la ne ve vene a basa la riva ntiempo de carma? accussi Ddio mme mannava vase da lu cielo e s’allecordava de me poverella quanno io era bona! MA mo so addeventata cattiva, aggio da chiagnere pe forza! Quanno na fi glia se rebella a chi ll’A fatto autre che da patre, ave afforza da pava lu peccato, e de sederA chello che a' disprezzato! Lu Cielo e' ghiusto, e sape addo mette le mmane, sa pe isso comm a da confonnere a li birbante.

Io era nata bona, bella, felice, co Ddio nnante all’uocchie, senza miseria e affrizziune, senza fauzeta' e trademiente, ricca, granne, coraggiosa, chiena de vita,... Ddio, Ddio mio! quanno penzo a lu ppassato mio aggio pe forza da riconoscere la justizzia toja; io mm'aggio mmeretato chesto che soffro. Tu si ghiusto assaje!

Patremo mme lu ddiceva quann'io mme faceva jenchere la capo da li birbante: Contentate figlia mia de chello ppoco che pozzo, miette la capo a signo, siente a chi le vo' bene; non e' tutt’oro chello che lluCE! e io niente, e io tosta, e io scrapicciata non ne vo lette senti le dduce ammoniziune; mme facette trasporta da ll’apparenza, E nce CAdette comm a no piro dinto a lu fuosso de la niquitA.

Mme pozza perdona Ddio! a isso affido la causa mia.

Quanno patreme partette, io restaje sola;, tutta la rrobba se trovava ancora co mme, io aveva ancora co che magna. Fece lu stesso che fanno tutte li figlie de famiglia quanno songo abbannunate da li geniture; se jocano tutta ll’aredeta' paterna, e se frusciano dinto a 24 OrE tutta la fortuna de li geniture, che sarrA costata sango e denaro. MA vene una e pava tutto; e io la sto pavannO, e a caro prezzo!

Credite ca a lu momento de l'abbannono mio, mme fosse dispiaciuta, avesse jettata na lacrema sola de dolore? niente de tutto chesto; io non mme lu facette passa manco pe la capo, restaje fora de me pe la gioja, fuie fatta pazza da lu piacere, e asciuta tutta scapellata fora a la porta de la casa mia strillaje comm’a na diavola: So libbera, so libbera finalmente, aggio spezzate le ccatene de la schiavitù mia.

'Nchella jornata, mme ll’arricordo comme si fosse mo, mm'avevano dato a bevere, io steva 'mbriaca, e 'mbriaca contro a lu ssoleto: Li fumme de li vine e de l’acquavite mm’avevano dato ‘ncapo, e mm avevano levato chello ppoco de cervielIo che tteneva. Io addeventaje pazza! PAzza? pazza si, pe quanto e certo Ddio!!

Sonava l’avummaria la campana de la parrocchia quann'io mm era assettata nnante a la porta de la casa, e steva accussi arrEduciuta comm’a na stonata. Mille vuce de gente scapestrata me strillavano attuorno; vedeva tanta pazze sfrenate che correvano sbattenno le mmane, po s'allummajeno li lucerne tuorno tuorno a lu quartiere mio, se sparajeno li botte, sentette cierte museche che sonavano da lontano lu coro de li pazze, e.... non bedette niente cchiù.... Era caduta ‘nterra sbenuta. Accossi mme fuje contato lu juorno appriesso.

Lu dimane tutte li fauze amice mme detteno ncuollo, arapretteno teratore, spaparanzajeno porte, penetrajeno dint’a tutte li segrete de famiglia, e facetteno n'arravuogliacuosemo generale. Io jette pe mme sosere, voleva parla, ma mme mancaieno le fforze, e cadette senza sciato. Lli dispiacere e li stravizze provate mm avevano ‘ndebboluto lu cuorpo e li lume de la mente; mme stelle cojeta e li lassaie fa, pecchè... pecche' accussi aveva da essere, ll’aveva voluto io, era lu cielo ca lu permetteva.

Quanno se perde na cosa tanno se chiagne: si si nce fosse trovato tata mio.....

Ogge non me rummane niente cchiù. So sola, stracciata, ammeseruta, senza ll'ombra de lu treccalle, priva de qualunche alimento, e costretta a cercA la lemmosena a li primme che se trovano passanno. - Facite na carita' a na povera orfana caduta ‘ndisgrazia, aiutate a na ‘nfelice che non tene che Ddio e lu prossemo, moviteve a compassione de n'affritta e sbenturata……………...

Ma lu tiempo passa e nisciuno se move a pietA! Ah quant’e' brutto quanno s'e' dato no malo passo, quanno nce simmo allontanate da Ddio e da le llegge soje.... Muovete a pieta' cielo mio, beneditto puozz'esse; tu si stato sempe buono e misericordiuso, e pecche' mo m'abbannune e faje galliare a li birbante? Arricordate de me, songo io pure figlia soja finalmente, e aggio deritto a la misericordia toja. Na vola te priava a denocchia scoperte dinto a la casa mia, e t'appicciava pure la lampa, ma mo aggio perzo tutto, mm’hanno levate pure li sante da faccia a lu muro! mm’hanno arredutto senza manco no tornese pe te n'accattá uoglio; me te vorriano fa scanoscere comme l’hanno scanosciuto lloro... Sia fatta la volonta' toja bello mio. Io te priarraggio e te priarraggio sempe, accussi, mmiezo a la via, jettata dinto a la lota, co la faccia de la perimma, co le braccia mise ‘ncroce, ma co lu core vergene ancora, pecche' le ricanosco pe chello che si, Ma te votarraje una vola da la parta mia, fenarraje de fa lo surdo, e quanno sarrA ca te spilarraje le rrecchia?!!....

LU TROVATORE

Anno I. —Nummaro 23. - Sapato 10 Marzo 1866

LE PROTESTE DE LAMARMORA CONTRO LA PAROLA RIVOLUZIONE

E’ nA cosa curiosa a li juorne che corrono lu bede' co quanta sempricita' e faccia franca sapimmo annasconnere ll'azziune noste a la vista de lo pprubbeco, o pe di meglio co quanta fermezza 'ntennimmo e bolimmo pe fforza che ll'aziune noste, che nce potriano sempe fa dissannore, fosseno 'nterpetrate tutto a lu ccontrario de chelle che so, e se cerca ‘ntutte li mode doppo jettata la preta d'annasconnere la mano!

Ll’Unita' Cattolica de Torino, de li juorne urdeme, nce da lu mezzo onne addemostrA quanto avimmo ditto, e nce presenta le pro teste de lu Gennerale Lamarmora, fatte contro a la parola Rivoluzione.

Doppo 6 anne che s’e' conzumato ll’atto, p’accussi' di, nc’e' benuto lu crapiccio e la delicatezza de nce piglia collera a ssentirce chiamma rivoluzionario, quase che lu pupAruolo che pe professione se pizzeca quacche cosa vosta da dinto a la sacca, In facesse pe semprice distrazzione, e non fosse chella ll'arma soja!

Nuje co tutto lo rispetto possibele a lu luongo gennerale «e' tre canne e meza auto» facimmo na traduzzioncella a ll'articolo de ll'Unita' Cattolica, e co no poco de codicillo nuosto ll'appresentammo a lu pprubbeco, priannolo d'ave' pacienzia pesta vota si nce' occupammo de lu SettentriOne.

Lamarmora ha protestato la primma vota dinto a la Cammara lu juorno 24 Frevaro, co ddicenno accossi: «Io CrEdeva d'esserme spiecato abbastanza ll’anno passato, pe l'avversione mia pe la parola rivoluzione. Io aveva dato pe Spiegazione ca non ammetteva chesta parola, ma benzì chella de risorgimEnto, pecche' la parola rivoluzione doppo d’ave' fatto lu giro sujo torna sempe a lu punto de partenza!

Lu juorno appriesso, a li 25 de frevArO, facette priesso a poco lu stesso, e tornaje a protesta dicenno: «Riguardo a la parola rivoluzione mme pare che fosse tanto poco Appropriata a lu risorgemiento nuosto, da non la confonnere co lle rrivoluziune (abbadate CCA) CÍE ANNo APPORTATO ALL’AUTRE PAJSE TANTA DISASTRE E TANTA CATASTROFE.»

Fermammoce no momento cca, gEnnerA, non pErdimmo lu pizzo, e facimmoce na risata nziemo a quatt’uocchie. Doje parole breve breve. Mme potite anniA ca tutte li paise Annesse e connesse, conquistate e non conquistate, hanno passato lu gua'io che sapite vuje? sulo pecche' se so rebellate, aiutate non saccio da chi! e s’a'nno fatto na cazzottiata ntra de loro, cacciannone li Rri tiranne, abbattenno le ddinastie, sbandanno ll’esiercete che nce stevano, ec. ec.? Ora' sto rebellarese dinto a li paise, facenno lu diavolo a quatto, e tutta chell’ira de Ddio che nc’è stata, a ditto vuosto non se chiamma rivoluzione, ma benzì RISORGIMENTO? E si, sempe comme dicite vuje, non ammettenno sta parola de rivoluzione pecche' la trovale cattiva, potennose confonnere co chelle rivoluzzione che a'nno apportato all’autre pparte tanta disastre e tanta catastrofe, mme sapissevo a di, provita vosta, stu RISORGIMENTO, che nce strommettiate vuje, che nCE a' arrEcate autrE de buono, si non DISASTRE, CATASTROFE, MISERIE e ba scorrenno? E na piccola osservazione chesta nosta, che ve facimøO. Pigliateve na presa de tabacco, e passammo appriesso.

Ll'Unita' Cattolica va nnanze, portanno le pparole de Lamarmora «che non vó esse chiammato rivoluzionario» e parla accussi circa a lu potere temporale de lu Pa'pa'. «Lu governo Mperiale e' d’opinione che lu potere temporale de lu Papa sia necessario pe la ‘ndipennenza de la CChiesia, e pe lu mantenimento de la religione cattolica… Nuje Taliane credimmo 'nvece che nell’interesse de la religione, e de lu cattolicisemo, de l'autorita' de lu POntefice, le COòòEnesse sbarazzarese lo cchiù possibile pe LU TTEMPORALE!»

Ora', addimmanna ll'Unita' Cattolica, e a' raggione, nce po esso no rivoluzionario peggio de Lamarmora? che doppo ave studiata la tiologia dinto a le ccaserme, vene a la Cammera de li Deputate, e pretenne de ‘mpara' a lu Papa chello che lle commene de fa, comm’ha da governa la Cchiesia, de che ccosa s'a' da sbarazza', chi ha da caccia da isso, «si vole acquista' la vera ‘ndepennenzia?» Chisto signor Lamarmora non e' no rivoluzionario tanto cchiù detestabile, ‘nquanto a che ardisce de protesta dinto a lu stesso tiempo a la parola rivoluzione?

«Pe distruggere lu dominio temporale de li Pa'pE non e' autro che lu pensiero cchiù rivoluzionario che nce pozz'esse. Lu Deputato Miceli aveva capito sta contradizzione parlante, e fino da li 10 Dicembre 61 dicette dinto a la Cammera de chesta manera: «SignurE ministre lu programma vuosto e' assaje contra'dittorio. Vuie dicite: volimmo Roma e Venezia, ma non bolimmo la Rivoluzione. Ma non sapite vuje ca volè conquista' Roma e Venezia significa vole conzuma' na grossa rivoluzione? Vole Roma vo' di distruggere lo dominio temporale de li Pape, la cosa cchiù antica e rispettosa dinto a tutta ll’Europa»

«E lu ministro Lamarmora mentre dichiara de vole che fenesse lu ttemporale de li Pape pretenne a modo sujo de non esse rivoluzionario!!!

«Quale sarra' addonga la rivoluzione si non e' chesta taliana? Nuje vedimmo dinto all’Italia quatto trone jettate ‘ntErra', e quatto corone spezzate. Vedimmo conculcate li trattate politece e li concordate rEligiuse. Vedimmo scritto 'nfaccia a la bannera' nOsta: Roma capitale d'Italia. Vediømo no stato che dichiara la religione cattolica la sola religione de lu stato, e vedimmo codice e llegge fatte 'ncoppa a la separazione tra la cchiesia e lu stato. Vedimmo le proprieta' dechiarate ‘nviolabbele, e ‘ntratanto ‘nCa'mmara' e confisca' tutte li bene accresiastece? E nOn e' rivoluzione chesta cca?»

«Non e' rivoluzione l’assigna' la mesata a chi a lo 21 se revotaje contro a lo Rre de Sardegna, e fa no monumento a lu campo Santo a chi voleva accidere lu Rre de Napole? non e' rivoluzzione lo manna' in esilio e tene ‘mpriggione tanta Viscove e tanta Cardinale ‘nnuCente? Tutto chesto ve pare ordene e progresso, signor gennerale Lamarmora?»

«Che si vuje volite a ogne costo sango, incendie, cullettine, pe ricanoscere la rivoluzione, penzate ca avimmo avuto autro che chesto co la legge Pica, co li fucelate a migliara, co villagge abbrusciate e sacchiate, a' tanta asiliate, a li continue arbitrie de li piccole tiranne de le pprovincie. Penzate a li conviente ch’anno occupate, a li muonece disperze, a le mmonache affamate, penzate a le llacreme de Pio Nono, a li dolure de tanta gente bone, penzate a tanta spose de Cristo che moreno juorno pe ghiurno accise da li progette vuoste de legge.»

«Vriognateve genera' de li contradizziune voste, e perzuaditeve ca la storia non tenarra' cunto de le proteste Voste, ma ve chiammarra' sempE lu peggio rivoluzzionario, comme a chille che distruggenno ogne ccosa, chiejano le bbraccia, se fanno lu segno de la croce, e po... protestano contro a la parola rivoluzione.»

PE copia conformE

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 24. - Martedi 13 Marzo 1866

LI PARTITE

Li partite che da paricchie anne a sta parte a'nno arruinate tutte li fatte lloro, e chille de l'autre, stanno tutte ncoppa all’arme. Ognuno de chi ste fa lu stesso de lu surdato 'nfazzione; appena che bede sponta' quacche novita' da lontano lle siente dicere: chi va lla'?.. E la risposta e priesso appoco la stessa, chella de se' anne a beni' cca: Amice! songo amice. Accussi risponne lu mariuolo che vene pe ve spoglia', quanno l'addimmannate chi è. Lu miedeco che bene pe v’attenta lu puzo e bedè de v’arricetta'. Lu schiattamuorto pe ve porta' a lu campo santo, a li cane dicenno. La madama de cappiello de la mogliera vosta, pe ve spremmere lu vurzillo pe tutte chelle gnotolarie c'avra' fatte a la signora.

Lu patrone de casa ca o pe fas o pe nefasso vorra' essere pavato, non mporta si non avite che magna! So tutte amice. Quanno po li ghiate a passa' pe ssetaccio... trovate ca li meglie amice songo pevo de tutte li nemmice vuoste!

Ma chello ca s'a' da di pero' si e' ca li partite non se so maje scoraggiate. Si nc’e' stato quacche ghiuorno ca la posizione lloro a' avuto no poco de vota faccia, e ll'a' fatto cagna' colore, lu juorno appriesso se songo animate n'autra vota e anno aizato comme a primmo la capa.

Lu Trovatore vole bene a tutte li partite, quanno sti tale se fanno respetta' e non cagnano pe niente lu principio lloro, pecche chiavateve ncapo ca sarranno trattate sempe da fetiente, tutte chille ca ajere voletteno bene a Cristo, e ogge sbatteno le mmane a Mametto siconno. Io non darria manco no muorzo de pane doppo ca lu vedesse spira' a chi tene a munno sujo quaranta faccie comm’a la cepolla.

Pe disgrazzia nosta a stu paese nuosto avimmo avuto da vede paricchie de sti suggette. Li partite taliane che so cchiù assaje de li capille che ttenimmo ncapo teneno tutte li sapure de li nnanasse, e specialmente a chelle pparte addo' se trovano pOpole moscammocche. Ajere chillo varviere era, pe ddi accussi, spia de no commissario de pulezzia: ogge s’e' cagnato lo munno, s’e' botata la bannera e teccovillo co barva e mustaccio passia' pe mmiezo Toleto facenno dimostrazziune, e dicenno ca isso e' no martere de la patria. Chill’autro sarra' stato no strascinafacenne mbruglione, che ll'avarranno nzerrato pe cchiù de n’anno, dinto a la Concordia, E ogge che 'ngrazia de la libberta', ne sarra' asciuto felice e trionfante, lu sentite parla' de vole ‘mpieche, e situazione, pecche' si e' stato carcerato nc’e' stato comm’a martere de la S. Pa'gnotta, e p’ave' cospirato pe l’Italia sotto a lu regno de li Borbune!

Io m’arricordo sempe de lu ffare de cierta gente quanno lu governo siciliano commatteva co li surdate suoje dinto Capua e Gaeta. Nce stevano cierte ciucce presuntuuse che parlavano de politeca e unita', e non sapevano manco si erano vive, e te sputavano na sentenza a lu juorno. Si na battaglia de li reggie riusceva bonarella, venevano la sera e te dicevano: Potra' esse che tornarranno, e allora addio Felippo! Se pigliavano l’acqua turriacale e facevano la faccia de li muorte pe la pavura. Si po 'nquacche autro juorno la truppa jeva da sotto, allora po tornavano co lu pizzo a rriso, e… so muorte, dicevano, accussi aveva da essere, Zi Peppe ll’a' secutate nfi' a dinto a le ccase lloro! E accussi de sta manera hanno tenuto cinquanta parlamiente a lu momiento, hanno chiacchiariato comm’e' ghiuto lu viento, se so cagnate a la jornata comme se po cagna' na nuvola 'ncielo.

Mo sapite comme simmo arredutte? Stammo tale e quale comm'a chi se sosesse da na forta malatia, e trasesse 'ncommaliscenza. Nce simmo aizate doppo na bona mazziata, e, simmo restate ciunche e addellurate; ogne passo che ghiammo pe dda' te retuppete, e cadimmo co lle ddenocchia 'nterra, e nce vo' assaje pe 'nce sosere. Simmo arredutte proprio ca non ghiammo na va'llena co le forze noste.

Li partite se so puoste, comme a li sanzare che stanno nfaccia a li pontune, co le spalle appojate a lo muro, e la bastoncella mmano. Ogneduno aspetta che ghiesce lu sole sujo, e capozzea ogne ttantillo guardanno si schiara juorno.

Lu reprubbecano, e co raggione, aspetta ca Mazzine fosse aggraziato, e ghiesse priesto a lu parlamiento.

Lu libberale puro-sango ca se vedesse de fa ‘nnante l'Unita', acconciannose bone le ccose onne assarda' Roma e Venezia. Chille po che so libberate a uso mio, prejano lu cielo de fa correre sempe chisto munno, pecche' Cagnannose potarriano perdere la pagnotta ch’anno avuta.

Li prievete vonno ca Pio Nono non fosse ‘ncujetato, la religione de lu stato rispettata, e che trionfasse lu cattolicisemo dinto a ll'Italia.

Li borbonece… e addo' stanno cchiù li borboneCE? Da che Lamarmora a' ditto dinto a lu parlamiento ca a lu paese nuosto li borbonece a'nno cagnato penziero, e non nce stanno, io non ssaccio che ve ne di de lloro, pecche' quanno non se vedeno, non se ne po ragiona' pe nniente!!

Ma chello ch e' ccerto si e ca tutte li partite se trovano de na stessa manera situate, e tutte quante stanno a mmuro a mmuro co lo spitale. Aspettammo e mazzecammo mezzune!

Si Sant0 Chuppillo non nce mette la mano soja va trova addò jurrammo a piglia' pede! Vuje mo vurrissevo sape' che se dice, che se fa, che ttiempo nce vo' pe ghi' na'utro ppoco nnante, e feni' de fa l’Italia Una co Roma e Venezia? Avite aspettate tanto tiempo e spettatene nautro ppoco, chisa' ca lu cielo non se stracqua a bede tutte li scenufleggie de la Conzortaria, e penz'isso chello che s'ha da fa, E po non a' da veni' Settembre tiempo che mette fine a chella guappa' COmmEnzione? Aspettammo settembre, 'ntennite a lu Trovatore, da cca a settembre non nce vo' tanto. Mo vedimmo si non nce darranno Romma e Venezzia!!!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 24. - Martedi 13 Marzo 1866

CHIACCHIARIATA DINT’A LO CAFE’ DE L’ALLEGRIA

(Abbascio Puorto)

AnnAòElla. D. criscê, ve pozzo accomenzA a chiamma cavaliere?

D. criscenzo. Non ancora... che premura hanno tutti di vodermi decorato!

Cafettiere. Ma ve pare! Mo nce vo, vuje ve lo mmeretate!

Gnaziello. Nzomma volite senti le birtù e li merete de cierte mpiegate?

Lu Trovatore. Va dicenno.

Gnaziello. Ncoppa a la direzione de lo Demanio E TAsse nce sta uno a lo quale la gente che se vo affitta' no stabele ave da ji a parla. chisto cca dopo che ll’avite ditto la strata, lo nnmmaro, lo piano annevinato che ve spia?

Lu Trovatore. Che cosa?

Gnaziello. Vo sape da vuje ncoppa a qqua de li registrE suoje sta signato lo stabbele che ve volite affitta e lo nummaro d’ordeno che porta dint'a lo registrO.

D. Criscenzo. Oh, che dite. VorrA saperlo forse da qual che altro impiegato del suo ufficio, non mai dalla persona estranea.

Gnaziello. Nonzignore!... Chesto mo e socciesso a me e a paricchie autre canoscente mieje.

Lu Trovatore. Vi che ghiodicio tene sto mpiegato!

Gnaziello. Dint’a la Polezia nce stanno cierte mpiegate co la fascia che non sanno manco si so bive... Nientemeno nce sta no Dellecato che abeta dint’a lo quartiere...... lo quale, mpiegato pe li solite ‘ntriche, s'addonaje ca non sapeva ne leggere e ne scrivere ‘ntutto e pe tutto. Ll’avettero a ‘mparA pe lo momento de fa la firma soja pe pratteca, e la sera lu poveriello jeva a la scola comm’A no guaglione, e si non sbaglio nce sta jenno ancora pecche' la CApA è ttostarella!

D. Crescenzo. MA forse era martire, o figlio di martire.

Lu Trovatore. ÂElla ragiona chesta! Lo martirio non ha ‘mparato maje la santa croce a nisciuno, e pe fa lo Dellecato s'ha da sape' quacche cosa cchiù de lo lleggere e scrivere… Ah, sti martere, sti martere! nce stanno marterezzanno lloro a nuje buono e meglio!

D. Crescenzo. A dir il vero, riflettendoci, non posso darvi torto su questo. Anche io so d’alcuni che fanno poco onorE all’Italia; a questa Terra delle scienze, delle lettere e delle arti! Ío avuto occasione di conoscere un pezzo grosso dell Alta Italia che occupa un posto elevato nel Ministero dell’Interno a Firenze, il quale scriveva e scrivera' tuttavia Itaglia e Itagliano per Italia e Italiano. Le sue, circolari Era'no piene zeppe di spropositi da farvi smascellar dalle risa!…

Lu Trovatore. Conosco gente che se stanno piglianno le mmesate da lo Municipio senza fa niente o senza sape' fa niente... Ma gia' li ciuccie stanno assettate nn’auto assaje! Vedette da poche juorne dinta a lo nuovo Codice che ll’usciere de Conciliazione hanno avuto Io nomme de servienti normali, mentre ca so tutte gente de connizione cevile e hanno avuto da da n’esame ntutta regola.

D. Crescenzo. E adesso hanno il titolo d inservienti?

Lu Trovatore, Gia! Ntramente che loro so chille che fanno tutto, pecche' li jodece conciliature (che mmo se chiammano pretori) tutto sapranno fa fora che lo jodece, essenno pe lo cchiù architette, miedece, speziale, negoziante eccetera', ECcetera'.

D. Crescenzo. Che babilonia!

Lu Trovatore. E chesta babilonia nce hanno portato li libberale, li martere, li liberature, li cevelezzature de lo 60!

D. Crescenzo. Non dite così, perche anche sotto il governo pa'çça'to v’erano impiegati inetti e spesso peggio che inetti!

Gnaziello. Uh, D. Criscè, erano comm’a le mmosche janche; e po stevano a li poste de vascia mano...

Lu Trovatore. a' sto munno niente po essere perfetto, se sape chesto, ma no buono governo ha da fa io mmeglio che po pe lo bene de lo popolo. E po vujE non avarrisseve da fa sti paragune, pecche' chillo lla, pe ditto vuosto, era no governo briccone e nemmico de lo popolo... Lo fatto si e' ca volesse lo cielo e li governante attuale facessero la quarta parte de lo passato.

D. Crescenzo. Lo faranno, lo faranno. a' poco la volta..

Lu Trovatore. E che ppoco a la vota!..

Cafettiere. Signure mieje, vedite ca e' notte.

Gnaziello. E che, buò, parlanno parlanno, non ce n’eramo addonato. Si To, jammoncenne.

Lu Trovatore. Si Lui' bonasEra'!


vai su


Anno I. - Nummaro 24. - Martedi 13 Marzo 1866

Sporta de lu Trovatore

Lo Municipio nuosto ha cacciato lo solito aviso pe li 14 de sto mese, nasceta de lo RrE Vittorio Emanuele e de S. A. R. lo Prencepe Umberto, facenno a canoscere che faciarra' la soleta revista de la G. Nazionale, le ssolete lluminazione, e prianno li cetatine de vole mettere le ssolete lucernelle e le ssolete banneriole a li solete barcune e a le ssolete feneste.

Anno I. —Nummaro 25. Giovedi - 15 Marzo 1866

MMEDITAZIONE PE LA QUARESIMA

VITA E COSTUME DE LA CONZORTARIA

Ll'aria e' grave, pesante e tira no viento perfediuso tanto forte Che fa abbocca' tutte le ttenne de li baccalajuole. Passano cinco minute, nne passano diece, sona pare lu quarto d’ora, e lu tiempo, accussì preparato, tutto 'nziemo se mette a chiagnere e mena ll'acqua a llancelle. Mmagenateve la stessa acqua C’accompagnaje la gran trasuta a Napole ca nnautro ppoco nce zeffunnava. Lu medesemo tiempo che ffa quanno a stu paese nce sta na festa nazionale, na revista o na parata qualunque, ed avrite na palleta idea de lu tiempo che faceva quanno nascette la CONZORTARIA. Sta figlia de... na janara, che la mettette a la luce quanno lu cielo s’era scordato de lo munno.

A ll'ora de la mezanotte Torino co le rruffiane soje steva tenenno conziglio pe na nova casa de tolleranza. Ll'acqua se precipitava, lu cielo lampava, li tuone se secutavano e pazziavano pell'aria a piri-piri-bbotte, e.... la mamma de la Conzortaria se spremmeva pe mettere a la luce chella fetente de figlia.

Non mme spiate de lu patre pecche' non ve pozzo risponnere. Si jate a lu stato cevile de chell'epoca trovarrate scritto a lu margene de lu registro: da patre ignoto! E tutte sti figlie spurie che non canosceno li patre lloro, nce so benuto a ffelicita' da se' anne a sta parte!

Lo primmo strillo de la guagliona, quanno araprette le lucernelle soie a la vita, facette fa uno vuolo a tutte le fattucchiare de lu Piemonte. 'Nchillo stesso momento, chelle a precipitarese da coppa a li titte, e la piccerella a spaparanza' ll'uocchie pe bede' addo' se trovava. Strille, allucche, sbattute de mane, banne che ssunavano, tammorre che chiammavano a raccoveta, trummette che stunavano a li muorte, tutto, tutto accompagnaje st’eseto straordinario; la nasceta de la piccola tiranna che fattose grossicella aveva da commanna' a bacchetta ll’Italia!

O angelo de la perfidia, o diavolo de lu ‘nfierno, o urdemo tezzone de casacauda, e pecche' no la stutastevo? E lu vero ca na strega ne pigliaje lu parto, ma pecche' no l’asciuglistevo vuje lu vellicoto 'nvece soja, nnante de fa apporta tanta guaje a la povera gente?

La lassasteve crescere, ne sperasteve lu bene, avistevo fede a le promesse soie, e teccovenne le frutte c’avite arraccuovete da sta 'nfame.

No' la chiammate femmena, no' figlia educata, no' sposa fedele, nò mamma affezzionata.— Niente de tutto chesto. Sta ridicola, sta sbriugnata non tene viso de cristiana; la faccia soja non partecipa niente ne de l’ommo, ne de la femmena, ma e' quacche cosa de mmisco tra lu lione, li pantere, la tigre e ll’urzo-janco...

Non e' figlia, pecche' non e' leggittima; se vo' ca uno de li patre suoie snoje n'emigrato Veneziano!

Non e' sposa, pecchè, derivata matris; figlia a chella mamma, zucato chello llatte a' menata la stessa vita.

Non e' mamma, pecche' a la guisa de le ggatte t’a' fatto li figlie cchiù schifuse d'essa, e te l’ave abbarrucate pe tutte li pizze d'Italia; sporcune, viziuse, immorale, stracciune, appetetuse, ‘nsaziabbele: ll’a' jettate 'nterra e se nn’e' fojuta. - a' chi site figlie co sti scazzimme all’uocchie?... ll'a'nno spiato.—A mamma nosta.— E comme se chiamma mamma vosta?—Coòzortaria...... E teccoveli piccole Conzorte, che nate miserabbele a li cantune de le cita', aspettajeno lu turno lloro.

Comme a na mala femmena che va sperta pe lo munno senza scarpe, e senza direzzione, accussi sta scapestrata a' corruto pe tutte li paise:e le cita', 'ncerca d’avventure, sollevanno li popole, seducenno li figliule, corrompenno le ttruppe, secutanno a li buone,e ghiastemmanno a chi se faceva li fatte suoje.

Ârutta, 'nquacchiata, zezzosa, sedognuta, s’e' trovata no juorno vicino a na fontana e s’a' lavata la faccia, Sceriatose no poco e asciuto da sotto na tenta chiummino, che ll'a' fatta pare aggraziata al I uocchie suoje. co no fierro de cavallo spezzato s ave acconciato li capille, e s a fatto spartere la fila da na janara para soja.

Panne non ne teneva pecche' nata miserabbela; aveva portata co essa na semprece vesticciolla, che lu tiempo e li viaggie avevano conzumata. E teccove la Conzortaria, nata mariola, arrobba' pe la primma vota li panne che portaje 'ncuollo. Fatta sta primma toletta a modo sujo se mettette 'ntruocolo e accommenzaje a sagli le ggrade de li menistere.

Le cortiggiane de tutte ll epoche so sempe ricevute a preferenza.

Li ministre, de qualunque regno se siano, abba sta ca non teneno coscienzia, auno sempe Ilo tra sporto pe le prostitute.

Addimmanatelo a lu felicissemo regno che ssapite vuje, e vedite si sta rrobba de trapazzo non e' stimata a preferenza da li Ministre! E’ rrobba che ppiace a li Conzorte e rigenerature tutte; li cape de ll’uorto nce vanno pazzo; e po, si tutto manCa', e sempe na merce che rrenne assaje a li sta te: lu nummaro sìe' accresciuto, la morale n'avra' patuto assaje, ma la facenna e' ghiuta co lo viento 'mpoppa, e se nc’è posta pure la tassa 'ncoppa'! Viva sempe la faccia nosta!!!

Conziderate si la Conzortaria non aveva da fa incontro! Ma mme dirrite ca era brutta? E quanno maje la gente viziosa ave abbadato a na faccia schifosa cchiù o meno? E po, sapite che ccosa veneva a proporre sta femmena 'nquistione? Non era picce, fanatecarie, abbraccie, e ba scorrenno.

Nn era stufo la poverella co li tanta viagge c’aveva fatto! Veneva a presenta ll’opera soja onne aparecchi a li miserabbele, solleva a li stracciune, da li vestite a uffa a chi non aveva piezze de scarpe.

La Conzortaria, accòveta de bona manera da li scellarate pare suoje, prommettette denaro, popole, terre, e palazze ndorate.

Ve site trovate maie de passaggio pe na taverna, addo quatto cinco vastase stanno a tavola chiacchiarianno, e dint’a no ttecchete se vedono mettere ‘nnante no bello piatto de stufato, che non a'nno visto maje 'nvita lloro, e che li fa zompa da coppa a le ssegge?

Oh... chille che facetteno concierto e trena co la Conzortaria, non magnavano bona rrobba da paricchio tiempo!

Quanno maje la polenta e stato no piatto delicato pe li palate desederuse!

Li ragù de Napole, le sopressate de Bologna, li casecavalle de Palermo, e tant'autre piatte de tutte li paise attuorno, non s etano maje viste da li muorte de famma de la Conzortaria!

E pò, lu ppassa' da no stato a n’autro, lu cauza na scarpa 'nvece de no scarpone, lu porta no soprabbeto 'nvece de na giacchetta, no cazone sano e fino e no na vrachessa rotta e ‘nnabbessata.... E chello ch'è meglio, che forma lu frutto de miezo de lu quatro, lu pierno princepale d'ogne ccosa… lu denaro, lu mania' denaro; ll'ave' finalmente na vranca de Napoliune mmano a la jornata, a lu quarto d’ora, a lu momento… Ah.... fuje na cosa che li facette asci' pazze de lu piacere.

A le prumesse de denaro zompajeno tutte quante, nce fuje na sbattuta de mano continuata. Lu primmo Menistro firmaje ll’atto; la Conzortaria fuje abbracciata e vasericchiata da tutta ll'assemblea; e s’accommenzaje la grann'opera, l’opera de la distruzzione de la felicita de li popole!!!

(Continua)

LU TROVATORE

Anno I. —Nummaro 26. - Sapato 17 Marzo 186

MMEDITAZIONE PE LA QUARESIMA (2)

VITA E COSTUME DE LA CONZORTARIA

(Continuazione e fine)

Da no juorno a n’autro ogne cosa Cagnaie d’aspetto ‘ncoppa a la faccia de cierte paise!

Traine, carrette, carrozze de posta, vapure de mare, vapure de terra, tutto fuje miso ‘nmoto. Era la maggior parte de la gente onesta che a vede' revota' lu munno sotto e ‘ncoppa, capette lu male tiempo che minacciava, e emigraje fore paese!

Restaje lu popolo, chillo ammasso de gente che pe paricchie necessita non se potette movere da do se trovava. E fuje chisto chillo che cchiù assaje pavaje le ppera cotte.

La Conzortaria vedutose lu turreno libbEro a'Ccommenzaje a metterse 'nquantunque, e a trasi dint’a la superbia. Chi la vedette a li primme juorne de lu commanno sujo lle parette de vede' no gallodinio ‘ngrifato, co tanto no sciabbo de penne da dereto, e lo maccarone 'ncoppa a lu pizzo chelle cola mmocca!

Quanno uno non c'e' nnato pe fa na cosa, com me volite ca facesse, bona figura? La Conzortaria non ha scordato maje la nasceta soja; e si s'a' a'vuto solamente da mpizza no guanto, se ll'a' miso all’uso de li baccalajuole de vascio puerto, chello de coppa sotto, e co ddoje deta dinto a uno. Conziderate lu riesto!

Io passo pe ccoppa a di le squarcionarie soie a lu pprincipio, le promesse de miglioria, la civilta' che bolea apporta', e ba scorrenno. Lu tiempo nce ave 'nzignato d’arapri' tanto d’uocchie pe ll’abbenì, e non nce ferma maje a la primma taverna.

La Conzortaria se volea eleva a lu posto de masta de scienzie, e la poverella non s’addonaje ca era nata tanto bestia da non sape' manco lu be-a-ba.

Ah ciuccia co la sarma! tu non sapive ne ssaie leggere, e veniste a riforma' li codice nuoste, e a fa' la correzzione de stampa ‘ncoppa a li libbre che ttenevamo? Nce trovaste propeto co ll'uocchie chiuse! a' li paise nuoste li guagliune de primma na sceta te potriano mpara a tene la penna mmano, pe lu talento che tteneno!

Ma lassammo ll'educazione, la civilta', la maesta de le scienze, quale se dichiaraje sta ciuccia presentosa, e benimmo a lu finale.

Se anne de bricconate, de cattivo guvierno, de pesseme amministraziune, de sciupo continuato. Teccove tutte li mierete suoje.

A’ destituito mpiegate, a' mannato a spasso le gente oneste, a' fatto i' pezzenno a migliara le ffamiglie sane co llevarele lu soldo.

E a lu posto de chisto ha fatto sagli' cierte briccune co la patenta, cierte ciucce cchiù presuntuuse de essa, cierte affiliate a la camorra, che lle so servute p’ajuta' cchiù assaie a derrupa' la varca.

Ministere sotto e ‘nCoppa', amministraziune tutte revutate, destinaziune a la jornata pe tutte li pizze de lu munno. cca mieze franzise! Lla' ttaliane; a' chell'autra parte abbruzzise e figlie de lu Mandracchio

E a cierte luoche particolare, franzise, taliane, abbruzzise, e figlie de lu Mandracchio, tutte quante aunite 'nzieme! Che nnanassa Dio mio, che nnanassa! E tutto mmano a nuje! E tutto a tiempe nuoste!!

Addó a' trovato la buono nne l'a' cacciato co la mazza, e a' fatto sagli lu fraceto. PECche' buono e fraceto non poteva i d'accordo. Latre co latre, schifuse co schifuse, ciucci e co CiucciE. Chesta e' la tioria e la pratteca.

A’ visto architiette buone, gente che te poteva no fa jetta bone pedamente solamente co na guardata?..—Scennite vuie, so state le pparole soje: lassate sfraveca' a chiste! E so benute nnanze cierte soggette ca hanno arredutto lu paese autro che Pompeje!

Miedece, farmaciste, pagliette, verificature gennerale, ll'ave derrupate a modo sujo. E chille quatto buono, che sempe se nce trovano dinto a quase tutte ll'amministraziune de lu regno, so li sule, poverielle, ch'abbattono la facenna, e stanno faCEnno li cacciuttielle 'ncuorpo,

Atea, immorale, incredula, s'e' mpizzata pe tutte li monastierie ch’esistevano, e nn’a' secutate li muonece e le mmonache. a' chille a' ditto: jateve a fa brigante: a cheste a sentenziato jateve a bEnnere… ‘ngalera.

Profittante, ha miso le mmane 'ncoppa a tutte le sostanze de sta povera gente, e quanno e' stata o It riennecunto ll’ave assignata na sEmmenta mmano pe lemmosena. Na lemnosena da coppa a lu SANGO PROPRIO! Capite? Gente de tutte li paise de Io munno... accussi nce mmeretâvamo.

Ben nce sta', ben fatto. Na mamma e no patre ca s'avevano levate le mmascelle pe nchiudere no figlio, o na figlia, se ll’anno avuto da vede torna a la casa co na mano arreto, e nautra nnante, e co no cientesEmE d’assegno pe la marenna!..

Mme sapisseve a dicere che cosa nn’a' fatto de li locale restate a spasso, addo' se truvavano li muonece e le monache co la pace, lloro?... Veditele vuje stesse; stanno vacante e sfravecate, stanno su le e unnece de punto: nce pazzeano li surece e li zzoccole pe le corretore. E pecche' se portava tanta premura pe ne caccia sta gente, e metterla mmiezo a la via? PECchè? pe na specie d’antipatia che se tene co li ministre de Ddio; caso bricCune, immorale e vagabunne! riazzionarie e ba scorrenno; e pecchè... s’avevano da piglia' ogne ccosa che se trovavano sti riazziunarie, e non nce avevano da resta' manco le furnacelle dinto a chille fuculare! Jate a bede' si nce ne so restate! Sbriugnate co la patenta!

Ma li mise se so succedute e li mise e' se accostata finalmente la fine de la Conzortaria taliana.

La femmena seduttrice ha perduto lu prestigio sujo, e sta cadenno da lu pizzo addo se chiazzaje co lE 'ntriche e le ffauzeta'.

Mbroglie ncoppa a 'mbroglie, diebbete ’ncoppa a diebbete, bricconate ncoppa a bricconate, illegalita' 'ncoppa a illegalita'; sbreffiamiente a Ddio e a li Sante suoje: ecco chello che n'apportarra' quanto primmo la distruzzione.

IMMORALE; scinne, lassa sagli' a la gente onesta, la sola che potra' apporta' la felicita a li popole.

SUPERBA, lassa lu pizzo. Li superbe non hanno fatto maje bene, nce vo l’umilta' p’arriva' ‘mparapiso!

PRUFITANTE, a'pòsa; la rrobba de l'autre non so tocca, nce sta la scommuneca, e tu non nce cride a la scommuneca.

INCREDULA, ritirate. Nuje simmo popole cattolece c’amammo a Dio e rispettammo a lu Vangelo: tu non puo' fa bene co nnuje, l'atee so li frate tuoje, e sulo gli acattolice ponno di bene de la CONZORTARIA!

LU TROVATORE

LA VITA PASSATA E PRESENTE DE NO ‘MPIEGATO

'Ntiempo de lo passato Governo la vita de no ‘ïpiegato era na vera cuccagna. Nce stevano cierti tale che teneveïo anfi a tre occupazione de diverze mpieghe e allattaveno a cchiu de na mamma. Chi faceva lo paglietta, chi lo procuratore, chi l’esattore, e nfi lu mezzano e lo spione. Dinto a n’anno, contanno tutte le gale de Corte pe Nascete e pe Nomme: tutte li giovedi de Carnevale, li viernari de marzo, li giovedi de maggio, e d'ottobrE; le dommeneche, le feste straordinarie, Natale, Pasca, le cennere, la settimana santa, Pasca Rosata, e ttant'autrE feste arricordebbole nfra sotto E ’ncoppa quatto mise de l’anno se ne facevano de feste, e spassatiempo. PE li Ministerie I’orario era a li treje doppo mieziuorno, pe l'autre amministrazione non passavano le ddoje. La firma se faceva lo miercodi e sapato; e l’ex regno de Napole commannava quinnece provincie.

Nzomma la vita de no "mpiegato era chella de no biato puorco, che magna, veve, e dorme a lo sole a spasso.

Si no patrone de casa affittava na casa a ïo ‘mpiegato, non ghieva trovanno priegio, e mesata anticepata; l'avastava sape' addó steva piazzato, e subeto fermava lo doppio foglio originale, facennose fa la delegazione ‘nCoppa' a la mesata da lo capo contabele pagatore.

Si asceva no matremmonio a quarche figliola, poteva essere purzi no soprannummero, lesto s’appuntava lo sposarizio, co la futura speranza d’ave' priesto la piazza e situarse: e sentive dicere a tutte li pariente: viata a essa se piglia no 'mpiegato!…

Dinto a ll’anno nce stevano le gratificazione, e non mancavano maje li succurze straordinarie. a' le ddoje Amministrazione de lo Rigistro e Bullo, e de la Lottaria nce steva la gratificazione de lu sapero de lo milione; e s’arrivava a da nfino a na mesata e mneza a li ‘mpiegate, e na boïa' somma a li soprannumere, a l’alunne straordinarie, nfino a ll’urdemo facchino. E pe chesta ra'gione nisciuno mpiegato se pigliava lo retiro.

Venette lo Governo taliano e se cagnaje la scena.

Succedette no scioglimento generale de ‘mpiegate, che facette cchiu strazio de li cuorpE sciuovete pe lo colera!

PE fa lo nnesto nfra le Provincie meridionale e chelle de lo settentrione s'accommenzaje ad ordena lo va e biene, lo parte e tuorne, nfra li Napolitane, Provinciale, Piemontise, Sardagnuole, Genovise, e tutte le cinquanta province de lo Regno d’Italia.

Fatta sta bella fratellanza, la vita de lo 'mpiegato deventaje na galera continuata.

Quanta povere patre de famiglie, non avenno potuto portarse a cierte provincie barbare, a' cierti paise scorbutece, non confacennole l’aria pe causa de salute; e quanta so partute afforza, se so ttornate aømorbate de malanne, Co pericolo de pErdere la vita. E pe recanoscenza de tutte sti sagrifigie, hanno ricevuto no decreto sicco sicco: N. N. è collocato al riposo... N. N. e' puosto a la disponibilita'. Pe chilli po ch hanno avuta, pe miracolo, la sciorta de rommani a li puoste lloro so deventate schiave, vennute, co lo compenzo de lo lardo dinto a la figura Siente annommena': setteciento lire dE stipennio ll’anno: e non so cchiù de tridece ducate e mmiezo a lu mese. Le gratificaziune so ghiute a lo storno, li soccurze non se ponno cerca', e la fatica s’e' pE diece vote addoppiata pe ttanta rame nuove che se so accresciute. A ’annore e grolia de l’Italia, tutte le dommeneche e feste commannate s’arapeno l’Officine; senza rispetta' manco la settimana santa; e la matina de Natale e Pasca. La posta parte de matina e de juorno, pecchè la Corrisponnenza s'aumenta e cresce juorno pe ghiuorno.

PE ste canchere de tasse de de successione, de bullo, de registro, de recchezza mobbela, e frabricate, se strujeno le rèseme de carte continuamente, e se stampano carte e legge a bbattaglione.

Mo lo povero ‘mpiegato e' peggio de no surdato 'ntiempo d'assedio, Esce a primma matina, e se retira a la sera. Si tene figlie li guarda dormenno, e pe parla' d'affare de famiglia, schitto dinto a lo lietto po ragiona' co la mogliEra'!...

Lo ‘mpiegato fa la vita de lo zingaro: quanto manco se lo penza l’arriva no dipa'Ccio che porta na sentenza spaccata pe ïo Cagnamento de provincia, pe da la muta a quarche fratiello taliano ch'ave besuogno de cagna' l'aria, o essere conziderato pe quacche martirio ch’a've patuto.

PE chisti motive li patrune de casa se so puoste ‘nguardia, e p’affitta' na casa a quarche ‘mpiegato vonno doje firme de priegie canosciute, co la terza de l’annata anticipata; e ‘ncaso de partenza non bonno sciogliere l’affitto, passanno pEricolo lo ‘nguilino de pava' lo pesone, e ave' quarche chiammata subitanea pe cambiaøento de destino e parti a rotta de cuollo co la famiglia soja.

Povere ‘mpiegate state sacrificate e ‘nchiuvate peggio de l’artiste, e de li faticature a ghiornata. Viva l’Italia.

CHIACCHIARIATA DINT’A LO CAFE DE L’ALLEGRIA

(Abbascio lo puorto)

Gnaziello. Che ve diceva io? Avite visto si aveva ra'gione?

LU TROVATORE. Ncoppa a che cosa?

Gnaziello. Quanno ve dicette ca lo Consorzio nazionale serveva pe fa la guerra! La guerra e' proâsema! Mme l’ha ditto purE D. Crescenzo.

LU TROVATORE. Neh?

Annarella. Gnaziè, addó jate sta vota a Rroma o a Venezia?

D. Criscenzo. Questa volta si va a Venezia.

Aònarella. Gia, vuje a Romance jisteve; mo jate a Venezia de la stessa manera.

Gnaziello. De che manera?.

Annarella. Co lu penziero.

D. Criscenzo. Togliete gli scherzi, che l’affare e serio: un deputato mio amico mi scrive cose di fuoco.

Gnaziello. Sentite, sentite Co le rrecchie voste.

D. Criscenzo. Mi dice dunque che in questa settimana gli animi di tutti sono divenuti bellicosi, si parla gia' de prossimi trionfi, della cacciata degli austriaci dalla Venezia, del compimento dell'unita d'Italia, delle feste, delle cerimonie Eccetera eccetera.

LU TROVATORE. Ah, e allora ¸ fatto tutto.

Cafettiere. Ma tanto songo sicure sti signure de guadagni la guerra?

D. Criscenzo. Altro!.. E sapete nientemeno chi ha portata la parola di guerra a Firenze? E stato l’onorevole Pepoli, il parente di Napoleone. Figuratevi che gioia! Napoleone vuole che si faccia la guerra all’Austria, e noi la faremo, si, noi la faremo.

Annarella. D. Crisce, vuje pure vulite ji' a la guerra? Jatevenne ca non nce credo,vuje site podacruso!

LU TROVATORE. Serve pe ddi. D. Criscenzo ¸ uno de chille che dice no armammoce e GHIATE.

D. Criscenzo. Al Ministero della guerra si lavora giorno e notte per ordinare le chiamate dei soldati. Si chiama alla bandiera la seconda categoria del 1814. Si fara' subito la leva del 1845 che era sospesa.

Annarella. Coïziderate quanta denare nce volarranno!

Cafettiere. Aje voglia quanta denare se ne volarranno!

LU TROVATORE. Ma vuje non dicite lo mmeglio de tutto.

D. Criscenzo. Che cosa?

Lu Trovatore. ca non e' l'Italia ca vo fa la guerra, ma e' ll’Austria che nce la costregne.

Annarella. Ah, mo mme faccio capace. -

LU TROVATORE. E’ ll’Austria che ajutata da l’autre potenze alliate soie le pare arrivato lo momento de levarese la preta da diut’a la scarpa pe l’affare de lo 1839

Gnaziello. Abbasta, o de ïa manera o de n'autra la guerra se farra', e chesto e' chello ca se va trovanno, p'asci na vota da mano a la conzortaria.

LU TROVATORE. Oh, frate mio, tu te cride che sta guerra fosse rose e sciure, e io aggio paura' che non avisseve da pErdere tutto chello che avite fatto, buono o male che fosse stato.-

D. criscenzo. Niente paura': le vittorie del passato ci sono ca'parrE delle futurE.

LU TROVATORE. D. crisce, ll'Austria de mo non e' ll’Austria de lo 59; penzate ca essa s'e' stata cojeta cojeta nfi a mmo justo pe essere sicuro de chello che ghiarra' a ffa'.

D. criscenzo. Abbiamo la protezione dell'Imperatore dei francesi.

Lu Trovatore. Stateve allegramente costa protezione, ca, chillo comme sta mo viato chi protegge a isso.

Annarella. ÂEïE mio, tenite chesto ncoppa a la noce de lo cuollo e buie penzate gia a le feste e a chello che a vite da fa dinto Venezia! D. crisce, scusate, me pare che va vite fatto lo cunto senza lo tavernaro.

LU TROVATORE. E sapisse chi e' sto tavernaro?—E la Justizia de Ddio!

D. criscenzo. Staremo a vedere! La causa dell'Italia e' causa della giustizia.

LU TROVATORE. a' rrevedercE.


vai su


Anno I. - Nummaro 28. - Giovedi 22 Marzo 1866

MMEDITAZIONE PE LA QUARESIMA (3)

LU POPOLO!

(continuazione e fine)

che cosa avite fatto 'nfavore de stu popolo, signure de la Conzortaria? Ve ne site servute comme a semplice mezzo, comme a no strumento necessario pe riusci a li 'ntiente, e po l'avite abbannunato sputannolo 'nfaccia. Aóite scordato tutte li servizzie suoje, li stiente, lu sudore jettato, lu sango sparzo, li pariente perdute; e avite penzato a autro, zzoe sulamente a lu fatto vuosto, e a' ghiencherve la trippa.

No juorno sto popolo de strangulapriecete, passa teme lu soprannomme, lu credisteve capace a quacche cosa, e mo ched'e' non e capace a niente cchiù? no ha perduto li mierete suoje, o v’avesse malamente servuto? Sporcune che ssite!

Avite scordato li momiente difficele quanno stu popolo se faceva nnante a lu forte de la rivoluzione, e buje ve iveve annascunnenno quanno isso faticava facennose asci il anema correnno da Napole a Capua juorne juorne, e buje co lo sacco de notta mmano stiveve assettate dinto a la stazzione de lu talefreco, aspettanno lu 'nzignale, pe bedè si ve m’avivave da scappa, o resta a fa li mastrisse a Napole. Non fuje lu popolo che spalleggiaje a tutte vuje, conzorte cacasotte? Mo avite fatto la bravura de Peppe Nasella, avite pigliato puorto co no tricchitracco. Avite trovato lu cocco mmonnato e buono, ve site mise a ttavola e ve lu state spuzzulianno! Ma non sempE jarra' accussì, dicette caccaviello. Ía' da veni' lu tiempo: uva e ffiche a duje tornise!

chisto popolo ‘mparato da vuje, adduttrinato a mmodo vuosto, ogge, si non autro, s’e' perzuaso ca da vuje non se potra' aspetta' maje cchiù n’onza de sollievo.

Si dinto a seje anne non site state capace de cagnarene la posizzione ‘nfelice, che speranza potte ne cchiù, ogge ca le finanze soje, e chelle de lu Regno d'Italia, stanno a mmuro a mmuro co lu spitale?

Vuje lu facistevo revuta' prommettennole migliorie; e addó stanno sti migliorie? Dicisteve ca li Âorbune erano tiranne e se nn’avevano da caccia'; E lu popolo nce lu facette a capi a li Borbune, e li Borbunese ne partetteno. Anze isso fuje lu primmo a sagli' coli scale pe ffaccia a le tabbaccarie lu juorno seje settembre, a scassa' ed a leva' li stemme de chella vecchia Dinastia. Fuje isso ca ve ve nette appriesso comm’a nu cacciuttiello, abbajanno sulamente, e, facenno la volonta' bosta appriesso a buje, che lu portavevo pe lu lazzo.

Venette a piglia' a Garibalde a la strata de fierro, senza manco spiareve de che se trattasse. Fidaje a buje che le dicisteve ca Garibalde era lu noviello Sarvatore, e comme a bero Sarvatore l’appraudette quanno trasette a Napole. Fuorze e senza fuorze lu popolo napolitano e' stato cchiù ricanoscente co chist’ommo ca non lle site stato vuje stesse. Anze ‘ncierte momente ll’urdemo de lu popolo vascio, facenno lu paragone ntra lu biecchio e lu nnuovo, lle siente dicere: a lu mmanco ncE a'vessemo fatto resta' a Garibalde, e no sta maneca de mariuncielle! — E buje Garibalde lu facistevo esilia', ll'arreducisteve co li ntriche e li mbroglie vosta ‘ncoppa a n’isola, addo' zappolea da la matina a la sera!!

Site partute pe lu parlamiento, prommettenno de rappresenta' li paise meridionale, e apporta', la felicita' ca non tenevamo, e le libberta' che nc’erano scanosciute. —Che pozzate muri de Sapato parE che v’atterrate la dommeneca! Neh che bonora de libberta' nce avite date, e a chi avite fatto de bene da che ssite jute vuie a scacatia' mparlamiento? Avite parlato cchiù buje lla' dinto pe cinc’anne de sègueto, ca non manco Ciciarone a ttiempe sujo e nn’avissevo compinato una bona. Voglio muri' co n’uocchio cecato, a buie dicenno, si dinto a tutte le ttornate de la cammara se trova NA cOSA SOLA che sia stata fatta a vantaggio de su popolo.

LU POPOLo ‘ngenerale, e chillo de Napole ‘mparticolare e' stato trattato comme a bEra' ma'ppina dinto a lu Parlamiento Taliano. Lla' ‘nvece dE rEfriscarne li cchiaje non s’e' fatt’autro ca seviziare lo. Lla' se songo approvate tasse, contratasse, soprattasse, e arcetasse.

Se so butate legge a anca-nicola, approvate PRIESTETE ca non se so biste maje a lo munno; processate senza misericordia migliara e migliara de figlie de mamma. Abbasta SOLA LA LEGGE PIcA pe ve dicere che ssorta de core tenite mpietto, signure de la Conzortaria.

Vuje v’avivevo da taglia' le mmane, da fa tira' la capo da dinto a la noce de lu cuollo, ma non maje approva na legge che e' stata addavero la negazione de l'uommene e chella de Ddio!

A chi a còrpito sta sentenzia continovata de morte, si non a tutto Lu popolo ch aveva posto speranze a buje? Avette da fa la rivoluzione lu poveriello pese vede tratta de chesta barbara manera? Ve fussevo dimesse nnante de purta' la distruzzione, 'nvece de la miglioria, a chisto popolo.

Vuje non ne sapite minutamente le circostanze, pecchèsto non ve ne date carico, e ve restate assettate ‘ncoppa a chiste pizze; ma moviteve no tantillo, rompiteve 'nquacche momento lu cuollo, e girate pe le ccase de la povera gente, e bedite si non e' degna de compassione.

Si lu diavolo non v’a' cagnato lu core mpietto ca ve dette Ddio, vuje avrissevo da jetta' lacreme de sango a guarda' la miseria de lo povero popolo.

cca' a lu felicissimo paese de Napole nce stanno cristiane ca se soseno e se coccano diune, appena appena co na veppeta d’acqua ncuorpo.

cca' se trovano signure, e non e' briogna a dicerlo, ma signure distinte, ca pe la santa necessita' vanno araprenno la mano attuorno la sera.

cca', lu popolo tutto, a eccezzione de li poche sa ne proprietarie, non tiene cchiù rrobba dinto a la casa pe se leva'. S’a've mpignato tutto lo mmeglio, a vennuto lu riesto, e dorme ‘ncoppa a scanne e ttavole! E cchiù d'uno ‘nterra adderettura!!!

STU POPOLo tanto affezzionato a la religiona de li patre suoje, tanto fiduciuso a la Misericordia de Ddio, so benute cierte momente ca s'ave avuto da sconfida', ed ha jettato quacche ghiastemma co lu sango all’uocchie, co le lacreme ca lle scappavano da la faccia... Oh si chella jastemma e' stata conziderata da Ddio, guaje a chille briccune ca nne so state la causa! Ddio perdona tutto; se scorda de tutte li scenufleggie de lu munno, nzerra ll’uocchie a tante e ttante peccate scannaluse, ma quanno arriva 'nfaccia a chillo de la 'NGRATITUTENE, è mpossibbele, non se ne po sta', non se nn’a' da sta', a' da chiagnere pe forza 'nziemmo achi e' stato 'ngratamente corrisposto, e s’a' da venneca' Isso!

Signure conzorte, miserabbele votabannera, stracciune nobelezzate. Arricordateve ca site state ’ngrate co LU POPOLO, ll'avite fatto chiagnere, ll'avite ammiseruto, disprezzato, rinniato pe chello ch’è stato, e Ddio non se ne starra', sarra' Jsso c’ammaccarra' la superbia vosta, e pigliarra' ’nconsiderazzione le sofferenze de LU POPOLO!!!

LU TROVATORE

Anno I. —Nummaro 27.—Martedi 20 Marzo 1866

MMEDITAZZIUNE PE LA QUARESIMA (4)

LU POPOLO!

Vedite chillo viecchio carreco d’anne che co la faccia che cola acqua, tanto de lu sudore, porta chillo gran viaggio da la duana de Napole a no pizzo de Tuleto? Guardatelo no momento co mmico. E no povero diavolo che co na grossa sporta 'ncapo cammina co lu passo lo cchiù possibbele solleceto, squaquaracchianno lu pede sujo nterra, ch a da resistere a chillo forte pisemo; e corre, e s’affatica, e affanna, e se stenta la vita pecche' a da magna, e non tene nisciun’autro pe isso si non Ddio che ll’a' da da' forza, e le braccia soje che ll’a'nno d’ajuta'. Veneno jornate ca se vorria no poco arreposa', pecche' ll'anne lu ncojetano, lle fforze ll’ammancano chiano chiano, e la carne misa 'nsuppressa sotto a li viagge ne lu fa scennere da dinto a li panne.... Ma no lu ppo' lu poveriello. La NECESSITA’ te ll’obbreca a se sòsere, e simbe avesse la terzana ncuollo, o tutte li male de lu munno, a' da piglia' la sporta e lu curuoglio e a' da correre; a' da i' pe non perdere lu pizzo co l’accunte, e pecche' ha da campa' na famiglia composta de mogliera e figlie; e isso non ha autro spiercio! Lassatelo passa': chist’ommo mmereta compassione e ajuto. Va', disgrazziato mio, lu cielo te benedica, e te manna bona la jornata!

Votateve da st'autra vanna. Guardate chella femmena ca s'affatica a tira' acqua da coppa a chillo quinto piano? E n'affritta che lassa li figlie e lu marito da la ponta de juorno, e s'abbia asservi a chi è meglio d'essa, onne apporta' no, tuozzo de pane a li suoje ch’ allancano de la famma, e ca quanno se retira la sera aspettano co la vocca aperta mmocca a la porta de la casa, pe chi sa' s’avesse riserbato pe lloro no muorzo de magna' cuce nato. Povera gente! che pe lu cchiù non e' nnata 'nchella misera condizzione, ed e' stata costretta a stennere la mano, e a uffri ll'opera soja, pe le vvicenne de lo munno!

Si addimmannammo a chillo povero viecchio quanto s'abbusca lu juorno jettanno a bacile lu sudore e mettenno a repentaglio la vita, nce sentarrammo risponnere: duje, tre carrine! —E comme campa co chesta moneta? - cu lu sciato de Ddio, pe la misericordia de lu cielo. Pa'vanno, pesone, accattanno uoglio, e appena appena quacche palata de pane pese supponta' lu stommaco cu li suoje.

Si volimmo spia' a chella carosa de femmena che fa un’arte tutta la jornata, saglienno e scennenno da lu 5.° piano, e tirann’acqua da la matina a la sera, la risposta sarra' no poco, cchiù compassionevole. PE QUINNECE CARRINE a lu mese, che se ll’a' da piglia' a ttuoze e a petacce, e no muorzo de magna' Dio sa comme! che essa, se leva da la vocca (toccannolo e non toccannolo la matina) on ne astiparelo a li figlie, tira la poverella la vita soja accussi trascenata!

Stu viecchio e sta femmena io ve ll'aggio mmustate accussi passanno passanno, mmiezo a le ffatiche lloro, e non gia' mmiezo a le sufferenze. Io non v’aggio fatto a bede' comme stentano pe vivere, qual e' la vita minuta che menano, a ogne momento a ogne quarto d’ora. comme dormono, addò dormono, e si teneno straccie pe se commiglia' le ccarne faticate la notte.

Chesta povera gente che forma parte de LU POPOLO, de lu popolo de lu paese mio, e che io pe non tirarla a lluongo restringo a duje perzune, non e' nnata fuorz’essa a la stessa manera, comme simmo nate io e buje, lu prencepe e lu marchese, lu cavaliere de S. Maurizio e Lazzaro, e lu primmo Menistro de lu regno de Italia? - Nce sarra' stata differenza d'accoglienza, de sfarze, de lusso, de comprimiente, de denaro cchiù o meno; ma sempE lu stesso e' stato, de la stessa manera simmo venute a lo munno. Quanno Dommeneddio se pigliaje la cura de cria' a l’ommo, de una creta se servette; da na costata de chisto facette veni 'ntruocolo la femmena. Non se mpastaje le mmane co mmaterie diverse, pe da le distinziune a lu genere umano, gnernò. E stata la superbia, lu diavolo de la bricconaria ch ave sciusciata e fatta crescere l’ambizione; pecche' nuje fujemo vattiate tutte eguale.

LU POPOLo e' uno, tutto de na manera 'nfaccia a Dio e a lu munno. Da lu signore a lu prebbèo non nce passa autra deferenza ca la finezza de li pannamiente; pecche' lu signore porta la sciassa de siòvia, e lu poverommo na giacchetta de panno d’Arpino; ma sotto a chiste abbete, differente ntra de loro, se nce trova no core criato de la stessa manera, fatto co la medesima forma, alimentato da li stesse parpete. E spisse vote «oh quanto e' bEro ca li lusse smoderate accidono li core» vedimmo ca lu core de lu bazzariota supera 'ngrannezza chillo de lu signore de carrozza, e ca te fa cchiù na bona azzione no miserabbele de strata a lu juorno d'ogge, ca no no titolato co lo stemma de famiglia 'nfaccia a li bottune de la livrera soja.

Nuje, e lo vero, nce trovammo d'ave' signure di stinte ca so portate a farse sempe annore, ed anno na bontá e na manera tutta compassionevole pe la povera gente che sta mbesuogno, e non 'ntennimmo parla' de chiste. Ma potimmo ave' li stesse riguarde pe cierte signure nobbele modierne, che a fazzione de li pezziente resagliute, so curze a lu mercato, s’anno accattato na fettuccella verde pe se la schiaffa mpietto, e so ghiute tutte 'ncrattizzate, co guante e dette, a metterse 'nquantunche, e a dichiararese ll’amice de lu popolo, li patre de la patria, li rigenerature de lu prossemo?

Signure mieje, lu popolo ve ringrazia assaje de sti spampanate voste. Vuje non avite fatto autro CA RIGENERA’ VUJE STESSE. Lu popolo se trova a la stessa condizione de na vota; e si dico la stessa è pecche' aggio da da n’uocchio a la gatta e n'autro a lu pesce; sino' ve dìrria: sta peggio assaie de primmo, se more cchiù de la santissema famma ogge ca..... quanno ÂErtola filava!

Lu popolo avria avuto da essere ll'uocchio deritto de li Conzorte, pecche' si sti birbante de cammorriste se trovano a lu pizzo addo stanno, e spaccano sentenze, non e' stato ca pe bolonta' de lu popolo.

Lu popolo a corruto, lu popolo a sbattuto le mmane, lu popolo a' sfidata la polezzia e la truppa de chille tiranne de li Borbune; lu popolo a miso a rriseco la vita soja sotto a le mmura de ca'pua e Gaeta pe se riggenera' ce le braccia soja: quanno vuje, Signure de la Conzortaria, stiveve co na gamma ’ncoppa a n’autra dinto a le ccase voste, fumannove no sigaro d'avana, e ordinanno a lu cammariere lu bistecco pe digiunè, mentre..... sunava lu campaniello de li Pellerine, e annunziava li ferite che benevano da le battaglie, e ch’erano li figlie de LU POPOLO!!!

(continua)

LU TROVATORE


vai su


Anno I. —Nummaro 29. - Sapato 24 Marzo 1866

MMEDITAZZIUNE PE LA QUARESIMA (5)

LI VERE AMICE DE LU POPOLO!

Nc’e' na classe de gente pe la quale Ddio a d’ave certamente n’uocchio particolare, e pe la quale tutte li figlie de la rivoluzione hanno n'odio costante, tanto forte, ca si nce mancarrìa chi ll’avesse da fa lu boja nce In farriano co le mmane proprie Eppure chesta gente, si vene conziderata a tutte li passe de la vita soja, e l’uneca, e la sola ca 'ntuttE li tiempe de lo munno e' stata la vera e liale amica de lu popolo.

Ll’amicizia verace non e' autro ca no trasporto eccezzionale ca ha da tene' uno pe n'autro, nzi' a lu sacrefizio de se stesso, nzi' a spogliarese 'ncierte momente critece de quanto tene pe soccorrere ll'a'mico; de prestarese a tutte l’epoche, a tutte l’orE, a' tutte li momente, quanno po essere giovevole ll’opera soja. E st’amicizia tanno po' dicerse perfetta, liale, conziderevole, quanno non tenne a quacche fine, o se mantenesse pe lo solo 'nteresse.

Dateme n'ommo dissinteressato ca ve stregne la mano senza nisciuno fine, e m’avrite dato n'amico.

Ma, sbenturatamente, nce trovammo a na bruttissema posizione, ca li vere amice se ne so fujute da lo munno, e ca chelle bonaneme de Oreste e Pilade, co tutto la riesto de li seguace loro so a' muorte, senza resta' nisciuno erede ncoppa' a la terra; a accezzione de chella gente de che io ntenno tesservene no poco de storia.

Sta gente de che io ntenno parla e' uneca a lu genere sujo, non se confonne co ll'autre classe de la societa' corrotta, pe le cquale lo munno tene sempe, na sbattuta de mano preparata, simbe' li bedesse nquacchiarese, la mano co lu sango de no frate acciso, o le bedesse scennere 'ngalera comme a libberature de la patria!

Ll'uommene tutte vestono a la jornata siconno le ricercatezza de la moda; cagnanno modielle, cauzanno attellato, facenno toletta siconno ll'urdemo fiurino de parige; ma l'uommene de che ragiono io a'nno pigliato a stima' un abeto sulo, miro da capo a lu pede, invariabbele sotto a tutte li stagiune, senza novita' de figurino, o riforma che se sia.

Sti tale, ca non ammettono nisciuna novita' ncuollo a la vita lloro, se so dichiarate, da che hanno avuto ll'uso de ragione, pe li vere amice de l'umanita'; e quanno l’anno jurato nnante all’uocchie de Ddio e de lo munno, non hanno mancato a le prumesse lloro, e so curze tutte alliere e facenno festa, a metterse sotto a li bannere de lu cristianesimo.

Si volite ca ve li chiammo co lu nomme proprio sti tale so li PRIEVETE. Si li PRIEVETE, chille che ogge stanno sotto a la persecuzione de li birbante, pecche' so li sule contrarie che commattano pe la fede de Cristo, e teneno co energia aizata all'aria lo stannardo de lu cattolicisemo.

Lu Prevete che non appena nascimmo e' lu primmo amico che nce vene a piglia' mmocca a la porta de la cchiesia, pe mezzo de lu quale lu cielo fa pace co nnuje e scancella da l'aneme noste lu peccato de lu primmo patre Adamo: lu Prevete e' ll’uneco ostacolo a li cattive designe de li modierne rigenerature, e che a li tiempe che corrono se tene pe ll'urdemo nisciuno de la societa'. Ah stupitaggine de chi non tene ne Ddio e ne coscienzia!

Lu napolitano ca e nato co Ddio nnante all’uocchie ave d'arricordarese de chi l’a' bisto nascere, e ca ll’ave fatto cristiano, e nn’a' da piglia' li pparte; pecche' li Prievete so li vere menistre de Cristo, mentre li modierne civilizzature so li ministre E li procurature de lo diavolo.

No besuogno, no male, na disgrazzia; na botta de cortiello che se dace a no 'nfelice; dinto a na a'ppicceco, nquacche ammuino addó l'ommo passa no guaje e stace pe tuzzulia' le pporte, chi e' chillo ca se nce mena mmiezo, e se mette sciato a sciato co lo moribonno?.... Non è fuorze lu Prevete?

Si vene lu sbirro no lo fa ca pe piglia' lu mmicidiante e purtarlo mpriggione; si s'accosta no passaggiero non s’accosta p'autro ca pe pura curioseta', pe ve dicere solamente: povero 'nfelice! Ma si s'accosta lu Prevete e' l'accustarese de lu vero amico che v’anema ad ave' fiducia a Ddio nchille estrEmE momente, e a rraccomannareve a lu cielo.

Lu munno ve 'nzinua dinto a la recchia de vennecareve si state buono; lu Prevete ve scongiura co tutte li fforze soje a perdona' lu nemico! Vuje signure de la moderna civilta' jate a festa e ad abballe; e lu Prevete se retira a la casa a pria pe li vuoste e li peccate suoje; a celebra lu sacrifizzio la matina pe mantènere lu sdegno de Dio, che vuje cchiù che spisso mettite coli spalle a lu muro co li scannele e li scenufleggie vuoste. Quale differenza da n’ommo a nautro, do no moderno rigenatore a no vero rigenerato; da no figlio prezza to da Ddio, a no cattivo menato a precepizio da lo Diavolo?

Vene la morte? bella, sazia, comme la comanna Dio, senza na gran disgrazia, ma accussi naturale naturale, co na specie de spurgo, co na freva malegna, co no poco de jettecìa morbogallica... Li pariente fujeno e.... se vanno a conta' la rrobba; lu papa e la mamma so portate altrove a chiagnere pe la fine vosta, tutte v'abbannonano..... chi ve resta a chi ll’urdeme momente? Ve resta lu PREVETE, lu menistro de Ddio; no lo martire de la Santa Pa'gnotta, ma lo martire de Giesù cristo.

Taliane tutte, Napolitane, spicchiateve. Quanno sentite sparla' de li Prievete pigliatene li difese, pigliatence la mazza si accorre, pecche ll’uneco amico ca nce resta ntutte l’anne de la vita nosta e lu Prevete, lu menistro de Ddio

Potra' veni' no momento a notte avanzata che lu cielo se sarra' scordato de l’acqua, se sarranno aperte le cataratte de lu cielo, lu munno se zeffonnarra' sotto a no temporale; e nuje nce trovarrammo all’estremo de la vita.... Volarrammo a Ddio 'nchille momiente, cercarrammo lu conforto de la religgione cattoleca… E… E.… chi se movarra' da dinto a lo lietto pence veni a conzola' 'nchille momente tribbulate?.… Sarra' fuorze no ministro d’Italia? No cavaliere de S. Maurizio e Lazzaro? No Sinnaco de lu paese nuosto pe lu quale avremmo fatto e sbucitiato tanto? No, no, no… Sarra' no semprece Prevete, no menistro de Ddio, che non manco saprimmo; lu quale se sosarra' de pressa, e zomparra' vicino a lu capezzale nuosto, onne apportarece chille sollieve e chelle pparole ca non nce aspettammo da lo munno.

Signure de li tiempe presente stimammo a li PRIEVETE. PE lloro la Civilta' 'ntutte li tiempe de la vita. PE buje chello che nn’avimmo avuto da che avite fatto li rivoluzziune, nf a quanno non se movarra' Ddio!!!

LU TROVATORE

Anno I. —Nummaro 30. —Martedi 27 Marzo 1866

MMEDITAZZIUNE PE LA QUARESIMA (6)

LU CONZORZIO – LA GUERRA.

La mmeditazione de sta jornata e' doppia, pecche' ne contène doje dinto a una, lu Consorzio ca nce a bastantemente rutto lu ssupierchio, e la gueròa' che 'nsalute nosta pare ca nce volesse annura' una vota pe ssempE.

Signure collennisseme ca mme leggite, si avite no poco de fede a la povero Trovatore, preparateve ca nce simmo. Mmeditate la miseria, la guantiera ‘ngiro pe fa denaro, le dimostrazziune nfavore de li duje S. Giuseppe modierne; lu sparafunna'miento! de lu parlamiento taliano, lo quale e' addeventato na vera Torre de Babele. L'elezzione de Mazzini juta a babboriveggioli comme dirria no talianissimo; la poca raccoveta fatta pe lu santissemo temporale de li taliane, le ppistolettate sparatese a Firenze la sera de li 19; li fuoche d'arteficio, la luna che caccia e trase la capo da de reto a la montagna de… non ssaccio addo, e avrite ditto tutto; avrite assaie assaie buono penzato, e conchiuso ca nce siòòo, pecche, a quatt'uocchie, e 'nfede de galantommo la storia a da feni na vota, e quanto cchit priesto nce ne jammo a ffa frijere tanto meglio sarra' pe nuje!

Signure, de lu governo, vuje ve site spiegate ab bastanza chiaro, e io v’aggio capito. Peccato ca non songo casadduoglio, e non tengo casecavalle a la casa, sino ve ne mannarria no mazzo 'ncoscienzia mia. Nce teneva cierte, ma li fenette, e mme restajeno sulo le ffunicelle; si ve vulite con tenta de cheste, site li patrune. Vuje jate no banco, anze site le ccolonne de lu banco... de lu sciulio. La storia de sto Consorzio e' na cosa bella assaje; e la manifestazione libbera espliceta de la posizione de lu governo, che non tene cchiù comme diavolo arrepara, ed ha da fa bancarotta pe fforza. Gran cereviello tenite vuje, accussi lu fenissevo da fora comme lu tenite da dinto! Vuje avite riflettuto ca era no procedere troppo spuorco lu ddi 'nfaccia a li taliane: signure mieje li denare se nne so ghiute, e nuje, quante simmo, simmo fallute! Era na bestialita' cchiù grossa de la famma de cierte ministre, e de lu primmo com messo de lu giornale mio. comme bonora arrEpara' lu guajo, e addo sarriamo jute a mettere la faccia, nosta sbrevugnata? E lu vero ca la faccia vosta e' fatta a prova de 'mbomme e non s’e' fatta maje rossa a munno sujo, ma sempe, pe non fa scompari all’autre, s aveva da trova no mezzo termene. E po, comme s’aveva da acconcia lu bi lancio fatto da Sella, da chillo de Don Quintino, lu duale annunziaje ca all’anno corrente 1866, lu Senato nce costa dujeciento trentamila lire, la Cammara de li deputate cincociento quarantamila lire, e che, de cchiù, li viagge de li deputate e senature sfriddano a lo governo, quattociento quarantamila lire? Somma totale No MILIONE E CIENTOSITTANTA mila lire!

Mettitece le ssolete cinquanta mila lire che se pavano pe fa prubbeca l’atte de lu parlamiento, la posta franca. ca non la pavano li deputate e senature, e che costa lu cielo sape quanto a lu Stato. Lu bibliotecario de le ssignorie loro che sulamente pecche' tene la conzegna de li ccarte se mazzeca 4 mila e ottociento franche de mesata; lu vicebibliotecario, n'autro martire, che se ne piglia 3 mila e ottociento, e po trentaquatto commesse, e quinnece portiere, che oltre a la mesata stanno pretennenno d’ave' pure la casa franca...

Oh., anema de chi ve sta pe nascere, e che bella coccagna ch'avite aperta! Comme diavolo s’aveva da i nnante? Avivevo ragione addonga de non trovareve co li cunte, e ca ice voleva pe forza na sepponta da sotto, almeno pe lo momento. ÂEn penzato perzo lu santo Conzorzio Nazionale; e stata na tirata de memoria felicissema, proprio na penzata d’angiole, na goccia d’acqua dinto a na vrasera, allummata!.. Ma, sbenturatamente, non tutte le ccose riescieno bone. chisto e' lu munno schifuso e puorco; tale e qquale comme a buje, signure conzorte.

Sta magnifeca penzata vosta a fatto toppa de faccia, e ghiuta pe se fa la croce e s a cecato l'uocchio, ha corruto, corruto, corruto, sempe 'nchiacchiere pero; s'a' fatto strummettia' da tutto li giurnale menisteriale pavate da vuje, e pos e assettato. - Ch’ e stato, che non e' stato?. non me fido cchiù, non pozzo i nnante, non aggio raccuoveto niente, pecche' non m banno voluto da niente, e felicissima notte a Cola,..... Oe isso se po di:

Ahi, povero Consorzio, pisse corto:

Aquila nacque, Pipistrello e' morto!

Requiescat in pace, anzi che ttorn’isso. Ne sentarrate a parla' quacc’autro ppoco accussi cuoncio cuoncio, ma chesto servarra' pe no lo fa vede muorto de morta subitanea.

E chisto e lu primmo punto de la benedetta mmeditazione. Attaccammo lo sicunno.— La Guerra.

Eh, signure mieje, e' ’ndubbitato ca stavota tornarrammo a sentere lu fieto de la povera. Nce sta quacche potenza ca s'ave gia' schiaffato mmano la miccia pe da fuoco, e aspetta lu 'nzignale. Guaje a chi non se trova priparato a la partita ca se joca'; 'nvece de risponnere a coppa lle risponnarranno a bastone, e avarra' lu patre de li barrate. Facimmoce no santissimo cunto 'ncapo ca senza cannonate non s’accordano facenne, comme senza denaro non se cantano messe; e nce perzuadarra'øno ca pe fa ll'unita' «co lu figlio de Nufrio, o de na manera, o de n’autra a d'abbusca' quaccheduno.

Abbuscasseno pure ma abbuscasseno priesto, risponnarrate vuje...... Va bene chello che ddicite, io so co buie, pecche' mo a dirla propria a la materiale nce anno rotte tre corde e la quarta poco tene, ma.….. si s'abbarrucano le ccose nne vene ca 'nvece de sbrugliarese se 'mbroglia de cchiù la matassa. s’a' da i chiano chiano; arricordammoce de la gatta ca pe ghi' de pressa facette li figlie cecate.

Le ppotenzie bone che bonno acconcia' ll'Italia una non so sceme a quanto pareno. Nce anno prommiso aunito a D. Proclamo de nce fa contiente a tutte quante?.E non dubbitammo, nce farranno contiente e... gabbate!

Pare ca sta vota se volesse fa addavero; la guerra nce sarra' e se farra' senza meno. L’Austria sta facenno armamiente gruosse, accattanno cavalle, e caccianno ordene de lu juorno furminante. Ía' tenuto paricchie conziglie de gennerale, a mannato tuorno tuorno visitanno e rinforzanno fortezze; ve pare mo ca tutte ste ccose lle faceva peniente? E la Prussia ca manco scarzea co li fatte suoje? E ll’urzo Moscovito ch’arravogliato dinto a lu ca'ppottoco la pelliccia ha miso pur’isso a rrica' li sordatielle suoje?.. Pe do? e chi mne sape miente?!

Addonga guerra?... guerra pe quanto e' certo che simmo vive; e vivimmo sicure ca si non nce sarra' na bona guerra non potarrammo avè maje na bona' pa'cE! E accussi sia! Miserere etc:

LU TROVATORE


vai su


Anno I. —Nummaro 30.—Giovedi 29 Marzo 1866

URDEMA MMEDITAZIONE - LO NUOVO PROGETTO

PE FENI’ DE SPOGLIA’ A CRISTO!

corre na voce da no poco a sta parte, e l’a' riportata purzi quacche giornale de l'auta Italia, e nuje a lo nummaro scurzo, zzoe' lu progetto urdemo, miso ncalannario da lu Canoneco Paolo Baro ne, de la cita de Pinerolo, de ricorrere all’argentarie e a li vase sacre de li cchiesie, onne arrepara a li guaje e li diebbete fatte pe cunto de li conzorte d’Italia; che co li belle e suave manere de lu govierno lloro ll'anno arredotta a sto punto difficorduso.

Nuje nce aspettavamo autro che chesto da li rigenerature nuoste, e da li prievete sprevetate ch’anno disartata la bannera de Cristo.

La storia, ca non sbaglia maje, nce a' ditto ca li rrivoluziune a tutte l’epoche de la vita non se fanno p’autro ca p’ARRUBBA’. Quanno no regno non se mette sotto e ncoppa e se scombussola tutto, non se ponno schiaffa' pe mmiezo li mariuncielle de moccatore, e bede' che se ponno agguanta.

No governo che sta tranquillo pe na ventina d’anne de sequeto, e la vera fenice de li govierne. E’ tanno ca li birbante d'ogne genere, e ca so tenute sempe d’uocchio da la pulezzia, s’aunesceno ntra de lloro, e sotto aspetto de pecore mazziate se fanno lupe rapace, e se danno anemo e cuorpo a ll’opera, e revotano lo munno.

S'accommenza apprimmo co discredeta' chillo ca nce sta; po se metteno 'ntruocolo li birbantate che ffanno li rappresentante suoje; se cerca de corrompere la preba 'nzinnannola a ghi' appriesso a li sapute pe se fa modifica' le legge, e accorda li rriforme; all’urdemo quanno, sempe strillanno e ammuinanno, s'e' attenuto a biva forza chello che s'è cercato, tanno li coffiature de la povera gente, se metteno ncanneliero lloro, pigliano paese all'auto, e chi vo Ddio che se lu preja! Accussì e' ghiuto sempe lo munno, e lu cielo a mortificato li popole co mannarele li rivoluziune.

S’e' bisto sempe abberato lo mutto: A chi la carne de voje non abbasta, se magna le ccorna ca so cchiù toste!

Ll'auciello che dinto a na magnifeca gajola e' cevato, pulezzato e covernato, non se ne contenta, e ba trovanno sempe autra libberta' de chella che ttene, e non l’apprezza, pecche' non l'abbasta! No bello juorno pero' rutto no ferrezzullo da faccia a la gajola se ne scappa e piglia no vuolo lontano, addo' vo respira' cchiù libbero. Ma non manco s'e' allontanato na cinquantina de passe…. Tta'… na botta - Ch’e' stato? — Niente, n’affare de fa miglia. Lu cacciatore ca se trovava a lu 'mpuosto ll’a' tirata na scoppettata e l’a' fatto cade muorto pe se lu zufrijere dinto a lu tianiello. Mannaggia all’arma de lu vantaggio! vi che bonora de libberta' ave avuto chillo povero auciello!!—A nuje nc’e' succeduto no punto cchiù peggio però, pecche' simmo juto adderettura 'ngalera, e prive de grazie. Li signure nuoste ca lu cielo non s’a' da scurda' maje..., quanno trona, nce anno accunciate buono pe le feste, e se stanno devertenno 'ncoppa a le sostanze, noste de na manera tutta nova. Mo lu Canoneco Viola «o comme si chiamm’isso» de Pinerolo, c’avra' da esse quacc’autro buono figlio! ha visto ca arrivato a li frutte lu Conzorzio non ha fruttato niente, a' penzato de sottomettere no progetto sujo pe ffa denaro cchiù priesto, ed e' chillo, de spoglia' a Giesù cristo; levarele tutte ll'argentarie e rrobbe preziose ca se trova, portarele abbascio all'arifece de tutte li paise taliane; vennerle e 'ntroita' denaro. O pure piglia' sta rrobba e mannarela a la zecca, addo squagliannose fruttarra' lu stesso, anze nce farra' sparagna' la spesa de lu ncantatore.

MARIUOLE Co LA SCALA 'NCUOLLO!!!

Non nc’era restato ca' cristo solamente, e materialmente accussi fatto de statua dinto a lle chiesie noste, e pure a isso volite spoglia'?

V’avite pigliato tutto, avite spogliato pure a li muorte dinto a le terrasante. Avite passate a rassegna tutte li generazziune d’Italia pe le spremmere sotto a la soppressa de li ttasse e soprattasse. Ve site spassato tanto a mettere ncroce a la gente, ca si Dommeneddio non fosse de misericordia e nce mantenesse sto ppoco d'aria che respirammo, facennoce campa' comm'a li Calamionte, chiavarriamo de faccia 'nterra a la jornata pe mancanza de mezze.

Sulo Cristo e la cchiesia soja nc’erano rummase, e pure a chesto avite miso la vocca! Che ve se pozza 'nzerra la vocca de lu stommaco una vota pe ssempE.

Menistre de lu regno d’Italia, lu progetto e' bello, approvatelo.

Se tratta de fa denaro, ca non ne tenimmo, e non s’anno d’ave' scrupole: vuje mme site nato senza. cuscienzia e denare, viato chi nn’a'vE. Dateve da fa. Nuje napulitane l'avimmo strascenato pe la sacrestia, e li settentrionale hanno fatto lu progetto de lle leva' pure la cammesella da cuollo.

SIGNO’, non te scorda' de nuje, penza ca nuje sule te credimmo, e te confessammo gruosso assaje; ma pecche' non te daje da fa? Arricordate Signo' de lu regno d’Italia, da lume a ll'Italiane, e guarda co n’uocchio particolare lu Canoneco de Pinerolo; rischiarele la mente, e fatte a bede' addo mette lu pede!! Sante tutte de lu Paraviso, s'accostano ll’estreme momente de la Conzortaria, la quale sta facenno ll’urdeme sfuorze de la morte nnante de 'nzerra ll’uocchie. Priate pe essa.

Lu sonatore d'organo che sonasse e cantasse la DIASILLA, ca s’è ammaturato lu piro, e lu Canoneco Âarone jesse stutanno tutte le llampe da nante a li sante, e ghiesse a fa lu giudejo a lu sebburgo mo ch è arrevata la jornata soja!!!

LU TROVATORE

Anno I. —Nummaro 32. —Sapato 31 Marzo 1866

CORRIERE DE LU TROVATORE

AVVISO

Martedi' prossemo farrammo festa, onne arreposarece no poco, e' da' na jornata de spasso a li giuvene de la stamparia. Pe conzeguenzia la settimana che trase lu giornale esciarra' Miercodì, Viernadì, Dommeneca. Tanta riguarde!

CORRIERE DE LU TROVATORE

Sii vota mme darrate lu permesso ca ll’articolo de funnamiento sia na vera sporta de lu tarallaro. È ll’urdemo juorno de la semmana santa; e' la jórnata funesta de la povera Quarajesema, che co no sciuttapanno de truone e tricchitracche se ne va a fa frijere da chisto munno, e co lo sparatorio sujo fa sciogliere la lengua a tutte le ccampane de Napole.

Che bella cosa e' la morte de Quarajesema; fernescene chelle vivanne disgustevole, chell’uoglio mmicidiate; chell’arenghe accussi' ssalate, e chello pesce continuato che pecche' magnato accussi' spisso tene sempe a nnausia; benedetta sia la ciacella, e ll’a' criata. Va tanto no quarticiello, lettore mio, sapurito, ca na fella de tunno co tutta la guarnizzione de li pesielle. Ah... finamente dimane tornarra' a da' n’abbraccio a la carne; almeno buone cattolece. Ca de lu riesto ognuno e' stato patrone de se la magna' a tutte ll’ore de lu juorno. Mo nce sta libberta' ’ntutto, e li libbere penzature non attaccano cchiù idee a cierte pregiudizio de sacrestia.

La passiata de Giovedi' Ssanto e' stata no poco perniciosa a tutte le 44 milia zetelle de Napole— Parentese - a cunto fatto, so dudece anne, ca le zzetèlle de Napole se contano sempe pe 44 milia; li chiammo pur’io quann’e' accussi' - chiudo la parentese. La jornata che da la matina pareva vole' essere bona, tutto ’nziemo se ’ngaravugliaje, e se mettette lu mantiello scuro, fuorze pe se vèstere essa pure co etichetta, e da lu doppo magnato ’npoje accomminciaje a piccia'!

Ll’acqua, ll'acqua! strillacene tutte le: figliole quanno la vedetteno assomma' da cielo. Bene mio, ll’acqua! E nuje ca nce stevamo allustrenno e priparanno pe la cara comparenza.... Non fa niente, figliole meje, lu cielo accussi' aveva, destinato, sarra' stato meglio pe buje. E pò, pe quanto mme pozzo arricorda', io nn’aggio visto paricchie de vuje che co tutta ll’acqua e li ’mbrielle apierte mmano, ve nn’avite voluto ì cevettulianno co li damerine appriesso. o mme fosse ’ngannato?

E tutto e' fenuto. Se nn’e' passata pure n’autra quarajesema, n’autra semmana santa, e n’autra passista co ll’acqua!

Lu questore sta vota a' voluto sarva' la crapa, e li cavole, comme se sole dicere. Ha cacciata n’ordinanza pe le ccarrozze che permetteva e non permetteva lu trafeco lloro pe Napole. Pe Toleto no, e pe ll'autre strate sì. Comme si Giesù Cristo se fosse truvato sulo mmiezo Toleto esposto ’nterra. o tutto comme a na vota, o niente ntutto de lu ppassato. Nn’ogne modo s’e' avuto sempe no cierto riguardo pe lu gentil sesso. Lu Questore pare ca co chell’ordinanza ll’avesse ditto:

La chiazza vosta e' libbera

Potrite passia'.

E lloro so ghiute a lu passiature gloriose e trionfante.

Le mmura de Napole so state ‘nchiaccate de li nuove cartielle che apparecchiano le nnovita' a lu paese. Lu triato de la Fenice a' cacciato lu prospetto d’appardo pe la nova compagnia soja de museca buffa e semiseria; e s’aprarra' co la Sonnambula. Lu Giardino d'Inverno s'e' annunziato de fa lu stesso pur'isso, ma co la Âorghi-Mamo, e De Âassini! cca' se va meglio. Avarrammo comme nce deverti, si nce superchiano denare.

Lu Giornalismo pure s'e' rebellato. Jesciarra' la Finanza, la Scola, la Pianella,… e, che ssaccio, pure la S’e' Menechella, mme pare.

Giovanne Gervasi, lu papa' de li giornaliste a di mmale-parole a chi se li mmereta, a' miso pur'isso li cartielle pe la PRETA ‘NFERNAALE soja, e ghiesciarra' co lu primmo giornale lu juorno 9 aprile. Non ve facite mmaraveglia si nuje parlammo de stu giornale, e l’annunziammo pe la siconna vota. E pecche' nce piace assaje a senti canta palinodie a cierte perzone che n'hanno abbesuogno, specialmente quanno le so bone cantale. E sta vota terra tienete! chiudimmo lu trascurzo, e parlammo de cose allegre. Dimane e Pasca, e Lo Trovatore ll'augura a tutte li letture appassionate suoje co tutte le ffelicita', e le ccontentezze possibbele, ma non accussi, 'ntennimmocE, non accussi. Non boglia maje lu cielo e starrammo n'autro anno de chesta manera, e senza denaro comme nce trovammo mo, nce potrimmo mena' abbascio. Ma lassammo fa a lu cielo. La Pasca de l’anno che bene la puzzammo passa' meglio assaje de chesta, e vede cchiù ffelice e contenta la gloria de lu Paraviso!

Non ve magnate tutte le ccose doce. Arricordateve de li poverielle de Napole ca nce nn’a'nno assaje ! S’e' llevata pure l'ausanza de la funzione a lo Vòmmaro, sino nnante de chiudere ll'articolo ve diciarria a la baccalajuolo: A revederece ‘ncoppa' Pa'sca, la matina de lu Vòmmaro! Ma non potennolo ve dico: a rivederece la matina de miercodi.

LU TROVATORE



























vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilita' del materiale e del Webm@ster.